Nostrofiglio

Keira Knightley e Kate Middleton

Keira Knightley critica la Middleton: quando è la maternità a dividere

Di Chiara Dalla Tomasina
dislessiafamosi

10 Ottobre 2018
Nessuno vive la maternità in modo uguale. Spesso, però, tra mamme si travalica il semplice "pensarla in maniera diversa" e si arriva anche a criticare aspramente il comportamento altrui. Come nel caso di Keira Knightley: l'attrice inglese ritiene che la duchessa di Cambridge non sia un modello per le altre donne. Ecco perché.

Facebook Twitter Google Plus More

Non le manda a dire, Keira Knightley. Nemmeno se l'obiettivo delle sue invettive è la duchessa di Cambridge. Nel capitolo The weaker sex (ovvero "il sesso debole") del libro Feminists don't wear pink (and other lies) dell'attivista Scarlett Curtis, l'attrice britannica si è scagliata contro la moglie del principe William, colpevole, a suo avviso, di offrire un modello irrealistico di madre, troppo perfetta e modello di confronto inarrivabile per tutte le altre.

Le due donne hanno entrambe partorito le figlie nel maggio 2015: per la Knightley si trattava della primogenita Edie, mentre per la duchessa della secondogenita Charlotte, arrivata dopo George, nato nel luglio 2013.

Kate e il marito William salutano sudditi e curiosi con in braccio Charlotte, appena nata (maggio 2015). La duchessa è perfetta. Troppo, secondo Keira Knightley | IPA

“Era fuori dall’ospedale sette ore dopo (la nascita di Charlotte, ndr) col trucco rifatto e i tacchi alti", ha scritto l'attrice inglese, "il volto che il mondo vuole vedere”. Ma Keira non ritiene giusta quell'esposizione del corpo, perfettamente vestito e agghindato, così poco tempo dopo aver partorito: "Nascondi. Nascondi il nostro dolore, i nostri corpi che si spezzano, il nostro seno che perde latte, i nostri ormoni che infuriano”.

kate middleton rientro
Kate è tornata agli impegni di corte otto mesi dopo il parto del terzo figlio | EMPICS Entertainment / IPA

Altro che capelli pettinati, trucco perfetto e abiti eleganti: i momenti dopo il parto sono devastanti ed emanano tutt'altro che un'aura di perfezione: di quegli attimi dopo aver dato la luce a Edie, Keira ricorda invece “il vomito, il sangue e i punti di sutura” mentre la Middleton si è mostrata perfetta solo "sette ore dopo che hai combattuto con la vita e la morte, che il tuo corpo si è aperto e una vita ricoperta di sangue e urlante è venuta fuori. Non mostrarlo. Non raccontare […] Stai lì con la tua bimba in braccio e fatti fotografare da un mucchio di fotografi maschi. È semplice, no? Succede tutti i giorni. Qual è il problema? Così è per la morte…. Ma non devi fingere che sia facile".

 

L’attrice poi si rivolge direttamente alla figlia: “La mia vagina era spezzata. Sei uscita da dentro di me con gli occhi spalancati. Alzavi le braccia urlando", scrive, "ti hanno buttata su di me. Eri coperta di sangue, vomito. La tua testa deformata… Eri pulsante, ansimante, urlante”. Sperando che le altre mamme non si sentano inadeguate vedendo la perfezione della Middleton, un modello difficilmente replicabile nella realtà da tante madri "normali".