Home Gravidanza Parto

Ritrovare la forma dopo il parto grazie al pilates

di Elena Berti - 04.07.2022 - Scrivici

pilates-post-parto
Fonte: Shutterstock
Il pilates post parto è una disciplina perfetta per ritrovare la forma perché aiuta a dimagrire, migliora la postura e tonifica il pavimento pelvico

Pilates post parto: benefici e controindicazioni

Dopo il parto una donna sente di abitare un corpo che non le appartiene: i seni gonfi per il latte, la pancia ancora gonfia o molle, i capelli che cadono a causa degli ormoni. Per questo è normale che percepisca il bisogno di rimettersi in forma. Oggi vediamo come farlo col pilates post parto.  

In questo articolo

Rimettersi in forma dopo il parto

Rimettersi in forma non è solo una questione estetica: il corpo della donna, durante i nove mesi e poi nel puerperio, attraversa fasi complesse, cambia, si adegua alla presenza del bambino e poi alla sua nascita. Per questo non soltanto si mette su peso - che è il minore dei "mali" - ma si spostano le ossa, i legamenti, si rilassano i tessuti. Durante la gravidanza è difficile rendersene conto, ma dopo il parto ecco che ci se ne accorge.  

È importante prendersi il tempo necessario per ricominciare l'attività fisica, almeno le sei settimane del puerperio. Ma in ogni caso, è bene avere l'ok del proprio medico, anche per il pilates post parto.

Perché fare pilates nel post parto

Il pilates è una disciplina adatta a tutti, utilizzata non soltanto per rimettersi in forma ma anche per correggere numerosi problemi, per esempio quelli di postura, andando ad alleviare o anche risolvere dolori e fastidi. Lo scheletro delle donne che hanno appena partorito ha subito dei cambiamenti, il peso ha costretto a nuove posture, le anche si sono allargate, gli addominali - che sorreggono la schiena - hanno perso tono e si sono spostati. Tutto questo può essere corretto col pilates, che va a lavorare su tutto il corpo ma in particolare sulla fascia addominale, rafforzandola. È importante quindi avere l'ok del proprio medico prima di iniziare, anche se generalmente gli insegnanti hanno un approccio già consapevole alla disciplina nel post parto.

 

Se avete partorito con un cesareo, dovete assolutamente avere l'ok del vostro medico prima di poter riprendere qualsiasi tipo di attività fisica.

Benefici del pilates nel post parto

Come abbiamo detto, il pilates non permette soltanto di ritrovare la forma fisica, ma i benefici sono numerosi. Vediamo nel dettaglio.  

  • Il pilates permette di rimettersi in forma dopo il parto: il primo è ovviamente questo. Se combinato a una alimentazione equilibrata e sana, il pilates è ideale per ritrovare la forma. Andando ad agire sulla muscolatura  permette di sviluppare appunto i muscoli al posto della massa grassa. Se i kg da perdere sono molti, valutate anche attività cardio.  
  • Il pilates rafforza il pavimento pelvico: il segreto del pilates è che grazie ad una respirazione profonda si va a lavorare non solo sulla fascia addominale, ma anche sui muscoli pelvici, che durante la gravidanza e ovviamente il parto, soprattutto naturale, sono stati messi a dura prova
  • Il pilates allevia i dolori: come abbiamo detto, è utile soprattutto se soffrite di mal di schiena, perché aiuta a rimettere in senso scheletro e muscoli
  • Il pilates aiuta a ritrovare la pancia pre-parto: vi sembra che la vostra pancia non potrà mai tornare tonica come prima? Non è assolutamente così e il pilates può aiutarvi a rafforzare tutta la fascia addominale, rimettendola a posto
  • Il pilates vi aiuta ad affrontare meglio il post parto: insonnia, stress, ansia, stanchezza sono tutti stati d'animo che le neo-mamme sperimentano dopo il parto, e che possono essere tenute a bada almeno un po' con il pilates, una disciplina che grazie alla respirazione ripristina il benessere psico-fisico

Se volete fare pilates post parto, rivolgetevi a un centro o a un'insegnante preparata, evitate il fai da te. È meglio iniziare con pochi esercizi e aumentare via via che il corpo riacquista tono e forza.

Non c'è bisogno di esagerare, avete partorito, ci vuole tempo!

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli