Home Gravidanza Parto

Il lampone aiuta la dilatazione durante il travaglio?

di Elena Berti - 05.01.2022 - Scrivici

tisana-foglie-di-lampone-gravidanza
Fonte: Shutterstock
Tisana alle foglie di lampone in gravidanza: quando assumerla, in che quantità, come prepararla e se aiuta travaglio e dilatazione.

Tisana alle foglie di lampone in gravidanza

Quando si avvicina la data presunta del parto, molte donne iniziano ad avere paura di come si svolgerà la nascita, di quanto durerà il travaglio e di quanto sarà doloroso. Per questo è comune cercare alternative naturali che non solo possano indurlo, ma anche facilitarlo. Vediamo insieme se ha senso assumere tisana alle foglie di lampone in gravidanza

In questo articolo

Rimedi naturai per il travaglio

Sono tanti i rimedi della nonna che si provano per indurre il travaglio e per facilitare la dilatazione: camminare molto, avere rapporti sessuali, fare bagni caldi e impacchi, massaggiare i capezzoli, stare a quattro zampe… Anche le tisane a base di foglie di lampone rientrano tra le "pozioni magiche" da consumare durante la gravidanza, o almeno alle sue fasi finali, per avere un parto più veloce e meno doloroso. Ma funzionano davvero? E soprattutto, hanno controindicazioni?

Proprietà della tisana al lampone in gravidanza

Secondo molti, la tisana alle foglie di lampone ha la capacità di facilitare il travaglio, accorciandolo e rendendolo più semplice. Ci sono testimonianze della sua assunzione già nel Cinquecento, ma questo non significa che sia effettivamente efficace e sicura. 

Secondo le credenze, l'infuso al lampone permette di: 

  • tonificare l'utero
  • ridurre il tempo di travaglio
  • ridurre la fase espulsiva
  • facilitare il secondamento

Dal punto di vista medico, però, gli studi sugli effetti delle foglie di lampone su gravidanza, travaglio, parto e feto sono ancora molto limitati. Da una parte sembrano confermare l'utilità per migliorare l'ultima fase della gestazione, dall'altra alcune ricerche sugli animali hanno portato alla luce criticità rispetto alle conseguenze sui nascituri. Insomma, in linea di massima sembra che assumere foglie di lampone in gravidanza non sia rischioso, ma è sempre meglio limitarsi alle ultime settimane e soprattutto non esagerare.

Consigli per l’assunzione di tisane al lampone in gravidanza

Se volete arrivare al travaglio preparate e garantirvi un parto veloce e poco doloroso, potete iniziare ad assumere tisane alle foglie di lampone nelle ultime settimane di gravidanza.

È sempre bene però, come per qualsiasi preparato a base di erbe, parlarne col proprio medico, soprattutto se si assumono medicinali, se si sta vivendo una gravidanza difficile o se si rischia un parto prematuro. Per quanto il lampone sia considerato sicuro, è meglio non esagerare nelle quantità e seguire i consigli di preparazione.

Come e quando bere lampone in gravidanza

Se quindi, nonostante non ci sia ancora un'evidenza scientifica della sua efficacia, volete provare il lampone per provare ad avere un parto più veloce e meno doloroso, ecco qualche consiglio: 

  • iniziate a berlo non prima della 35esima settimana 
  • non bevete più di tre tazze al giorno
  • scegliete prodotti erboristici facendovi consigliare da personale esperto
  • seguite i consigli di preparazione senza fare di testa vostra
  • fate bollire 500ml di acqua, aggiungete poi 2 cucchiai di foglie e lasciate in infusione per dieci minuti, poi bevete una sola tazza per volta

Nonostante i benefici delle tisane a base di foglie di lampone non siano ancora stati provati dalla medicina, molte donne testimoniano di aver avuto un parto più veloce e meno doloroso grazie all'assunzione regolare di questa infusione nelle fasi finali della gravidanza. Attenzione però, prima di consumare qualsiasi prodotto a base di erbe parlatene col vostro medico, perché potrebbero esserci delle controindicazioni. 

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli