Gravidanza

Sono incinta, devo mangiare per due?

Di Nostrofiglio Redazione
donna-incinta-affamata
2 giugno 2020
Durante la gravidanza cerca di introdurre nella tua alimentazione più latte o latticini, molta frutta e verdura, pane e cereali preferibilmente integrali. Altre sostanze necessarie sono l'acido folico, lo iodio e il ferro.

 

Il peso in gravidanza

 

Dalle 150 alle 300 kcal in più al giorno

Le donne incinte hanno bisogno di circa 300 kcal in più rispetto a prima, il che equivale più o meno a un panino con il formaggio, di un pacchetto di crackers, un frutto e un cucchiaino di olio oppure di mezzo panino e un bicchiere di latte scremato.

Considera però che questo calcolo per molte donne incinte non vale, perché (giustamente) rispetto a prima si concedono più pause e periodi di riposo. Magari si muovono anche di meno. Diminuisce in questo caso il dispendio energetico totale: per questo possono bastare anche 150-180 kcal in più al giorno durante tutta la gravidanza per soddisfare i nuovi fabbisogni.

 

Dunque consumano meno calorie. Durante la gravidanza cerca di introdurre nella tua alimentazione più latte o latticini (vanno benissimo gli yogurth magri), molta frutta e verdura, pane e cereali preferibilmente integrali. Altre sostanze necessarie sono l'acido folico, lo iodio e il ferro. In farmacia potrai acquistare gli integratori adatti durante la gravidanza, ma prima parlane con il ginecologo.

 

I rischi del troppo peso in gravidanza

Mangiare per due non solo non serve: può anche essere rischioso. Prendere troppo preso in gravidanza specialmente se si parte già da condizioni di sovrappeso o obesità può aumentare il rischio di complicazioni ostetriche come 

Inoltre, aumenta anche il rischio per la mamma di andare incontro, dopo la gravidanza, a

  • diabete,
  • sindrome metabolica
  • e malattie cardiovascolari.

 

 

Il peso in gravidanza

 

Ma quanto peso andrebbe preso in gravidanza? Non c'è la formula ideale per tutte: il peso 'giusto' da prendere deve essere commisurato a quello di partenza.

Anzi, più che al peso in quanto totale, esperti e linee guida fanno riferimento al cosiddetto indice di massa corporea, la relazione tra il peso effettivo e il peso ideale della persona e si calcola dividendo il peso in chilogrammi per il quadrato dell'altezza espressa in metri. In base al valore ottenuto si distinguono condizioni di:

  1. Inferiore a 16: grave magrezza
  2. Inferiore a 18.5: sottopeso
  3. Tra 18.5 e 25: peso forma
  4. Tra 25 e 30: sovrappeso
  5. Superiore a 30: adiposità (obesità classe 1)
  6. Superiore a 35: obesità classe 2
  7. Superiore 40: obesità classe 3

Aumento di peso in gravidanza

Ecco le indicazioni americane, in base all'indice di massa corporea pregravidico.

 

  • Aumento indicato in condizioni di partenza di sottopeso: 12,5-18 kg
  • Aumento indicato in condizioni di partenza di normopeso: 11,5-16 kg
  • Aumento indicato in condizioni di partenza di sovrappeso: 7-11,5 kg
  • Aumento indicato in condizioni di partenza di obesità: 5-9 kg