Home Gravidanza Parto

Clistere prima del parto naturale sì o no? Tutto quello che c’è da sapere

di Viola Stellati - 09.11.2022 - Scrivici

clistere-per-parto
Fonte: Shutterstock
È davvero importante sottoporsi a un clistere prima del parto naturale? Tutto quello che c'è da sapere per vivere questo momento al meglio

Clistere prima del parto

Più ci si avvicina al momento di dare il benvenuto al mondo alla creatura che si tiene in grembo, più ogni mamma comincia a porsi domande di vario genere. Una di queste riguarda la necessità (o meno) di effettuare un clistere prima del parto naturale. Ma è davvero così importante? Ci sono dei benefici reali?

In questo articolo

Perché molte donne ricorrono al clistere prima del parto naturale

Il motivo principale per cui alcune mamme - o future - ricorrono al clistere prima del parto naturale è per evitare l'imbarazzo. Non prendiamoci in giro: tutte abbiamo pensato che espellere feci e urina durante il travaglio non debba essere proprio un'esperienza appagante.

Un tempo, invece, si credeva che il clistere prima del parto potesse essere utile per velocizzare il travaglio. Tuttavia, la realtà è che non ha alcun effetto sulla frequenza delle contrazioni.

Attualmente, infatti, il clistere è consigliato soprattutto quando si rende necessaria l'episiotomia, un'operazione chirurgica che aiuta il passaggio del feto attraverso il canale del parto. Essa viene effettuata per evitare che le feci entrino in contatto con la ferita aperta con lo scopo di ridurre il rischio di eventuali infezioni.

L'unico vero obiettivo del clistere prima del parto, quindi, è liberare il nostro intestino, ma nei fatti non è obbligatorio e nemmeno necessario.

Clistere prima del parto: cosa sapere

Se nonostante quanto appena detto siete comunque orientate a sottoporvi a un clistere prima del parto naturale, ci sono alcune cose che dovete sapere.

Innanzitutto non è obbligatorio, e soprattutto è importante essere a conoscenza che l'eventuale espulsione di feci durante il parto è possibile e del tutto normale. Nel caso in cui questo dovesse accadere, non dovete assolutamente sentirvi a disagio in quanto le strutture ospedaliere, le ostetriche e i pediatri, sono del tutto pronti a questa naturale eventualità.

È loro compito, infatti, sostituire immediatamente i lenzuoli monouso e rendere l'ambiente sterile e pulito per il nuovo venuto al mondo.

Ciò non toglie che un intestino sgombro renda più facile il passaggio del bambino riducendo, contemporaneamente, le sensazioni di sforzo e il conseguente dolore.

Oggigiorno il clistere prima del parto viene praticato soltanto su richiesta della partoriente poiché non è raro che l'impulso di andare in bagno arrivi naturalmente alla comparsa delle prime contrazioni.

L’impulso di andare in bagno prima di partorire

Nella maggior parte dei casi, il corpo di ogni donna prima del parto lavora al fine di farci svuotare generando una sorta di diarrea non dolorosa già nei giorni precedenti all'inizio del travaglio.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha infatti specificato che l'uso routinario del clistere andrebbe abolito poiché non è indispensabile ai fini del parto. Esso, infatti, il più delle volte risulta invasivo e fastidioso, oltre al fatto che non esiste alcuna evidenza scientifica sulla possibilità che stimoli il travaglio.

Di norma, quindi, si arriva al momento di dare alla luce il nuovo nascituro dopo aver già naturalmente svuotato l'intestino. Ma se questo non dovesse accadere non sarebbe in modo più assoluto un problema. Tuttavia, non essendoci controindicazioni, ogni donna ha il diritto di chiederlo e di riceverlo.

Quale clistere eventualmente fare prima del parto

Come detto in precedenza, sta alle mamme scegliere se fare un clistere prima del parto. Lo si può ottenere direttamente in ospedale, oppure lo si può fare, con la dovuta cautela, anche in casa.

La maggior parte di quelli disponibili in commercio non prevede controindicazioni o effetti collaterali. Tuttavia, è sempre fondamentale leggere prima il foglietto illustrativo e rivolgersi al proprio medico o a un farmacista che possa dare le giuste indicazioni

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli