Foto ricordo

Foto in gravidanza, come farle bellissime

Di Sara De Giorgi
mamma-incinta-dea
17 giugno 2020
Quali sono le migliori tecniche per fare splendidi scatti alle future mamme con il pancione? Lo abbiamo chiesto alla fotografa Angela Cecconi, autrice del sito Mammebelle.it, che a quasi 40 anni ha deciso di puntare su ciò che prima della nascita dei suoi figli era solo un hobby: fare scatti a donne incinte.

Fotografare il pancione è una cosa che fanno molti futuri papà e anche le famiglie (zie, sorelle o fratelli, genitori) della mamma in dolce attesa. Inoltre, immortalare un periodo della vita come quello della gravidanza è significativo: le immagini diventano dolci ricordi da guardare quando si ha nostalgia e quando si vogliono trascorrere momenti felici con gli altri familiari. 

 

Ma quali sono le cose da sapere per fare delle foto bellissime al pancione? Quali sono le tecniche per immortalare le future mamme in splendide foto? Lo abbiamo chiesto alla fotografa Angela Cecconi, creatrice del sito Mammebelle.it e che a quasi 40 anni ha deciso di puntare su ciò che prima della nascita dei suoi figli era solo un hobby: fare scatti a donne incinte.

 

NELLA GALLERIA FOTOGRAFICA DI SEGUITO LE FOTO DI ANGELA CECCONI:

 

Fotografare donne con il pancione

 

Angela Cecconi ha raccontato come è nata l'idea di fotografare future mamme con il pancione.

«L'idea mi è venuta quando la mia migliore amica, 13 anni fa, aspettava la sua prima bambina e, sapendo che mi diletto con la fotografia e che ho l'attrezzatura giusta (con il mio compagno abbiamo un'agenzia di comunicazione e il mio compagno è fotografo "serio"...come dico io....che non mi ritengo fotografa seria affatto!) mi ha chiesto delle foto.

 

Le ho fatte e sono piaciute, così poi me le ha chieste una sua amica, poi mia cognata, poi un'altra amica.... e da lì è nato tutto».

 

L'attrezzatura migliore per fare foto a future mamme

 

«L'attrezzatura per me non ha tutta questa importanza, una qualsiasi reflex anche semiprofessionale va bene. L'importante è l'occhio. Io non sono molto tecnica come fotografa, ma sono più improntata a cogliere l'emozione. Io fotografo solo in studio, quindi per me fondamentali sono i flash e il loro posizionamento».

 

I momenti migliori per fotografare le future mamme

 

«I momenti migliori sono quelli di divertimento e complicità con il compagno o con altri figli, le risate scoppiate all'improvviso... Ma sono ottimi anche i momenti più riflessivi, quelli in cui la mamma si accarezza e guarda la pancia, come se volesse già coccolare il bambino che nascerà».

 

Suggerimenti per fare foto bellissime di donne con il pancione

 

Ecco alcuni validi consigli, di Angela Cecconi, per chi intende fare delle foto bellissime alle future mamme con il pancione.

 

  1. «Aspettare che la pancia sia ben in evidenza, cosa che varia da donna a donna, ma di solito dall'ottavo mese va bene.
  2. Non mettersi un abbigliamento troppo modaiolo, perchè queste foto le riguarderete per i prossimi 10, 30, 50 anni... e più sono legate a un moda, più potrebbero risultare "ridicole" (un po' come quando riguardo le mie foto delle superiori in pieno stile anni 90!). Io consiglio sempre indumenti basic e monocolore... e più seminudo possibile.
  3. Fare tantissimi scatti: per ottenerne 30 buoni io ne faccio dai 200 ai 300. Nella stessa posa scattare in continuazione, finchè non si coglie l'attimo giusto.
  4. Sembra scontato ma... una depilazione è fondamentale, a meno che non si sia proprio amanti del "nature" estremo. I peli sono difficili anche col fotoritocco da togliere, quindi... vai di ceretta!
  5. Truccarsi come ci si trucca di solito. Se una è una ragazza acqua e sapone eviterei il trucco pesante, ma se una ragazza si trucca molto come abitudine, dovrebbe farsi vedere così. Attenzione al fondotinta, che però potrebbe poi fare troppo stacco tra il viso e il resto del corpo. Meglio non usare nulla sulla pelle, massimo cipria opacizzante.
  6. Idem per gli occhiali: se una persona non li toglie mai (nemmeno quando ha una serata speciale), non ha senso che col pancione si fotografi senza occhiali.
  7. Io fotografo in studio e quindi con luce artificiale. Non saprei dare quindi consigli in merito alla location, sta alle abilità del fotografo scegliere il luogo e la luce più giusti. Se si fanno in esterno, la luce di taglio del tramonto è sicuramente migliore di quella del mezzogiorno.
  8. Alle mamme dico... state "petto in fuori, spalle indietro". È  molto facile avere una postura un po' curva (anche perchè il seno inizia ad avere un suo peso!), ma per le foto è meglio mantenere una bella postura. Il giorno dopo faranno male tutti i i muscoli, ma ne sarà falsa la pena.
  9. Fatevi qualche scatto con le persone a cui volete bene: figli maggiori, mariti o compagni... ma anche con sorelle o nonni. Saranno un bel ricordo».

"Reinventarsi un mestiere a 40 anni: ora fotografo donne col pancione". La storia di Angela Cecconi

"Ho aperto 13 anni fa con un amico una piccola agenzia che si occupa di grafica pubblicitaria, siti internet e fotografia. Il mio amico è un fotografo, e io mi occupavo di grafica. Dopo qualche anno è sbocciato l'amore e da 7 anni stiamo insieme.

Il lavoro era diventato la mia vita, a maggior ragione che lo condividevo col mio compagno. Non esistevano orari, non esistevano week end.

Quando è nato il mio primo bambino, che si chiama Jarno (come Jarno Trulli... ma non si chiama così per lui!), l'arresto si è fatto sentire tantissimo: a lavoro il mio compagno non ce la faceva a fare tutto da solo, io cercavo di aiutarlo da casa, ma era difficile, ero stanca e distratta e quindi facevo poco e lo facevo male. Inoltre, una volta rientrata a pieno regime, dopo 5 mesi, mi ero accorta che ero rimasta indietro. Il mio lavoro richiede un aggiornamento continuo, bisogna "essere sul pezzo" in continuazione, perché le tecnologie e gli stili mutano di continuo. Quindi ho fatto una gran fatica a reinserirmi, senza considerare il fatto che comunque avevo un bambino e che ogni volta che c'era bisogno quale che doveva stare a casa ad accudirlo ero io...".

Continua a leggere la storia di Angela