Home Gravidanza Salute e benessere

Alimentazione e gravidanza, consigli utili

di Sara De Giorgi - 21.04.2021 - Scrivici

dieta-gravidanza
Fonte: Shutterstock
Alimentazione e gravidanza, tema discusso. Abbiamo chiesto di più a Elena Dogliotti, autrice del libro " Una dieta per ogni età" .

Non esiste un'unica dieta che vada bene per tutti e a tutte le età. Ciò vale soprattutto per alcune fasi della vita particolarmente delicate come, ad esempio, la gravidanza. Che fare allora? Come orientarsi per salvaguardare la salute, godersi i piaceri della tavola e cercare di prevenire malattie e complicazioni?

Elena Dogliotti, biologa nutrizionista e supervisore scientifico della Fondazione Umberto Veronesi, è autrice del libro Una dieta per ogni età (Sperling & Kupfer). La dottoressa spiega in modo semplice e accessibile come il cibo possa essere nostro alleato nelle diverse fasi della vita, fornendo consigli pratici applicabili alla quotidianità per l'infanzia, l'adolescenza, l'età adulta, la gravidanza, la menopausa e l'«andropausa», la terza età. Il libro è completato da una serie di ricette sane e sfiziose, firmate da vari esperti.

Abbiamo intervistato Elena Dogliotti, chiedendole alcuni validi consigli sull'alimentazione delle future mamme.

In questo articolo

Dieta in gravidanza, quali sono i consigli da seguire? La risposta nel podcast

Alimentazione e gravidanza, consigli

Secondo la dottoressa quando si inizia a pensare di diventare genitori occorre farsi delle domande sulla propria alimentazione, cercando di capire se è effettivamente salutare, e, soprattutto:

  • se si consuma verdura tutti i giorni,
  • se si varia nel consumo dei cereali e se li si sceglie integrali, moderando anche le porzioni,
  • se durante la settimana si alternano le fonti proteiche, scegliendo legumi e il pesce come principali alimenti ricchi di proteine,
  • se ci si orienta verso i latticini con pochi grassi (cercando di evitare quelli eccessivamente grassi),
  • se si usano i condimenti giusti (olio extravergine d'oliva) e poco sale (aumentando magari il consumo di spezie ed erbe aromatiche),
  • se si evitano gli alcolici,
  • se si cerca di evitare i dolciumi (riservandoli solo alle occasioni particolari) - se la gravidanza è in atto invece occorre eliminarli,
  • se, leggendo sempre attentamente le etichette, si cerca di evitare i prodotti industriali.

Una dieta per ogni età, perché è importante?

«Si tratta di un modo per parlare di alimentazione salutare e corretta, tenendo però presenti le esigenze di ogni persona. Ognuno è diverso e quindi generalizzare non consente mai di coprire le esigenze personali.

Però l'individuazione di macrocategorie di persone in base alle diverse età può essere qualcosa che si avvicina di più alla realtà.

Dal momento del concepimento il feto ha determinate esigenze per la sua crescita corretta e in salute, fino ad arrivare alla terza età, nella quale ci sono, invece, necessità legate al minore assorbimento dei nutrienti, ecc.», afferma la dottoressa Dogliotti.

Dieta in gravidanza, quali cibi evitare

«La questione dell'evitamento di alcuni cibi in gravidanza è legata principalmente alla problematiche di tipo igienico, e, specificamente, al rischio di contaminazione con batteri come la salmonella, o con altri elementi che possono essere pericolosi come l'Escherichia Coli, la Listeria, ecc.

Importante è evitare carne e pesce crudi, e i prodotti lattiero caseari non pastorizzati. Occorre anche fare attenzione anche ai prodotti freschi, da banco (cercando di capire se sono stati conservati correttamente).

Per il resto non c'è il divieto assoluto di un alimento. L'alimentazione eterogenea è importante anche durante la gravidanza e l'allattamento: è ciò che rende vario il nostro microbiota intestinale ed è fondamentale per il nascituro».

Ricetta gravidanza: biscottini con zenzero

«Le ricette presenti nel libro sono un regalo di esperti e di influencer di un certo livello: vogliamo dare un messaggio, offrendo una linea comune e per far sì che la voce sull'importanza dell'alimentazione e della prevenzione sia ancora più forte.

Per quanto riguarda le ricette premaman mi sono affidata alla collega Benedetta Raspini, biologa nutrizionista, autrice di un libro dedicato ai primi 1000 giorni del bambini. Una delle sue ricette, utile a limitare le nausee in gravidanza, è quella dei biscottini allo zenzero per la prima colazione. Questi biscottini contengono farina integrale, farina di grano saraceno, zenzero, miele, olio extravergine d'oliva, cannella. Sono sfiziosi e hanno lo zenzero, che aiuta a tamponare le nausee gravidiche».

INGREDIENTI (per 30 biscotti)

  • 200 g di farina integrale
  • 200 g di farina di grano saraceno
  • 2 cucchiaini di zenzero in polvere
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • Una spolverata di noce moscata
  • 150 g di miele
  • 120 ml di olio evo
  • La scorza grattugiata di 1 limone

PREPARAZIONE

Setacciate le farine in una ciotola, aggiungete lo zenzero, la cannella e la noce moscata e mescolate. Unite il miele, l'olio e la scorza di limone e impastate fino a ottenere un composto liscio e omogeneo. Lasciate riposare l'impasto in frigo per circa 2 ore, quindi stendetelo con un matterello in una sfoglia alta circa 4 mm e ricavatene i biscotti della forma che preferite con uno stampino.

Disponeteli in una teglia ricoperta con carta da forno infornateli a 180 gradi per 20-25 minuti, controllando di tanto in tanto la cottura.

Se preferite, potete utilizzare lo zenzero fresco grattugiato invece di quello in polvere. L'unica differenza sta nel sapore: sono entrambi piccanti, ma la radice non essiccata ha un gusto più fresco.

Il libro "Una dieta per ogni età"

«Il libro nasce fondamentalmente da un'esigenza della Fondazione Umberto Veronesi. Io mi occupo da diversi anni di divulgazione scientifica nell'ambito dell'alimentazione e dei corretti stili di vita come arma di prevenzione.

Ma dalla Fondazione è arrivato lo sprone a mettere per iscritto alcuni importanti concetti con i termini che si usano per fare divulgazione normalmente. Questi concetti sono veicolati tramite vari canali di comunicazione: l'educazione nelle scuole e nelle aziende, i vari seminari (negli ultimi anni anche in versione web)».

Parte del ricavato del libro finanzierà la ricerca scientifica d'eccellenza di Fondazione Umberto Veronesi, finalizzata a combattere le patologie che ancora oggi colpiscono numerose persone.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli