Pro e contro

Dove partorire: in casa maternità

casa_maternita
14 Maggio 2013
E' un’alternativa al parto a domicilio, se per varie ragioni le donne non vogliono o non possono partorire in casa propria. Il costo però è molto alto: si paga una cifra pari a circa 2000 euro.
Facebook Twitter More

PARTORIRE IN CASA MATERNITA', UN'ALTERNATIVA AL PARTO A DOMICILIO

Vantaggi: è un’alternativa al parto a domicilio, se per varie ragioni le donne non vogliono o non possono partorire in casa propria: si partorisce infatti presso una casa gestita da ostetriche, che mantiene tutte le caratteristiche di intimità e salvaguardia della fisiologia del parto a domicilio. Come nel parto in casa, le ostetriche che seguono la donna sono le stesse che l’hanno seguita durante la gravidanza. Per poter partorire a casa propria o in casa maternità, infatti, è necessario rivolgersi alle ostetriche non in prossimità del parto, ma almeno all’inizio del 7° mese, in modo da conoscersi, stabilire un rapporto di fiducia e verificare che ci siano le condizioni per questo tipo di parto. Dopo la nascita del bebè, la mamma resta in casa maternità per circa 24 ore, ma nei giorni successivi riceve a casa una visita dell’ostetrica per controllare che è tutto ok.

Svantaggi: sia il parto a domicilio che quello in casa maternità sono a pagamento (il costo è di circa 2mila euro). Tuttavia in alcune regioni è prevista la possibilità di chiedere un rimborso all’asl (che dopotutto risparmia i soldi del parto in ospedale!).Per avere maggiori informazioni sia sul parto in casa che in casa maternità, consulta il sito dell’Associazione nazionale culturale ostetriche parto a domicilio www.nascereacasa.it.

Attualmente le Case Maternità in Italia sono solo cinque: La Via Lattea di Milano, la Montallegro di Induno Olona (VA), La Quercia di Merone (CO), Il Nido di Bologna, Casa Mia di Vittoria (RG).

(PER LEGGERE L'ARTICOLO AGGIORNATO SU PARTORIRE IN CASA MATERNITA' IN ITALIA VAI QUI)

Leggi anche:

 

 

Altri articoli sul parto