Nostrofiglio

News

La toccante lettera di una mamma di una bimba con sindrome di Down al suo ginecologo

letterasindromedidown

13 Giugno 2016
Quando scoprì che la propria bimba nel grembo sarebbe stata affetta da sindrome di Down, un ginecologo le consigliò l'aborto. Oggi Emersyn  ha 15 mesi. Sua madre, Courtney Baker, avrebbe potuto scegliere di non farla venire al mondo. Per questo Courtney ha scritto una lettera, diventata virale, al suo ginecologo. E l'ha fatta pubblicare sul blog Parker Myles, dedicato ai bimbi affetti da questa sindrome.

Facebook Twitter Google Plus More

Ha impiegato poco più di un anno per prendere questa decisione. Ma l'ha presa. E ha scritto una toccante lettera al suo ginecologo. 

 

Courtney Baker è da 15 mesi mamma di una bimba affetta da sindrome di Down. Si chiama Emersyn, Emmy, ed è una bimba speciale. Quando, durante la sua gravidanza, scoprì la sindrome della piccola che portava in grembo, il ginecologo che l'aveva in cura le consigliò l'aborto.

Da qui, la lettera. Rivolta a tutti i genitori che si dovessero trovare davanti alla sua stessa decisione.

 

«Sono venuta da te - scrive la donna nella lettera pubblicata sul blog Parkermyles.com, rivolto ai genitori con bimbi affetti da sindrome di Down  - nel periodo più difficile della mia vita. Ero terrorizzata, ansiosa, nella totale disperazione. Non sapevo ancora la verità sulla mia bambina, perciò cercavo di saperla da te. Invece di aiuto e incoraggiamento, mi hai consigliato di abortire. Ti ho detto il suo nome, e mi hai chiesto ancora una volta se avessimo capito quanto si sarebbe abbassata la qualità della nostra vita con una figlia con la sindrome di Down».

 

A partire da quel momento, Courtney e il suo compagno hanno cominciato a temere i successivi appuntamenti con il medico. «Il periodo più difficile della mia vita - scrive la donna - è stato reso quasi invivibile perché tu non mi hai mai detto la verità. La mia bambina era perfetta».

 

«Emersyn non solo ha aggiunto qualità alla nostra vita, ha toccato il cuore di migliaia di persone. Ci ha dato uno scopo e una gioia impossibile da esprimere. Ci ha donato i sorrisi più grandi, le risate e i baci più dolci che abbiamo mai conosciuto. Ci ha aperto gli occhi sulla vera bellezza e sull’amore puro».

 

«Il vostro bimbo è perfetto» conclude Courtney.

La storia: mi avevano detto che sarebbe nato con la sindrome di Down.

La storia della mia gravidanza e del mio parto, pur avendo dei tratti in comune con tante altre, è una storia strana. Questo perché, durante un'ecografia, scoprii che mio figlio aveva un difetto al cuore e che sarebbe potuto nascere con la sindrome di Down. Io scelsi da subito di lottare per lui. E non mi sono mai pentita di questo. Vi narro meglio tutto dall'inizio. Io e mio marito, dopo dieci stupendi e lunghi anni di fidanzamento, decidemmo di sposarci il 10 maggio del 2013. Subito provammo ad avere un bambino. Noi volevamo una famiglia, desideravamo subito dei bambini. Infatti, a luglio restai incinta. Avevo sperato tanto di diventare mamma nell'immediato e mi resi conto di essere stata davvero davvero fortunata. Ero al settimo celo. Comprai e feci il test di gravidanza il 26 luglio, il giorno della festa di S. Anna, protettrice delle donne in attesa e... continua