Diritti per i genitori

Congedo parentale anche a ore: novità del 2013

mamma-malattia
02 Gennaio 2013
Novità per tutte le mamme e i papà: il congedo parentale ora si può utilizzare anche a ore, fino agli otto anni di età del bambino.
Facebook Twitter Google Plus More

Congedi parentali possibili fino agli otto anni di età del bambino. In più, concessi anche su base oraria e non solo per periodi. Un arricchimento del quadro normativo sui congedi parentali che consente un utilizzo più flessibile dei permessi lavorativi.

Come funziona il congedo parentale a ore

A partire dal 1° gennaio 2013 è possibile fruire di congedi parentali a ore secondo disposizioni che verranno decise dai vari contratti collettivi nazionali, che ne dovranno individuare criteri e modalità. Questi congedi spettano a ciascun genitore lavoratore, nei primi otto anni di vita del bambino, fino a un periodo massimo di sei mesi di astensione (frazionato o continuativo).

L'astensione totale di entrambi i genitori non può superare i dieci mesi.

Ogni lavoratore dovrà obbligatoriamente indicare al proprio datore di lavoro (almeno 15 giorni prima) l’arco temporale durante il quale intende beneficiare del congedo.

I vantaggi del congedo a ore:

  • consentire una più equa redistribuzione del reddito, ammortizzando in modo più equilibrato la ridotta retribuzione riconosciuta durante il congedo parentale (pari al 30% dello stipendio)

  • distribuire in modo più equilibrato il periodo di congedo parentale spettante

Entra nella nostra sezione Maternità e lavoro

Maternità anticipata, diritti e vostre esperienze: se ne parla sul forum!