Home Gravidanza Salute e benessere

L'alimentazione in gravidanza: riduci al minimo gli zuccheri semplici

di Angela Bisceglia - 24.04.2013 - Scrivici

dolci.180x120
Ridurre al minimo gli zuccheri semplici aiuta a non avere un picco di glicemia. Leggi i consigli della dietologa Diana Scatozza.

Consulenza della dottoressa Diana Scatozza, medico Specialista in Scienza dell'Alimentazione ad indirizzo dietologico-dietoterapico a Milano.

Il fabbisogno di zuccheri nel corso dei nove mesi resta più o meno lo stesso che si aveva prima della gravidanza e cioè circa il 55-60% dell’introito calorico giornaliero. Durante l’attesa però cerca di ridurre al minimo gli zuccheri semplici, e cioè lo zucchero raffinato o di canna, e gli alimenti che lo contengono, come bevande e dolci, perché provocano un’impennata della glicemia, soprattutto se consumati a stomaco vuoto. Dai invece la preferenza agli zuccheri complessi, ossia i carboidrati (rappresentati principalmente da pane e pasta), che fanno aumentare la glicemia nel sangue in modo molto più lento.

  • Pasta e riso La pasta o il riso si possono mangiare anche tutti i giorni, preferibilmente a pranzo, in una quantità pari a 80 grammi circa per volta (peso a crudo) se non si consuma anche il secondo. “Volendo, si può abbinare anche un secondo a base di proteine (ma in tal caso la dose di pasta deve essere ridotta a 50 gr)” specifica la dottoressa Scatozza, “tuttavia in gravidanza difficilmente si riesce a fare un pasto completo, soprattutto verso gli ultimi mesi. Man mano che si va avanti, infatti, si riduce la capacità di riempimento gastrico a causa dell’aumento di volume del pancione, in più la digestione diventa più difficoltosa a causa del progesterone, ormone che rallenta la motilità gastro-intestinale, (lo stomaco cioè si svuota più lentamente) e riduce la produzione di succhi gastrici. Per questi motivi, meglio mangiare la pasta a pranzo e un alimento proteico a cena. Pasta e riso possono anche essere sostituiti da altri cereali, come farro, orzo, miglio, a seconda dei propri gusti”.

  • Pane Se non si mangia la pasta, ci vuole un altro carboidrato: 60 g di pane, bianco o, se hai problemi di stitichezza, integrale, oppure grissini e cracker (30 g), perfetti soprattutto se soffri di nausee, poiché sono più secchi e quindi più digeribili.

Leggi tutti i consigli:

Hai bisogno di tenere il peso sotto controllo? Ecco il menu settimanale della gravidanza

Leggi anche le ricette della gravidanza

Dopo il parto, torna in forma con i consigli sull'alimentazione durante l'allattamento e i video fitness per le neo mamme.

Vuoi confrontarti con altre donne incinte? Entra nel forum

TI POTREBBE INTERESSARE

Leggi articoli su

articoli correlati

ultimi articoli