Home Gravidanza Salute e benessere

Cioccolato in gravidanza: rischi e benefici

di Francesca Capriati - 20.10.2008 - Scrivici

cioccolato-in-gravidanza
Fonte: shutterstock
Cioccolato in gravidanza: rischi e benefici del cioccolato e del cacao amaro in gravidanza e allattamento. Fa venire le contrazioni?

Cioccolato in gravidanza

Alle donne in dolce attesa, e non solo a loro, il cioccolato fa bene:è senza dubbio un alimento ricco di antiossidanti e importanti principi nutritivi e non c'è motivo per eliminarlo completamente dalla propria dieta quotidiana. Tuttavia non bisogna esagerare e, soprattutto in gravidanza, bisogna consumarne in limitate quantità perché, a fronte dei tanti benefici, ci sono anche alcuni rischi. Possiamo mangiare, dunque, il cioccolato in gravidanza e allattamento? E che tipo di cioccolato è preferibile scegliere?

In questo articolo

Benefici

La scienza dimostra che un piccolo pezzo di cioccolato fondente al giorno, circa 30 grammi, quindi un quadratino, ad esempio, fornisce una significativa quantità di flavonoidi, sostanze antiossidanti ed altre sostanze che hanno diversi effetti benefici come:

  • diminuire il colesterolo cattivo;
  • ridurre il rischio di anemia
  • mantenere regolare la pressione arteriosa
  • migliorare l'umore.

Dal punto di vista nutrizionale il cioccolato contiene:

  • Vitamine: tiamina (vitamina B1), riboflavina (vitamina B2), niacina (vitamina B3), acido folico (vitamina B9), vitamina A, vitamina C
  • Sali minerali: sodio; potassio; ferro; calcio; fosforo; zinco

Inoltre scegliendo il cioccolato fondente l'apporto calorico è limitato.

Il cioccolato è, quindi, sicuro purché venga gustato con moderazione. Scegliendo quello fondente, invece di quello bianco o al latte, ci assicuriamo che contenga soprattutto sostanze antiossidanti e non zuccheri o grassi che in gravidanza vanno limitati.

Cioccolato in gravidanza e contrazioni

Non ci sono evidenze scientifiche che dimostrino che un consumo di cioccolato a ridosso del parto faccia venire le contrazioni: si tratta di una leggenda popolare legata ai metodi naturali per far venire le contrazioni che non ha fondamento. Non è consigliabile fare scorpacciate di cioccolato per non rischiare di avere crampi e mal di pancia che possono anche essere confusi con le contrazioni!

Il cioccolato, invece, andrebbe limitato nel terzo trimestre per un altra ragione: alcuni studi suggeriscono che un eccessivo consumo di cioccolato nelle ultime fasi di gravidanza può avere effetti negativi sul dotto arterioso (DA) del bambino. Il DA è un vaso sanguigno fetale che scompare poco dopo la nascita. Secondo le evidenze gli effetti antinfiammatori del cioccolato possono ritorcersi contro durante il terzo trimestre. E' evidente, però che questi rischi sono nulli se ci si limita a mangiare un pezzetto di cioccolato al giorno

Cacao amaro in gravidanza

Il cacao amaro, in polvere o in tavolette, può contenere eccessive quantità di caffeina, che in gravidanza va certamente limitata.

Il cioccolato fondente ha quasi il triplo della quantità di caffeina rispetto al cioccolato al latte e la caffeina va consumata con moderazione durante i nove mesi di gestazione.

Una eccessiva quantità di caffeina è stata collegata ad un aumento del rischio di aborto spontaneo (diverse ricerche hanno scoperto che la caffeina aumenta significativamente il rischio di esiti avversi della gravidanza) e per questo gli esperti raccomandano di non superare i 200-300 mg al giorno. E' evidente, quindi, che abbiamo bevuto due, tre tazzine di caffè, dobbiamo moderarci con il consumo di cioccolato.

Cioccolato in allattamento

Non c'è nulla di male nel mangiare cioccolato durante l'allattamento, ma bisogna farlo con moderazione, esattamente come durante la gravidanza. In ogni caso è bene controllare sempre la consistenza ed il colore delle feci del bambino ed eliminare alcuni alimenti, compreso il cioccolato, se ci accorgiamo che il piccolo soffre di colichette o sembra particolarmente nervoso.

Voglia di cioccolato in gravidanza: maschio o femmina?

Sono molte le leggende popolari legate alle tecniche per predire il sesso del bambino. Una di queste tira in ballo proprio il cioccolato e, più in generale, i cibi dolci. Si dice, infatti, che se la futura mamma ha una particolare voglia di dolci, cibi zuccherati e cioccolato è in arrivo una femminuccia.

Fonti

Revisionato da Francesca Capriati

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli