Home Gravidanza Nomi per bambini

Ci sono limiti per l’attribuzione dei nomi?

di Nostrofiglio Redazione - 24.04.2012 - Scrivici

neonato.180x120
Massimo Voltaggio, Vera Vacca, Guido Collauto, Rosa Pantera, Leon Cino. E' possibile dare al proprio figlio il nome che si vuole?

La scelta del nome è regolata dal decreto del Presidente della Repubblica n. 396/2000: è vietato imporre al bambino lo stesso nome del padre vivente, di un fratello o di una sorella viventi, un cognome come nome. Il nome imposto al bambino deve corrispondere al sesso e può essere composto al massimo da tre elementi, anche separati. È inoltre vietato imporre al bambino “nomi ridicoli o vergognosi”, per evitare situazioni discriminanti e difficoltà di inserimento della persona nel contesto sociale: lo scorso anno, è così stato negato a una coppia di chiamare il proprio figlio Venerdì, imponendo di mutare il nome in Gregorio, il santo del giorno di nascita del piccolo.

(Leggi anche: nomi per bambini dalla A alla Z)

Accoppiamenti strani. La situazione, però, si complica quando si sommano nome e cognome, o viceversa. Per esempio, una coppia di genitori che portano il cognome Chiappa, ha chiamato la propria figlia Rosa; i signori Silvestre hanno chiamato il figlio Pino e i Voltaggio hanno battezzato il loro piccolo Massimo. E così si trovano anche Perla Madonna, Vera Vacca, Guido Collauto, Rosa Pantera, Benedetta Topa, Leon Cino e tanti altri. Felice Mastronzo ha invece deciso di cambiare il proprio cognome in Mastranzo.

Fonte: Focus Domande&Risposte

Entra nella nostra sezione Domande e risposte, oppure sfoglia il nostro database di nomi per bambini

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli