Home Gravidanza Salute e benessere

Chiusura delle tube, perché si fa e cosa succede

di Simona Bianchi - 27.12.2022 - Scrivici

chiusura-delle-tube-perche-si-fa-e-cosa-succede
Fonte: Shutterstock
Quali sono i vantaggi e gli svantaggi della chiusura delle tube, un metodo contraccettivo permanente anche se alcune volte può essere reversibile

In questo articolo

Chiusura delle tube, cosa sapere

La chiusura delle tube viene anche chiamata legatura delle tube, sterilizzazione tubarica o sterilizzazione femminile. È un metodo contraccettivo che consiste nel "blocco" delle tube di Falloppio (tube uterine).È una tecnica molto efficiente ma anche drastica in quanto si tratta di una sterilizzazione tendenzialmente permanente anche se in alcuni casi può essere reversibile. L'intervento viene effettuato in ospedale e richiede generalmente circa 30 minuti; quasi tutte le donne operate vengono dimesse in giornata e sono in grado di ritornare alle proprie attività entro pochi giorni.

Quali sono i vantaggi della chiusura delle tube

La chiusura delle tube, come già detto, è un metodo molto efficace per evitare gravidanze indesiderate, ma è anche permanente. I vantaggi di questa tecnica sono:

  • l'affidabilità in quanto offre una percentuale di successo fino al 99,5%, in aumento dopo il primo anno. I dati rilevano poche decine di gravidanze ogni 1000 donne su un arco temporale di 10 anni
  • la relativa semplicità dell'intervento, che consente al paziente di tornare a casa subito senza la necessità di rimanere in ospedale per più di qualche ora
  • la procedura non influisce sulla funzione ovarica o uterina, quindi il ciclo mestruale viene mantenuto e continua normalmente senza interferire con il periodo della menopausa
  • non necessita di visite successive o controlli medici se tutto trascorre con normalità
  • richiede solo il congedo di malattia di una durata molto breve
  • non si devono più assumere alcuni ormoni contraccettivi perché si tratta di un metodo utilizzabile anche nelle pazienti che temono preparati ormonali o non possono assumerli

Quali sono gli svantaggi della chiusura delle tube

La legatura delle tube ha anche un altro lato della medaglia, ovvero degli svantaggi da prendere in considerazione prima di decidere di sottoporsi all'intervento.

  • è tendenzialmente permanente, la sua reversibilità è complessa e non sempre efficace. La probabilità di concepire di nuovo naturalmente è molto bassa e se si vuole diventare madre si rischia di dover ricorrere alla fecondazione assistita
  • è considerato un metodo molto affidabile, ma non infallibile, gli studi più recenti riportano un tasso di fallimento inferiore all'1%. Sebbene molto raro, può accadere che le estremità delle tube si uniscano di nuovo e portino a una gravidanza indesiderata. Aumenta anche il rischio di gravidanza ectopica (gravidanza fuori dall'utero)
  • la tecnica chirurgica utilizzata e l'anestesia generale possono provocare effetti collaterali
  • non protegge dalle malattie sessualmente trasmissibili

Quando si può fare l’operazione e i rischi dell’intervento

L'intervento può essere fatto a qualsiasi età, si può scegliere di avere una chiusura delle tube subito dopo aver partorito con parto vaginale o cesareo (legatura postparto), dopo un aborto (legatura postaborto), o in qualunque momento del ciclo mestruale.

I rischi dell'operazione sono diversi anche se molto bassa la percentuale che si verifichino e possono essere:

  • legati all'anestesia, specie se totale
  • rischio di lesione all'utero o altri organi vicini come intestino o vescica
  • rischio di sanguinamento interno o esterno
  • rischio di sviluppare una infezione nel sito operatorio

Cosa sapere sul post operazione

Una volta eseguito l'intervento, la donna rimane nella sala di risveglio per un tempo variabile in base alle sue condizioni. Successivamente, se eseguita una anestesia locale e salvo complicazioni, si può tornare a casa dopo poche ore. In caso di anestesia totale o spinale o in caso di complicazioni, verrà chiesto alla paziente di rimanere più a lungo, anche per la notte o oltre. Almeno per una settimana dopo l'operazione, la donna non deve svolgere compiti o lavori fisicamente pesanti. Nella maggior parte dei casi, il recupero completo avviene entro due settimane dall'intervento. Al termine dell'operazione si è subito sterili e si può riprendere l'attività sessuale dopo una decina di giorni o quando ci si sentirà a proprio agio.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli