Home Gravidanza

Misura Fondo Sinfisi: cos'è la misurazione fondo uterino

di Niccolò De Rosa - 02.11.2021 - Scrivici

sinfisi-fondo
Fonte: Shutterstock
La Misura Fondo Sinfisi è un esame utile per monitorare la crescita del pancione e l'andamento della gravidanza. Ecco di che si tratta

La misurazione del fondo uterino (o Misura Fondo-Sinfisi) è un controllo periodico per nulla invasivo, semplice, ma comunque utilissimo per monitorare l'andamento della gravidanza. Vediamo di cosa si tratta.

Misura Fondo-Sinfisi: cos'è e a cosa serve

Sin dali anni '70/'80 la misurazione del fondo uterino è diventata una prassi comune nel controllo dell'evoluzione di una gravidanza. Si tratta di una pratica clinica molto semplice può essere effettuata a partire dalla ventesima settimana di gravidanza.

Come si esegue la Misura Sinfisi-Fondo

Per prima cosa, la futura mamma viene invitata a mettersi in posizione supina sul lettino e di rilassarsi completamente, in modo da non contrarre l'utero.

A questo punto sulla paziente viene eseguita la prima manovra di Leopold, una manovra ostetrica che, all'atto pratico, si risolve in una specie di abbraccio che circonda il pancione e stabilisce la posizione del feto all'interno dell'utero femminile e il fondo uterino, cioè la parte finale dell'utero. Circondato il pancione, l'ostetrica/o si serve quindi di un comune metro da sarta per misurare la distanza tra la sinfisi pubica - ossia l'articolazione cartilaginea collocata anteriormente al bacino, appena sotto l'attaccatura dei peli pubici e il fondo uterino - e il fondo uterino.

A cosa serve?

Il numero ricavato viene registrato e inserito in una tabella con curve e percentili che servirà come dato di valutazione delle dimensioni del bimbo, della sua posizione, soprattutto del suo tasso di crescita nel corso del tempo.

Misurare il fondo uterino è importante perché l'eccessiva o la ridotta differenza delle misure tra un controllo e l'altro potrebbe segnale qualche problema o stranezza nello svilupppo fetale. La misurazione infatti può segnalare:

  • La presenza di un feto macrosmico (troppo grande).
  • Iposviluppo o arresto di crescita intrauterina del feto.
  • Gravidanze gemellari.

Tale controllo, inoltre, consente di valutare la quantità del liquido amniotico presente all'interno dell'utero e la tonicità delle pareti uterine, una caratteritsica importante in sede di parto, quando la resistenza dell'utero viene messa alla prova dalle forti contrazioni.

Quanto deve crescere la pancia?

Normalmente una normale evoluzione della gravidanza prevede che la distanza presa in esame aumenti di circa un centimetro ogni settimana, contando che alla ventesima settimana - quando si comincia a misurare il fondo uterino - il dato ricavato dovrebbe aggirarsi intorno ai 18-22 centimetri.

Tabella di crescita Misura Fondo-Sinfisi

La tabella internazionale per la misurazione dell'altezza Fondo-Sinfisi (International symphysis-fundal height). In ascissa (la retta orizzontale) troviamo le settimane di gravidanza, mentre in ordinata (la retta verticale) vengono indicati i centimetri misurati.

Fonte: BMJ Medicine

Le possibili differenze di misurazione

Benché considerata affidabile (seppur non quanto un esame efffettuato con strumentazioni), la misurazione Fondo-Sinfisi è soggetta ad alcune variabili determinate dalle singole caratteristiche della paziente. Tali fattori possono essere:

  • L'altezza e il peso della madre: una madre particolarmente bassa ed esile potrebbe presentare misurazioni non in linea con i parametri, senza comunque destare particolari preoccupazioni per la crescita del piccolo. Viceversa una madre alta e corpulenta potrebbe presentare numeri più alti della norma.
  • Metodi di misurazione degli operatori: trattandosi di una misurazione clinica, effettuatata "a mano", c'è la possibilita che differenti operatori possano rilevare il dato in modo leggermente diverso (ad esempio spostando in su o in già il punti di partenza della misurazione). Per questo sarebbe meglio che la Misura Fondo-Sinfisi venisse effettuata sempre dalla stessa persona.
  • Prima gravidanza o meno: durante la prima gravidanza si tende a presentare muscoli addominali e legamenti, mentre con le successive gravidanze la pancia tende a spostarsi verso il basso.
  • Posizione del feto: i criteri sono tarati presumendo che il bimbo si trovi in posizione cefalica (a testa in giù). Ovviamente nei casi diversi (posizione cefalica, trasversale o obliqua), le misure saranno differenti.

FONTI: BMJ; NCBI

TAG:

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli