Gravidanza

9 modi in cui la gravidanza prepara alla maternità

donnaincinta
03 Ottobre 2016 | Aggiornato il 09 Dicembre 2018
L’olfatto si sviluppa a dismisura, le emozioni vanno per conto loro, il corpo cambia… La gravidanza è il periodo che più di tutti prepara la futura mamma alla sua nuova vita. E non solo perché dentro di lei cresce un bambino. Sul blog Parents dell’Huffington Post, Lynn Shattuck ha stilato, con una punta di ironia, l'elenco dei punti in cui la gravidanza prepara alla maternità.
Facebook Twitter Google Plus More

Può sembrare scontato, ma la gravidanza è il periodo che più di ogni altro prepara alla maternità. Non per l'ovvia ragione che in quel periodo il bebè cresce dentro di voi, ma perché anche voi vi trasformate preparandovi ad affrontare la vita futura.

Come? Ad esempio, sviluppando a dismisura l’olfatto e iniziando ad avvertire con maggiore intensità gli odori dell’ambiente. Il motivo può anche non piacere, ma è uno solo: la futura mamma, in questo modo, si prepara a reagire velocemente quando per il bebè è il momento di cambiare il pannolino. Sul blog Parents dell’Huffington Post, Lynn Shattuck ha stilato, con una punta di ironia, l'elenco dei nove modi in cui la gravidanza prepara alla maternità. (LEGGI: Come nasce l'amore materno)

1. Non sei mai sola

Dal momento in cui l’ovulo viene fecondato, il tuo corpo non è più solo tuo: inizi a condividerlo con tuo figlio. E quando il bebè nasce, continua a essere con te in ogni momento. Anche quando vai in bagno.

2. Le tue emozioni vanno per conto loro

La gravidanza è quel periodo della vita in cui puoi fare quasi qualsiasi cosa e poi dare la colpa agli ormoni. E siccome porti in grembo una nuova vita, qualsiasi cosa ti è perdonata. Allo stesso modo funzionano i bebè: piangono, un momento dopo ridono, e un momento dopo urlano. Ma a loro tutto è concesso: sono bambini…

3. L'olfatto cambia: che puzza…

Quando una donna aspetta un figlio, il suo olfatto si sviluppa e diventa potente come quello di un cane: odori mai notati si manifestano all’improvviso, salire sui mezzi pubblici d’estate diventa intollerabile, portare il cane a fare i suoi bisogni è una tortura per il naso. Il motivo di questa trasformazione è semplice: la futura mamma si sta preparando alla stagione-pannolini.

E per capire quando è il momento del cambio del pannolino prima ancora che gli effluvi del bebè diventino insopportabili, serve un olfatto finissimo.

4. Un periodo di fasi

La gravidanza è un susseguirsi di fasi: quella della nausea, quella della pipì, quella in cui non ci si vede più i piedi, quella in cui si scopre che anche i feti hanno le unghie e sembrano volerle usare per uscire da lì dentro… Anche i bambini funzionano a fasi: c’è quella delle coliche, quella del vasino, quella della pipì a letto… E anche in questo caso, vivere la gravidanza aiuta a capire la maternità. (Leggi anche: gravidanza, il tuo corpo che cambia)

5. Sei sempre al centro dell’attenzione

Quando sei incinta, sei come una rockstar: sei speciale, tutti ti guardano, tutti cercano di toccarti, tutti vogliono sapere qualcosa di te. Quando diventi mamma, continui a essere al centro dell’attenzione: per allattare il bebè, per accudirlo, per fare qualsiasi altra cosa la parola d’ordine è sempre “mamma”.

6. Il tuo cuore fa gli straordinari

Quando sei incinta, il volume del sangue cresce per poter nutrire anche il feto, e quindi il cuore deve sobbarcarsi il lavoro extra necessario per pomparlo. Ma anche quando diventi mamma il cuore non smette di lavorare, prima pieno d’amore per quel piccolino, e poi, quando cresce, pieno d’ansia finché non torna a casa il sabato sera.

7. Non puoi essere sempre perfetta

Magari fino a quando hai scoperto di essere incinta eri una donna perfetta, mai uscita senza trucco, mai un capello fuori posto, mai un abito sgualcito, mai un grammo di grasso sulle cosce… Beh, durante la gravidanza tutto cambia: le nausee e l’insonnia possono ridurti a uno straccio. E al fisico ci pensano le smagliature, e magari anche le emorroidi. Dopo il parto, invece, dovrai misurarti con bava, vomito, pipì, pupù e tutto il resto del repertorio. Ma amerai comunque tuo figlio, e lui amerà te nonostante le tue smagliature.

8. Il senso del tempo cambia

I mesi possono scorrere molto lenti, come nel primo trimestre, quando i giorni di nausea e spossatezza sembrano non passare mai, e non vedi l’ora che arrivi il secondo trimestre che, ti hanno garantito, è il migliore di tutta la gravidanza. Poi non vedi l’ora di fare la prossima ecografia, per sapere il sesso del bebè e poi per sapere se tutto va bene. Ma poi ti accorgi che i mesi sono passati alla velocità della luce, e sei già in sala parto. Questo fenomeno della dilatazione e contrazione temporale, continua anche dopo il parto: la notte sembra sempre troppo corta e il giorno troppo lungo, e non vedi l’ora che il piccolo cresca. E senza che tu te ne renda conto, va già alle elementari… (Leggi anche: conoscere il sesso del bebè)

9. Non sarai mai pronta

Puoi essere convinta di non essere pronta a diventare mamma, magari anche solo perché credi di non essere capace di affrontare il travaglio e il parto. Ma succederà. Probabilmente non come l’hai immaginato e pianificato, ma succederà. E lo stesso accadrà con la vita di tuo figlio: probabilmente non andrà mai come l’hai immaginata e pianificata, ma lui crescerà comunque, più velocemente di quanto tu sia pronta a credere e ad accettare. Ma succederà. (Leggi anche: le fasi del parto)

LA STORIA DI MAMMENELLARETE - COME NASCE L'AMORE MATERNO

La verità è che un figlio ti stravolge la vita. TU come essere non esisterai più, TU come donna non sarai più considerata. E bisogna prepararsi a questo. Ti ho, ti abbiamo desiderato e sei arrivata con tanto amore. Ed ora vorrei che scomparissi! “Rivoglio la mia vita!”, ho urlato l’altro giorno al tuo papà! Avevo bisogno di aiuto perché stavo compromettendo il mio rapporto con la piccola…

Leggi la storia di mamma Lisa

Articoli correlati: