Nostrofiglio

Salute nove mesi

Acido folico in gravidanza, i consigli dell’Istituto superiore della sanità

acido-folico

20 Luglio 2012
L’assunzione di acido folico è raccomandata prima, durante la gravidanza e nell’allattamento. Previene alcune malformazioni congenite, tra le quali la spina bifida.

Facebook Twitter Google Plus More

L'Istituto Superiore di Sanità (Iss) dedica una sezione (www.iss.it/cnmr/acid/) del suo portale all'acido folico in gravidanza. Ecco i consigli:

- Alimentazione equilibrata ricca di alimenti ricchi in folati

Tutte le donne che programmano una gravidanza o che non ne escludono la possibilità devono seguire un’alimentazione equilibrata ricca di frutta, verdura e legumi . Il consiglio è quello di consumare ogni giorno almeno cinque porzioni di frutta e verdura, qualche cereale integrale, due porzioni settimanali di legumi e occasionalmente frutta secca.

- Una compressa di acido folico da 0,4 mg ogni giorno

Per essere certe di assicurarsi le quantità di acido folico necessarie per la riduzione dei Difetti del Tubo Neurale e altre patologie congenite assumere ogni giorno una compressa di acido folico nella dose giornaliera di 0,4 mg raccomandata per la prevenzione di malformazioni congenite. Si consiglia di iniziare l’assunzione quando si decide di avere un figlio, poiché il tubo neurale si chiude tra il 17° e il 29° dal concepimento, quando la donna non ha ancora accertato la sua gravidanza. Il farmaco è in fascia A e prescrivibile gratuitamente dal tuo medico di fiducia. E’ importante attenersi alle quantità indicate, perché un eccesso di vitamine (soprattutto se si assumono complessi multivitaminici) può causare altri danni.

- Acido folico appena inizi a pensare a una gravidanza e per tutto il primo trimestre

Tutte le donne che programmano una gravidanza o che non applicano misure anticoncezionali dovrebbero assumere acido folico giornalmente. I Difetti del Tubo Neurale sono malformazione del midollo spinale dovute alla mancata chiusura del tubo neurale durante il primo mese di vita intrauterina; il tubo neurale si chiude tra il 17° e il 29° giorno dal concepimento, quando la donna non ha ancora accertato la sua nuova gravidanza.

- Un consiglio speciale per donne che hanno fattori di rischio

Sono raccomandati 4-5 mg di acido folico al giorno, nelle donne che presentano fattori di rischio per i DTN e familiarità o precedente gravidanza esitata con DTN, anamnesi familiare positiva per malformazioni, diabete insulino-dipendente, obesità epilessia. Le donne in età fertile che presentano uno di questi fattori di rischio, è necessario che assumano con particolare attenzione la vitamina nel periodo peri-concezionale e dovrebbero essere monitorate con particolare cura dagli operatori sanitari.

- Perché è importante assumere l’acido folico in gravidanza?

Studi scientifici e prove di efficacia condotti in diversi paesi hanno dimostrato che il regolare uso di acido folico, iniziato prima del concepimento, riduce il rischio di sviluppare gravi malformazioni congenite come i Difetti del Tubo Neurale (DTN) con una riduzione del rischio fino al 70%. La supplementazione riduce inoltre del 20% il rischio di sviluppare altri difetti congeniti, come le cardiopatie congenite e le labio-palatoschisi. Per contribuire alla riduzione del rischio di queste gravi malformazioni non va comunque trascurata l’alimentazione: studi osservazionali hanno, infatti, dimostrato che le popolazioni che seguono un’alimentazione di tipo mediterraneo, quindi ricca di folati assumendo in particolare una elevata percentuale di vegetali e frutta, hanno una ridotta incidenza dei DTN.

La sezione dell’Istituto superiore della sanità è ricchissima di risposte e link. Si può anche scaricare una mini guida in 11 lingue.

Ti potrebbe interessare: Acido folico: perché è importante in gravidanza