Home Gravidanza

Prolattina bassa: cause e sintomi

di Sara Sirtori - 21.12.2020 - Scrivici

prolattina
Fonte: Shutterstock
La prolattina è un ormone prodotto dalla ghiandola pituitaria nel cervello (ipofosi) e serve nella donna a produrre latte dopo il parto. Vediamo cosa comportano dei livelli bassi di prolattina.

Prolattina: cosa succede quando è bassa?

La prolattina è un ormone secreto dall'ipofisi anteriore che, durante la pubertà, contribuisce, assieme agli estrogeni, allo sviluppo della ghiandola mammaria. Inoltre, la prolattina influenza la produzione di latte materno. Una secrezione di prolattina inferiore alla norma durante l'allattamento tende a ridurre notevolmente la produzione di latte da parte delle ghiandole mammarie.

Vediamo tutto quello che c'è sapere a proposito di cause, sintomi ma soprattutto in merito alle conseguenze della prolattina bassa.

In questo articolo

Prolattina: che cos'è e a cosa serve

La prolattina è un ormone prodotto dall'ipofisi, una ghiandola posta alla base del cervello, associato principalmente all'allattamento. E' la prolattina che "dà il via" spontaneamente alla produzione del latte dopo il parto e continua a produrlo sotto lo stimolo della suzione del bambino.
Svolge anche altre funzioni nel corpo: è importante nella sfera riproduttiva, metabolica, nella regolazione dei fluidi (osmoregolazione), e nella regolazione del sistema immunitario (immunoregolazione).

Prolattina: come viene regolata?

Uno dei principali regolatori della produzione di prolattina è l'ormone chiamato dopamina, che è prodotto dall'ipotalamo, la parte del cervello direttamente sopra la ghiandola pituitaria.  La dopamina limita la produzione di prolattina, quindi più dopamina c'è, meno prolattina viene rilasciata. La prolattina stessa aumenta la secrezione di dopamina, quindi questo crea un ciclo di feedback tra i due.

L'estrogeno è un altro regolatore chiave della prolattina e ha dimostrato di aumentare la produzione e la secrezione di quest'ultima dalla ghiandola pituitaria. Gli studi hanno mostrato piccoli aumenti della prolattina nella circolazione sanguigna delle donne durante le fasi del loro ciclo riproduttivo in cui i livelli di estrogeni sono al massimo. Questo avviene anche durante e dopo la gravidanza, poiché è necessario un livello più elevato di prolattina circolante per far iniziare l'allattamento.

Oltre alla dopamina e agli estrogeni, tutta una serie di altri ormoni può aumentare e diminuire la quantità di prolattina rilasciata nel corpo, con alcuni esempi sono l'ormone di rilascio della tireotropina, l'ossitocina e l'ormone antidiuretico.

Cosa succede se ho troppa poca prolattina?

La condizione di avere una quantità insufficiente di prolattina circolante nel sangue è chiamata ipoprolattinemia. Questa condizione è molto rara e può verificarsi nelle persone con ipoattività ipofisaria.

Una diminuzione della quantità di prolattina secreta può portare a una produzione di latte insufficiente dopo il parto. La maggior parte delle persone con bassi livelli di prolattina non ha problemi medici specifici, sebbene le prove preliminari suggeriscano che potrebbero avere una risposta immunitaria ridotta ad alcune infezioni.

Prolattina bassa: i sintomi

sintomi della prolattina bassa possono essere svariati e non sempre vengono immediatamente correlati a questo ormone. Tuttavia l'alterazione della produzione di prolattina si presenta in linea generale in questi casi:

  • assenza o abbondanza di ciclo mestrualei
  • cisti ovariche
  • infertilità
  • sovrappeso
  • aborto

Sono questi di solito i cosiddetti sintomi che spingono il medico ad approfondire anche questo aspetto.

Prolattina bassa: le cause

Molto spesso tra le cause principali che provocano una diminuzione di prolattina ci sono alcune categorie di farmaci come i dopaminergici, ma anche certe patologie possono influenzare la prolattina, come nel caso della bulimia e di tumori e alterazioni dell'ipofisi. Possono anche contribuire stress, ansia o l'attività fisica pesante.

Prolattina bassa: i rimedi

valori normali di prolattina, almeno per le donne si aggirano, intorno ai 9-25 ng/ml, anche se durante la gravidanza tendono ad aumentare fino ad arrivare a 150-200 ng/ml. Nel caso in cui già durante la gestazione si riscontrino valori di prolattina più bassi rispetto agli standard il ginecologo vi darà indicazioni sul da farsi. Anche se di solito questa problematica viene trattata con estrogeni, reserpina, sulpiride, ranitina e ranitina, sarà il vostro medico a darvi le indicazioni del caso.

Fonte per questo articolo

You and your hormones: Prolactin

Domande e risposte

Cos'è la prolattina?          

La prolattina è un ormone prodotto dall'ipofisi, che, in condizioni di normalità, ha la funzione di stimolare la produzione di latte da parte della mammella, nel periodo che segue il parto (puerperio).

Quali sono i valori normali della prolattina?      

Per le donne in età fertile i valori normali di prolattina sono compresi tra 4.79 e 23.3 ng/ml (nanogrammi per millilitro). Durante la gravidanza, invece, i valori si aggirano tra i 10 e i 209 ng/ml.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli