Dizionario gravidanza

Citomegalovirus (CMV)

f0024805-herpes_virus_particle_tem-spl
30 Ottobre 2013 | Aggiornato il 01 Febbraio 2015
Il citomegalovirus è un virus molto diffuso che infetta l’essere umano, soprattutto i bambini in età scolare.
Facebook Twitter More

È un virus molto diffuso che infetta l’essere umano, soprattutto i bambini in età scolare. La trasmissione dell’infezione, che può essere asintomatica o simile a una sindrome influenzale, avviene attraverso il contatto con sangue, urine, saliva, liquido seminale, secrezioni vaginali e latte materno. La donna che contrae l’infezione da Citomegalovirus durante la gravidanza può trasmetterla al feto tramite la placenta: il rischio per la salute del nascituro è tanto più alto quanto più precoce è l’epoca gestazionale in cui avviene il passaggio ma, nel 90% dei casi, la malattia non produce alcuna conseguenza. In un caso su 10, invece, si manifestano danni al sistema nervoso, ritardo di sviluppo e prematurità. Tra gli esami del primo trimestre è possibile eseguire la ricerca, nel sangue materno, di anticorpi diretti contro il virus che sono indicativi di un’infezione antecedente o contratta in gravidanza.

 

 

LEGGI ANCHE LE ALTRE VOCI DEL DIZIONARIO DELLA GRAVIDANZA

 

A cura delle dott.sse Letizia Stefano, Marta Mauri, Evita Calvi, Letizia Laffranchi, Federica Quadrelli, Karina Makarenko, specialiste di ASM, l’Associazione per lo Studio delle Malformazioni Onlus, ginecologhe presso la Clinica Ostetrica e Ginecologica, Ospedale San Paolo, Polo Universitario, Milano.

 

Per approfondire: Citomegalovirus in gravidanza