Salute mamma

Oms: il taglio cesareo va fatto solo se necessario Il tasso ideale al 10%

cn29yf
20 Aprile 2015
Il taglio cesareo va fatto soltanto quando il parto naturale mette in pericolo la madre o il bambino, per esempio dopo un travaglio prolungato, stress fetale o perché il bambino si presenta in una posizione anomala. Che cosa dicono le ultime linee guida dell'Organizzazione mondiale della sanità
Facebook Twitter Google Plus More

Il tasso ideale di parti effettuati con il taglio cesareo non dovrebbe superare il 10-15%, eppure in molte aree del mondo, in particolare in Europa e nelle Americhe, viene eseguito quando non necessario, con tassi che arrivano a superare il 35% come in Italia. Per questo l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha pubblicato un nuovo documento in cui raccomanda di ricorrervi solo quando non si può farne a meno e invita tutti gli Stati ad adottare un sistema nuovo di classificazione standard.

 

Il taglio cesareo va fatto soltanto quando il parto naturale mette in pericolo la madre o il bambino, per esempio dopo un travaglio prolungato, stress fetale o perché il bambino si presenta in una posizione anomala.

 

Il cesareo – scrive l’Oms nel documento - può causare delle complicazioni, disabilità o morte, soprattutto laddove mancano le strutture per poter fare degli interventi chirurgici sicuri o trattare potenziali complicazioni.

 

Dal 1985 si è stabilito che il tasso ideale di cesarei dovrebbe attestarsi tra il 10 e 15%, spiega l'Oms. Nuovi studi inoltre mostrano che quando si arriva a farlo nel 10% dei casi, il numero di morti materne e neonatali cala. Quando si supera il 10%, non ci sono prove che migliori il tasso di rischio. I dati Oms sull'uso del cesareo nel 2008 nel mondo mostrano che è stato eseguito in media nel 3,8% dei casi in Africa, nell'8,8% nel Sud-est asiatico, nel 15,7% nel Mediterraneo orientale, nel 23% dei casi in Europa, nel 24,1% nel Pacifico occidentale, e nel 35,6% nelle Americhe, con una media globale del 15,6%.

 

L'Italia resta il paese europeo con il più alto ricorso al taglio cesareo, con una quota pari al 36,3%, secondo i dati 2013 del ministero della salute. 

Vista la mancanza di un sistema di classificazione standard a livello internazionale per monitorare e confrontare i tassi di cesareo, l'Oms propone di adottare a livello globale il sistema di classificazione Robson, con cui le donne ricoverate per partorire vengono suddivise in 10 gruppi a seconda di categorie facilmente identificabili, come il numero di parti precedenti, se il bambino è in posizione normale, la settimana di gestazione, precedenti cicatrici uterine, il numero di bambini e come è iniziato il travaglio. 

 

GUARDA IL VIDEO: LA RIPRESA DOPO IL PARTO CESAREO