Home Gravidanza Salute e benessere

Dolori addominali in gravidanza: quando preoccuparsi

di Francesca Capriati - 27.01.2021 - Scrivici

dolori-addominali-in-gravidanza
Fonte: shutterstock
Dolori addominali in gravidanza: mal di stomaco e mal di pancia nelle prime settimane, nel secondo e terzo trimestre. Quando preoccuparsi

Dolori addominali in gravidanza

I dolori e i crampetti addominali sono abbastanza comuni in diverse fasi della gravidanza e solitamente non sono motivo di preoccupazione ma a volte possono essere il segnale di qualcosa di più serio che è necessario valutare insieme al ginecologo. Proviamo a capire, quindi, quali sono le più comuni cause di dolori addominali in gravidanza e come bisogna comportarsi.

In questo articolo

Mal di pancia in gravidanza

Dolori addominali innocui possono essere causati da:

  • dolore al legamento rotondo, causato dall'allungamento di un legamento che "abbraccia" l'utero seguendolo nella crescita e che può causare dolore simile ad un crampo acuto su un lato della parte inferiore della pancia. In particolare Ciò può causare dolore acuto o sordo all'addome, ai fianchi o all'inguine. Cambiare posizione, starnutire o tossire può provocare un dolore ai legamenti rotondi che interessa anche fianchi e inguine;
  • stitichezza, molto comune in gravidanza, favorita soprattutto da cambiamenti ormonali, dieta povera di fibre e liquidi, mancanza di esercizio fisico, integratori di ferro e ansia;
    meteorismo: l'aumento di progesterone stimola la produzione di gas perché produce un rilassamento dei muscoli intestinali e allunga i tempi di permanenza del cibo nel tratto intestinale;
  • l'utero che cresce esercita progressivamente una pressione extra sugli organi, rallenta ancora di più la digestione, favorisce meteorismo e stitichezza.

Quando preoccuparsi

In linea di massima bisogna chiamare il medico quando si presentano sintomi come:

  • sanguinamento o spotting
  • crampi o contrazioni regolari
  • perdite vaginali insolite
  • mal di schiena lombare
  • dolore o bruciore durante la minzione
  • un dolore che non scompare dopo aver riposato per 30-60 minuti.

Mal di pancia in gravidanza nelle prime settimane

Nelle prime settimane di gestazione i crampi addominali sono uno dei sintomi più comuni di inizio gravidanza, ma non va mai ignorato un dolore accompagnato da sanguinamento, dolore alla spalla, problemi durante l'evacuazione e la minzione. Questi sintomi potrebbero indicare una gravidanza ectopica e i sintomi compaiono tipicamente tra le 4 e le 12 settimane di gravidanza.

Dolori addominali in gravidanza secondo trimestre

Nel secondo trimestre di gravidanza i dolorini addominali possono essere comuni, soprattutto quelli localizzati sotto le costole che sono causati dalla crescita del bambino e dalla spinta da parte dell'utero, ma non vanno ignorati se vengono accompagnati da sanguinamento e crampi acuti.

Verso la fine del secondo trimestre potrebbe presentarsi anche un'altra complicanza: la preeclampsia che si manifesta solitamente dopo la ventesima settimana e che può causare anche anche con mal di testa, gonfiore a mani e piedi.

Dolori addominali in gravidanza, terzo trimestre

Intorno alla 37esima settimana i crampi possono continuare a presentarsi: generalmente si tratta di contrazioni preparatorie, dette di Braxton Hicks, e non danno il via al travaglio. Possiamo distinguere queste false contrazioni da quelle vere e proprie perché non sono regolari e non aumentano di intensità. Se dovessero diventare regolari è importante chiamare il medico.

Nel terzo trimestre non vanno mai sottovalutati anche sanguinamento e forte dolore costante (potrebbe indicare un distacco di placenta).

Dolore alla parte alta della pancia in gravidanza

Durante la gravidanza è abbastanza comune soffrire di gastrite, bruciore allo stomaco e dolore all'altezza dello stomaco, appena sotto le costole. Può essere causato da diversi fattori soprattutto perché l'utero cresce settimana dopo settimana e comincia a spingere sotto le costole. Verso la fine della gestazione il bambino si muove più difficilmente, perché ha spazio ridotto, e quando si gira e spinge con la testa o con un piedini sotto il costato può causare un leggero dolore.

Dobbiamo chiamare il medico se notiamo un dolore persistente in particolare sul lato destro, problemi alla vista, mal di testa, malessere generale e improvviso gonfiore di viso, mani o piedi (potrebbe essere una preeclampsia).

Fonti

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli