Home Gravidanza Salute e benessere

Diabete gestazionale: si può allattare?

di Simona Bianchi - 06.11.2023 - Scrivici

diabete-gestazionale-si-puo-allattare-
Fonte: Shutterstock
Se durante la gravidanza si ha diabete gestazionale, molte donne si chiedono se è possibile nutrire al seno il neonato. Cosa fare e cosa sapere

In questo articolo

Diabete gestazionale: si può allattare?

Durante la gravidanza può capitare di sviluppare diabete gestazionale e molte donne si chiedono se, una volta nato il bambino, si può allattare al seno o meno. Il Diabetes Research Institute chiarisce che non esiste alcuna controindicazione all'allattamento al seno per le mamme che hanno avuto il diabete gestazionale, anzi, il latte materno è sempre consigliato perché contiene sostanze e nutrienti che riducono il rischio di numerose patologie infettive e autoimmuni. Se la patologia è stata tenuta sotto controllo durante la gestazione, al momento del parto non deve destare alcuna preoccupazione.

Lo studio sul diabete gestazionale e l’allattamento

Secondo uno studio pubblicato dal Journal of Racial and Ethnic Health Disparities, si dovrebbe aumentare il sostegno alle donne con diabete gestazionale perché inizino l'allattamento al seno e lo proseguano per quanto possibile. Questa pratica può infatti migliorare sia la salute della mamma che quella del bambino. I ricercatori dell'Institute for Research and Education to Advance Community Health (IREACH), utilizzando i dati del sistema di monitoraggio della valutazione del rischio di gravidanza, hanno stimato i fattori associati al diabete mellito e all'inizio dell'allattamento al seno, e hanno condotto un'analisi di sopravvivenza utilizzando le curve di Kaplan-Meier e la regressione dei rischi proporzionali di Cox per analizzare la cessazione precoce dell'allattamento al seno. Tra le donne indiane americane e native dell'Alaska, l'istruzione superiore ha ridotto le probabilità di soffrire di diabete gestazionale, e l'essere sposate ha aumentato invece le possibilità. Inoltre, il fatto di ricevere aiuti statali per fare la spesa ha ridotto le probabilità di iniziare l'allattamento al seno in queste minoranze. Sebbene non vi fosse alcuna associazione tra diabete mellito e inizio dell'allattamento al seno, solo un terzo delle donne indiane americane e native dell'Alaska con diabete stava ancora allattando al seno entro 36 settimane dopo il parto, rispetto a più della metà delle donne caucasiche e ispaniche non ispaniche.

Cos’è il diabete mellito e quali sono le cause

Il diabete mellito è uno dei principali problemi metabolici che si possono presentare nelle donne in gravidanza. Si possono osservare alterazioni nel controllo della glicemia nel 10% delle gestazioni. Ci sono due tipi di alterazioni: gestazionale e pre-gestazionale. Nel primo caso è la condizione che si sviluppa in una donna non diabetica nei primi mesi della gravidanza a causa delle alterazioni ormonali determinata dagli ormoni gravidici. Nel secondo caso, si tratta di donne già con diabete insulino-dipendente che non mantengono il controllo della malattia in gravidanza. In entrambe le situazioni, se la glicemia non è controllata, può causare vari problemi al bambino dopo la nascita. A causare la patologia possono essere gli ormoni della gravidanza, alcuni dei quali possono avere un effetto bloccante sull'azione dell'insulina. Tale effetto inizia di solito tra la 20a e la 24a settimana di gravidanza. In pratica è proprio lo stato di gravidanza che può modificare l'utilizzo e il fabbisogno di insulina nella donna e ciò può determinare il diabete gestazionale nelle donne non diabetiche.

Come si previene e si cura il diabete mellito

Il Sistema Sanitario Nazionale prevede uno screening del diabete gestazionale per prevenire le conseguenze sul neonato. Nelle donne in gravidanza è necessario misurare sistematicamente la glicemia e il valore dell'emoglobina glicosilata, seguire una dieta attenta e bilanciata, attenersi alle prescrizioni del diabetologo in caso di diabete gestazionale e fare attività fisica moderata. Se una quantità eccessiva di glucosio nel sangue materno viene trasferita al feto può determinare alcune problematiche come macrosomia, ittero, ipoglicemia, distress respiratorio. A un neonato nato da madre diabetica devono essere fatti dei controlli come valutare i livelli di glucosio nel sangue e avviare alcune indagini come la radiografia del torace e l'ecocardiogramma.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli