Gravidanza

Parto cesareo, i rischi per il bambino

parto-cesareo
27 Gennaio 2014
I nati da cesareo hanno un rischio superiore di sviluppare allergie e di avere un sistema immunitario più debole rispetto ai nati da parto naturale
Facebook Twitter More

Il parto cesareo può sembrare una scelta più vantaggiosa e “comoda” rispetto al parto naturale, ma in realtà non è esente da rischi. Finora si è posto l'accento soprattutto su quelli per la mamma, ma ora si è scoperto che il cesareo può comportare dei danni anche alla salute del bambino.

PARTO CESAREO, TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE

Uno studio dell'Henry Ford Hospital di Detroit condotto su 1.258 bambini ha infatti dimostrato che i nati da taglio cesareo hanno un rischio cinque volte superiore di sviluppare allergie e di avere un sistema immunitario più debole rispetto ai nati da parto naturale.

Il motivo è la minor diversificazione di flora batterica intestinale. I nati da parto spontaneo acquisiscono i batteri principalmente dalla flora intestinale e vaginale della mamma, durante il passaggio nel canale del parto, e in parte minore dall'ambiente circostante.

Invece i bambini nati da cesareo, non passando dal canale del parto, acquisiscono solo i batteri ambientali.

Questo significa che la loro flora batterica intestinale sarà meno diversificata ma soprattutto squilibrata: infatti ci sono più batteri cattivi potenzialmente patogeni come lo Stafilococco e il Clostridium e meno batteri buoni, come i Bifidobatteri e i Lattobacilli. E sono proprio i batteri buoni ad avere un ruolo benefico sulla salute: stimolano lo sviluppo del sistema immunitario e prevengono le allergie. Inoltre da uno studio svedese (pubblicato sulla rivista Gut) si è visto che questo squilibrio dura fino ai 2 anni di età.

Non è tutto: nei bambini nati col cesareo sarebbero più comuni anche altre patologie come diabete e sindromi infiammatorie intestinali.

Leggi anche: PARTO CESAREO: QUANDO SERVE DAVVERO

Partecipa al dibattito sul parto nel nostro FORUM