Home Gravidanza Salute e benessere

Rimedi per la nausea in gravidanza: consigli utili

di Irma Levanti - 14.03.2022 - Scrivici

rimedi-per-la-nausea-in-gravidanza
Fonte: shutterstock
Rimedi per la nausea in gravidanza: A quante settimane iniziano le nausee? Consigli per affrontare la nausea e i rimedi naturali. Come togliere il senso di nausea e cosa mangiare

Rimedi per la nausea in gravidanza

Molte donne, in gravidanza, soffrono di nausea, una condizione che non ha conseguenze per il bambino – anzi, sembra che sia associata a un minor rischio di aborto nelle prime settimane - ma può essere molto fastidiosa. Se sei tra queste, ecco una serie di consigli per provare a combatterla e i rimedi per la nausea più efficaci.

In questo articolo

1. Cambia il modo in cui mangi

Modifica le tue abitudini:

  • fai piccoli pasti frequenti
  • spezzetta le porzioni

Piccoli pasti frequenti sono più tollerabili: l'ideale è puntare su tre pasti completi (colazione, pranzo e cena) più due spuntini (merende di metà mattina e metà pomeriggio) invece che su due soli pasti più sostanziosi (pranzo e cena).

Se questo non basta, puoi spezzettare ulteriormente le porzioni durante la giornata: sgranocchia una fetta biscottata, mangia una banana, mastica qualche mandorla o dei semi di zucca, così lo stomaco non si svuota e la nausea diminuisce.

2. Scegli gli spuntini più adatti

Preferisci prodotti a base di carboidrati (come pane, cracker, fette biscottate) e con pochi grassi. Molte donne apprezzano di più i sapori leggermente salati (ok anche a un cubettino di grana o parmigiano) a quelli dolci.

Nelle prime settimane un moderato apporto di sale è ancora consentito, mentre la quantità di sale introdotta con la dieta dovrebbe essere diminuita a partire dalle 20 settimane di gravidanza.

3. Evita cibi grassi e fortemente speziati

I cibi grassi vengono digeriti con maggiore lentezza e difficoltà e spesso non aggiungono nulla dal punto di vista nutrizionale.

4. Evita cibi e odori che ti danno fastidio

Non c'è una regola fissa: ogni donna sa che cosa tollera meno. Considera che gli alimenti freddi emanano meno profumi di quelli caldi, per cui potresti preferire pasti freddi.

5. Mangia qualcosa appena sveglia

Se la nausea è particolarmente fastidiosa alla mattina, prova a mangiare dei cracker, un poco di pane secco o della frutta secca direttamente dal letto, ancora prima di alzarti. In questo modo aumenterai i tuoi livelli di zucchero nel sangue, il che potrebbe attenuare il senso di nausea.

6. Bevi molto, a piccoli sorsi

Scopri quello che ti fa stare meglio: acqua (molte la preferiscono gassata), oppure altre bevande gassate (ma senza caffeina), tisane, magari con un po' di zucchero, brodo vegetale.

Possibili alternative alle bevande - ma senza esagerare - sono i frutti che contengono molta acqua, come il melone, il gelato alla frutta, un cubetto di ghiaccio.

7. Cerca di non associare solidi e liquidi durante i pasti

In altre parole, non bere troppo mentre mangi

Se ti piace, puoi comprarla già pronta, oppure prepararla in casa versando acqua bollente su qualche fettina di zenzero fresco o di zenzero candito. In alternativa, puoi anche masticare qualche fettina fresca.

9. … oppure alla camomilla

Secondo le ultime raccomandazioni dell'Organizzazione mondiale della sanità per una gravidanza in salute, anche una tisana alla camomilla potrebbe ridurre i sintomi di nausea e vomito. Tentare non nuoce di sicuro.

10. Cerca di riposare

In caso di nausea, la stanchezza può acuire il fastidio. Se hai bisogno di una mano in casa non esitare a chiederla.

11. Indossa indumenti comodi, non troppo stretti in vita

Indossare abiti troppo attillati e stretti in vita possono rendere più difficoltosa la respirazione e favorire il mal di stomaco.

12. Cerca di distrarti

A volte, pensare troppo alla nausea che ti affligge la fa sembrare ancora più intensa. Prova a distrarti con un libro, un bel film, una passeggiata, una chiaccherata con un'amica.

13. Prova con la vitamina B6

È già contenuta nei multivitaminici utilizzati in gravidanza, ma può valere la pena parlarne con il tuo medico, che potrebbe consigliarti una formulazione più specifica o un dosaggio maggiore. Diversi studi confermano una certa utilità della vitamina B6 nel ridurre i sintomi di nausea e vomito.

14. Prova con l'agopuntura o i braccialetti antinausea

I risultati dei pochi studi disponibili non sono eclatanti, ma qualche donna potrebbe effettivamente averne beneficio dal braccialetto antinausea in gravidanza. Per l'agopuntura, ovviamente devi rivolgerti a un medico specializzato.

15. Se il malessere diventa intenso, parlane con il medico

Sono possibili alcune soluzioni farmacologiche per i casi più accentuati.

La nausea in gravidanza viene spesso definita come "nausea mattutina" perché tende a manifestarsi al mattino, quando ci si sveglia. Le prime nausee possono presentarsi già 7-10 giorni dopo il mancato arrivo delle mestruazioni, ma, in genere, la nausea ha il suo piccomassimo intorno alle 12-14 settimane per poi scomparire entro la fine del quarto mese

Nausea in gravidanza rimedi

Ecco alcuni rimedi pratici e immediati:

  • non alzarti a stomaco vuoto, ma tieni un biscotto o un cracker vicino al letto, così da mangiarlo appena sveglia;
  • tieni in borsa dei crackers da mettere in bocca appena ti senti nauseata;
  • non bere troppo a stomaco vuoto;
  • riposa il più possibile;
  • prova una tisana o delle gocce allo zenzero o una camomilla;
    mangia in modo leggero e digeribile, evitando cibi speziati o troppo pesanti.

Fonti per questo articolo

  • Pagina web del sito informativo del sistema sanitario inglese;
  • Pagina del sito WebMD,
  • Linee guida dei ginecologi americani sulla nausea in gravidanza;
  • consulenza di Stefano Bianchi, direttore dell'Unità di ginecologia e ostetricia dell'Ospedale San Giuseppe di Milano;
  • Linee guida del Ministero della salute sulla gravidanza fisiologica;
  • Raccomandazioni dell'Organizzazione mondiale della sanità per un'esperienza positiva della gravidanza;
  • articolo Doxylamine/pyridoxine for nausea and vomiting in pregnancy pubblicato a marzo 2019 sul Drug and Therapeutics Bulletin

Revisionato da Francesca Capriati

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli