Nostrofiglio

Salute donna

Gli esami per prevenire il tumore all'utero

tumore_utero

18 Aprile 2012
Pap test e vaccinazione Hpv per prevenire il tumore all'utero: quando e come farli.

Facebook Twitter Google Plus More

“In Italia si registrano ancora 3500 nuovi casi all’anno, ma è uno dei tumori sui quali la ricerca ha registrato i maggiori successi, tanto che la malattia potrebbe addirittura scomparire tra le nuove generazioni se solo si seguissero tutti i protocolli già a nostra disposizione, che si basano non sulla diagnosi precoce ma proprio sulla prevenzione” esordisce Mario Sideri, Direttore della Divisione di Ginecologia preventiva dell’Istituto Europeo di Oncologia (IEO).

Sì, perché il tumore del collo del’utero si può prevenire. E questo non solo perché gli attuali strumenti di screening – Pap test e, ancor più, Hpv test - sono in grado di identificare i precursori del tumore, ossia le lesioni precancerose, prima ancora che diventino cancerose, ma anche perché abbiamo a disposizione un vaccino contro il virus responsabile di questo tipo di cancro, il Papilloma Virus. Analizziamo uno a uno tali strumenti.

Pap test

Il pap test è un semplice prelievo di cellule della cervice uterina che, strisciate su un vetrino, vengono poi osservate al microscopio. Serve per identificare delle ‘macchie’, ossia delle alterazioni del rivestimento del collo dell’utero che precedono la formazione del cancro, che, se presenti, vengono rimosse con un piccolo intervento chirurgico ambulatoriale per scongiurare il rischio che si sviluppi un tumore. In base ai programmi di screening nazionali, il pap test nelle strutture pubbliche viene offerto gratuitamente ogni tre anni a tutte le donne da 25 fino a 65 anni.

Vaccinazione HPV

Per le nuove generazioni c’è una risorsa in più rispetto il pap-test, perché il cancro della cervice uterina può essere prevenuto vaccinandosi. “Si è scoperto infatti che tutti i tumori del collo dell’utero sono causati da un virus, il Papilloma Virus (HPV), contro il quale disponiamo da alcuni anni di un vaccino. In Italia la vaccinazione contro l’HPV è disponibile dal 2007 e viene raccomandata a tutte le ragazze a 11-12 anni, che a quell’età ricevono dall’ASL una lettera che le invita a sottoporsi (in molte regioni gratuitamente) al vaccino.

“L’età del vaccino è fissata a 11-12 anni - quindi prima dell’inizio dell’attività sessuale e prima del menarca - per due motivi” spiega il dott. Sideri: “uno perché con l’inizio dei rapporti sessuali eventuali germi vengono portati direttamente in vagina, due perché il menarca comporta un cambiamento della cervice uterina che la rende più suscettibile ad infezioni virali. In teoria, il vaccino è efficace se effettuato fino a 45 anni circa, ma l’efficacia diminuisce mano che si va avanti con l’età, ecco perché si consiglia di farlo entro i 20-25 anni. La vaccinazione HPV viene offerta (a carico del paziente o con il pagamento di un ticket) anche ai maschi, dai 9 ai 25 anni, sia per evitare il rischio di contagiare le compagne, sia perché il virus è associato alla formazione di condilomi e tumori dell’ano e del pene”.

HPV-test

“La scoperta dell’origine virale del cancro del collo uterino ci ha consentito un altro approccio alla prevenzione di questo tumore” prosegue Mario Sideri: “effettuare ogni cinque anni un test per la ricerca del virus HPV: se l’esito è negativo, quindi l’infezione non è attiva, non c’è la possibilità di sviluppare lesioni pre-cancerogene (e quindi di ammalarsi), quindi non occorre neanche effettuare il pap test; se l’esito è positivo – cosa che si riscontra all’incirca nel 7-8% dei casi - non significa che ci si ammalerà di cancro, ma per precauzione si fa anche il pap-test, da ripetere dopo un anno se negativo”.

L’HPV test può essere effettuato dal medico o da un’ostetrica con un semplice tampone oppure direttamente dalla donna, grazie ad una lavanda vaginale che aspira il liquido, che poi si raccoglie in una boccetta e si porta al laboratorio analisi, anche se al momento non è facile reperire in farmacia il kit per il prelievo fai da te. Il costo dell’HPV test varia tra i 40 e gli 80 euro (ma con il SSN in genere costa anche meno).

Articoli correlati:

- Come proteggersi dal tumore all'ovaio

- Ecografia e mammografia per prevenire il tumore al seno

- Il check up salute per la donna