Nostrofiglio

Gravidanza

Fattore Rh, che cosa succede se la donna presenta anticorpi già al terzo mese di gravidanza?

bw4c5x

03 Maggio 2013 | Aggiornato il 17 Giugno 2015
Risponde Giuseppe Noia, responsabile del Centro di diagnori prenatale e terapia fetale del Policlinico Gemelli di Roma: la gestante sarà seguita con più assiduità effettuando il test di Coombs ogni tre settimane.

Facebook Twitter Google Plus More

"Se la futura mamma, Rh negativa, presenta anticorpi anti-D già durante il primo trimestre di gravidanza, dovrà essere seguita con più assiduità" afferma il ginecologo Giuseppe Noia, professore associato all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma e responsabile del Centro di diagnosi e terapia fetale del Policlinico Gemelli di Roma.

"In particolare, la donna dovrà effettuare il test di Coombs ogni tre settimane, anziché ogni mese. Per quanto riguarda il bambino, la valutazione di un'eventuale anemia  può essere fatta con la velocimetria doppler, un test ecografico non invasivo, oppure con test invasivi come l’amniocentesi e la cordocentesi".

"Se il livello di anemia fetale è preoccupante - prosegue Noia - e la gravidanza è oltre le 30 settimane, il bambino viene fatto nascere. Prima delle 30 settimane invece si procede con trasfusioni intrauterine, in genere nel cordone ombelicale o nel peritoneo del feto, fino al momento del parto, che verrà stabilito caso per caso e sulla base delle condizioni cliniche fetali valutate globalmente".

La terapia trasfusionale è l’unica terapia possibile in casi di gravi incompatibilità Rh e ha cambiato la storia naturale di questa affezione materno-fetale: la sopravvivenza è passata in 20 anni dal 60% al 90%.