Come diventare una mamma influencer

Come diventare una “mamma influencer”

Di Zelia Pastore
ilariadivaiomammainfluencer1
29 Luglio 2019
Ilaria di Vaio, autrice del blog “Crumbs of Life” racconta la sua storia, i suoi segreti e la scelta dei brand da consigliare: ecco il “dietro le quinte” di una mamma influencer e qualche consiglio per seguire le sue orme
Facebook Twitter More

Si raccontano nella loro quotidianità, con i loro post e i loro articoli fanno divertire ma anche commuovere milioni di followers, ricevono ogni giorno “cuori” ma anche commenti e domande sulla loro vita o sulle loro opinioni in tema di genitorialità: sono le mamme influencer”, che in rete sono considerate un punto di riferimento dai genitori moderni 2.0.

 

Il termine “mamma influencer” che ora è molto in voga, tecnicamente si applica a quelle donne che, parlando di temi connessi alla maternità e all’universo femminile, riescono a creare attorno a sé una forte comunità online. Tra loro c’è Ilaria Di Vaio, fondatrice del blog Crumbs of Life e terza family-influencer in Italia, secondo la recente classifica dell’Osservatorio Alkemy. Grazie ai post con le sue due figlie, ai video-tutorial e ai consigli per gli acquisti, il suo portale ha molto seguito, accompagnato dai profili Instagram (122mila follower) e Facebook (3mila), oltre che da un canale personale su Youtube e un gruppo chiuso di Facebook.

 

 

COME DIVENTARE UNA MAMMA INFLUENCER

 

Non basta essere fotogeniche, argute nei commenti e abili con le nuove tecnologie: per diventare mamme influencer bisogna lavorare sodo. A chi desidera seguire le sue orme, Ilaria Di Vaio dà tre consigli da tenere sempre bene a mente:

 

  1. METTERCI L'ANIMA. “La passione è l’ingrediente fondamentale per insaporire tutto quello che si fa. Nel momento in cui senti passione per quello che fai, riesci ad essere coinvolgente anche con gli altri”. Sia che stiate scattando la foto della torta che avete preparato ai vostri bambini o che desideriate scrivere un post ironico sulle notti insonni (ma anche informativo, ad esempio su che tutine avete scelto per l’estate), la parola chiave è farlo con la massima concentrazione e coinvolgimento, mettendoci tanto del vostro: solo così si può ottenere un vero “engagement”.
  2. TRASPARENZA. “Stando sui social 24 ore su 24 le cose si vengono a sapere, quindi, è inutile mentire o fingere”. Le cronache rosa sono disseminate di “epic fail” di personaggi famosi che dicono una cosa e ne fanno un’altra (come star vegane che si scordano di togliere il piatto con l’hamburger mentre un amico fa la diretta Instagram): se decidete di intraprendere la strada della popolarità sul web, non potete mentire su nulla.
  3. ESSERE COERENTI. “E’inutile dire delle cose che poi non si fanno”. Mai predicare a vuoto: se scrivete nella vostra bio che siete appassionate del Metodo Montessori, ad esempio, poi dovrete dimostrare di sapere quello che dite, sia tramite foto che con i testi.

Dopo aver individuato i fondamentali, vediamo altri consigli per crescere in popolarità sul web.

 

 

PERCHE’ DIVENTARE MAMMA INFLUENCER

 

Uno dei passi fondamentali da fare se si vuole iniziare questa “carriera” è farsi le domande giuste:

  • “Perché lo sto facendo?”
  • “Chi voglio coinvolgere, a chi sto parlando?”
  • “Di cosa voglio scrivere, cosa voglio raccontare?”

Rispondere a questi quesiti aiuterà a rispettare la coerenza di cui sopra e a individuare un pubblico, un target di riferimento a cui dedicare i propri articoli del blog e il proprio piano editoriale per i social: proprio come si fa per un giornale cartaceo o un sito online, anche gli account social vanno aggiornati con uno schema deciso in anticipo e che rispetti i criteri che vi siete dati.

 

“Quando ho saputo di aspettare Matilde, la mia prima figlia, ho deciso di aprire uno spazio tutto mio, che permettesse di raccontare le tante emozioni che si accumulavano”, spiega Di Vaio. Una decisione naturale, anche se prima della gravidanza Ilaria, sorella del noto fashion blogger Mariano Di Vaio, non seguiva in rete le mamme che parlavano sempre dei loro figli. “Ho aperto il blog con il desiderio di sfogare i miei dubbi e raccontare le mie sensazioni e i miei sentimenti riguardo all’essere madre, senza coinvolgere chi non fosse spontaneamente interessato a leggermi”.

 

MAMMA INFLUENCER: DA DOVE COMINCIARE

 

Il percorso su internet di Ilaria Di Vaio è una sorta di evoluzione attraverso gli strumenti del web: “Dallo “storico” MSN di Messenger, che aggiornavo assiduamente, sono passata a seguire e aggiornare costantemente un blog”.

 

Poi sono arrivati i social network collegati alla pagina, per Ilaria un fattore essenziale della sua popolarità: “Non tutti hanno il tempo di leggere da cima a fondo il post di un blog, mentre le foto e le didascalie rapide hanno molto più successo, anche in termini di riconoscibilità”.

 

Se siete brave a scrivere quindi, una piattaforma come Wordpress può fare al caso vostro.

Se volete sperimentarvi in maniera rapida e semplice, un account ben curato su Instagram o Facebook (una biografia chiara e ben scritta, dei post interessanti e curati sul piano dell'ortografia) è comunque un ottimo modo per cominciare.

 

 

MAMMA INFLUENCER: LA SCELTA DEGLI ARGOMENTI

 

“Nel mio caso, quello che più interessa i miei followers è la mia vita: parlo di quello che provo come madre e donna, ma anche come figlia, nipote, moglie”, racconta Ilaria Di Vaio.

A un ventaglio molto ampio di tematiche risponde anche la scelta del nome Crumbs of Life (letteralmente “Briciole di vita”): “Quello che trapela online è solo una piccolissima parte della vita reale: come quella di tutti, anche la mia è molto più complessa ed articolata di quello che si vede sul web. Quando scrivi e pubblichi informazioni sui social, è come se costruissi un album fotografico: tendi ad inserire i solo i momenti più belli, quelli che vuoi ricordare per sempre”.

Gli argomenti trattati sul blog spaziano dalle esigenze pratiche delle mamme all’abbigliamento, passando dai viaggi e senza dimenticare i prodotti per la cura del corpo. Molto spesso, però, Ilaria Di Vaio racconta con immagini e parole la quotidianità sua e delle sue figlie, di 4 e 2 anni, che i suoi follower conoscono come #pettegoleadorate. “Quando parlo di me in prima persona riscontro un interesse maggiore: forse perché tra donne ci si fa compagnia online, si crea l’occasione per confrontarsi e supportarsi, come tra amiche attorno ad un caffè”.

 

Raccontarsi con sincerità, condividere le fatiche e le gioie di essere madre, mostrare scorci di vita tratti dalla propria quotidianità familiare è una via per raccogliere commenti e consensi.

 

Ma se siete esperte di qualcosa o avete una particolare abilità, non tralasciatela: ricette per bambini, lavoretti, idee creative o libri da leggere a tema “family” sono contenuti che se divulgati con un testo accattivante e una bella foto possono sicuramente avere una buona “vita” sul web.

 

MAMMA INFLUENCER: COSA PUBBLICARE SU INSTAGRAM

 

L’utilizzo di Instagram è importante per ogni influencer di oggi e le mamme non fanno eccezione. Per Ilaria è stato più semplice adattarsi al social network, grazie alla sua passione per la fotografia. “La maggior parte delle volte posto foto della mia famiglia, cogliendo un momento spontaneo. Per fare una foto, mi avvicino alle mie figlie e inizio a chiacchierare: è una tecnica molto semplice che rende quasi sempre buona la prima, perché non gli chiedo niente di diverso da quello che già fanno: abbracciarmi o abbracciarsi fra loro, giocare, sorridere”.

 

Oltre a un buon occhio fotografico, servono sicuramente fantasia, entusiasmo e passione, ammette Ilaria Di Vaio: “La mia accortezza sta nello scattare e catturare un momento in maniera quasi impercettibile”.

 

I posati con gli abiti eleganti a Natale o al compleanno generano sempre consensi e una conoscenza base dei princìpi della fotografia (o un cellulare che fa tutto da solo) sono di grande aiuto, ma è fissare il quotidiano da un’angolazione inusuale o scattare una foto creativa che può fare la differenza.

 

MAMMA INFLUENCER: COME TROVARE I PARTNERS E LE COLLABORAZIONI

 

Molti post di Crumbs of Life fanno riferimento a marchi commerciali o presentano prodotti che la blogger ha sperimentato in prima persona. “La selezione segue criteri e valori che mi devono rappresentare in pieno”.

Nel blog viene spiegato che Ilaria consiglia solo brand che sceglierebbe a prescindere per sé o per le sue figlie e la sua famiglia. “Sono le aziende a contattarti, sulla base di dati e gusti che trovano il linea con il messaggio che vogliono comunicare. Poi sta alla blogger decidere se c’è affinità con il prodotto”.

 

Scegliete quindi con cura gli eventuali marchi a cui affiliarvi e soprattutto provate in prima persona quello che suggerite pubblicamente (prima di consigliarlo). 

 

QUANTO GUADAGNA UNA MAMMA INFLUENCER

 

Ilaria Di Vaio non parla di cifre, ma sottolinea come i guadagni di una “mamma influencer” dipendano dalla qualità del suo lavoro, quindi da quanto vengono visualizzati, condivisi e apprezzati i post che pubblica. “Ci sono dei dati, i cosiddetti analytics che permettono di fare delle stime ormai note al mercato. Con il tempo, questa attività può generare un vero e proprio stipendio, se la si fa con qualità, anche qualcosa in più”.

 

E una mamma influencer (proprio come una mamma 1.0), non si ferma mai: “I progetti prossimi, più che futuri, sono tanti. Uno di questi è imminente e riguarderà grandi e piccole donne. Non voglio svelare troppo, ci tengo a far sì che tutto sia sistemato a puntino prima di riferire quella che sarà una novità, quasi sicuramente, apprezzata da molte. Basterà seguirmi per sentirsi raccontare tutto e rimanere aggiornati”.