Home Gravidanza Salute e benessere

Mal di pancia e dolori da ciclo in gravidanza: cosa significano?

di Elena Berti - 03.01.2022 - Scrivici

dolori-mestruali-in-gravidanza
Fonte: Shutterstock
Come mai a volte si provano dolori mestruali in gravidanza: da cosa dipendono, quando preoccuparsi, quando indicano aborto o extrauterina.

Dolori mestruali in gravidanza

Quando si aspetta un bambino, le paure e le preoccupazioni sono tante: starà bene? Crescerà correttamente? Soprattutto se è la prima volta, le future mamme fanno attenzione a ogni dettaglio e a tutti i minimi cambiamenti del corpo. Per esempio: è normale provare dolori mestruali in gravidanza?

In questo articolo

Cosa si intende per dolori mestruali

Si usa l'espressione dolori mestruali, in realtà, per identificare tutti quei fastidi, più o meno forti, che coinvolgono l'apparato riproduttivo femminile. Quante volte capita, a una donna, di sentire male all'altezza del pube, oppure a un lato, o ancora all'esterno, sulla vulva?

I veri dolori mestruali sono ovviamente quelli che si provano perché legati al ciclo, quindi nella fase premestruale e poi nei primi giorni di mestruazioni. Se i dolori compaiono in altri momenti, potrebbe trattarsi dell'ovulazione, oppure di altro: questioni semplici come problemi intestinali (in particolare colon irritabile), o ancora cisti, aderenze, patologie. È sempre bene farsi controllare se, in assenza di gravidanza, i dolori sono frequenti, forti e persistenti al di là del periodo mestruale. 

Ciclo in arrivo o gravidanza?

I dolori cosiddetti mestruali possono essere confusi con quelli della gravidanza, quindi ancor prima di avere un test positivo in mano: ma come si fa a riconoscerli? In realtà è quasi impossibile, almeno prima di avere un ritardo. Questo perché il mal di pancia, o "male alle ovaie" che si prova nella fase luteale ha la stessa origine sia che sia avvenuto concepimento che nel caso in cui stia per arrivare il ciclo, perché deriva dal lavoro ormonale che il corpo mette in atto per ispessire l'endometrio

Se i dolori continuano 

È del tutto normale, quindi, nella prima fase soprattutto, provare dei dolori che ricordano quelli mestruali. Dal momento dell'impianto - che può provocare anche perdita ematica - si inizia a produrre beta hCG e il corpo cambia notevolmente per accogliere la nuova vita.

Le pareti dell'utero si ispessiscono per garantire un attecchimento ottimale dell'embrione, lo stesso utero inizia a crescere per fare spazio alla nuova vita. 

Cause del dolore mestruale in gravidanza

Come abbiamo detto, quindi, è normale provare dolore all'altezza delle ovaie e dell'utero durante le prime fasi della gravidanza, che ricorda di molto quello che si prova prima o durante le mestruazioni. I dolori potrebbero anche non essere collegati alla gravidanza ma avere altre origini, magari sempre per influsso dei cambiamenti ormonali che possono avere conseguenze su tutto l'organismo, per esempio sulla vescica e sull'intestino. 

Quando preoccuparsi del mal di pancia in gravidanza

Ci sono però anche casi in cui i dolori mestruali potrebbero essere un campanello d'allarme. Il dolore, infatti, dovrebbe essere limitato, sopportabile, mai lancinante. Se sentite delle fitte, dei crampi o avete spesso una sensazione fastidiosa, rientra tutto nella norma. Se però il dolore è improvviso e molto forte, e ancor di più se è accompagnato da altri sintomi come sanguinamento, è il caso di farsi vedere da un medico. I rischi infatti sono: 

Esistono poi altre condizioni che potrebbero accentuarsi in gravidanza, come la torsione degli annessi, cioè la torsione di un ovaio intorno a legamenti e tessuti che lo sostengono. Per questo, se il dolore è insopportabile, insorge improvvisamente e magari è accompagnato da altri sintomi, recatevi al pronto soccorso o dal vostro medico. 

I dolori di tipo mestruale in gravidanza sono del tutto normali e sono dovuti ai cambiamenti messi in atto dalla gestazione stessa. A volte dipendono da altre parti del corpo, altre volte - quando sono insopportabili e improvvisi o accompagnati da perdite di sangue - è bene consultare un medico.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli