Home Gravidanza Salute e benessere

Donne incinte con il Covid-19 più a rischio di altre

di Sara De Giorgi - 23.04.2021 - Scrivici

donna-incinta
Fonte: Shutterstock
Secondo uno studio internazionale le donne incinte con il Covid-19 hanno maggiori possibilità di ammalarsi molto e di finire in terapia intensiva o di fare un'esperienza di preeclampsia o di parto pretermine.

Da uno studio internazionale svolto su 2100 donne in gravidanza è emerso che le future mamme che avevano contratto il Covid-19 durante la gravidanza avevano purtroppo anche una probabilità 20 volte maggiore di morire rispetto a quelle che non avevano contratto il virus.

A condurre questa ricerca, unica nel suo genere, sono stati i medici dell'Università di Washington (School of Medicine - UW Medicine) e dell'Università di Oxford. Lo studio è stato pubblicato su JAMA Pediatrics. L'indagine ha coinvolto più di 100 ricercatori e donne incinte di 43 ospedali in 18 nazioni a basso, medio e alto reddito; 220 donne hanno ricevuto cure negli Stati Uniti, 40 alla UW Medicine. L'indagine è stata condotta tra aprile e agosto 2020.

Lo studio è unico nel suo genere perché ogni donna affetta da Covid-19 è stata messa a confronto con due donne incinte non infette che hanno partorito nello stesso arco di tempo e nello stesso ospedale.

In questo articolo

Donne incinte con il Covid-19 più a rischio di altre

In particolare, oltre a un aumento del rischio di morte, è stato registrata - per le donne con il Covid-19 - anche una maggiore probabilità di sperimentare parti pretermine, preeclampsia e ricovero in terapia intensiva e/o intubazione. Inoltre, tra le madri che sono risultate positive al virus, anche l'11,5% dei loro bambini è risultato positivo.

Secondo il dottor Michael Gravett, uno degli autori principali dello studio, sebbene altri studi abbiano esaminato gli effetti del Covid-19 sulle donne in gravidanza, questo è tra i primi ad avere anche un gruppo con cui confrontare simultaneamente i risultati.

«Il risultato principale della ricerca è che le donne incinte non hanno più probabilità di contrarre il Covid-19, ma se lo prendono, hanno poi maggiori possibilità di ammalarsi molto e di finire in terapia intensiva, di ricevere ventilazione o di fare un'esperienza di parto pretermine o di preeclampsia».

Covid-19 e gravidanza, i vaccini

Gravett ha osservato anche che le donne con il Covid-19 asintomatiche o con sintomi in forma lieve non erano a maggior rischio di cure in terapia intensiva, di parto pretermine o di preeclampsia.

Circa il 40% delle donne dello studio erano asintomatiche. Invece, secondo i risultati, le donne incinte obese o affette da ipertensione o diabete rischiavano maggiormente malattie gravi.

Lo studio ha rilevato anche che bambini delle donne con il Covid-19 avevano maggiori probabilità di nascere pretermine, ma le loro infezioni erano generalmente lievi. L'allattamento al seno, invece, non sembra essere correlato alla trasmissione della malattia. Il parto con taglio cesareo, tuttavia, potrebbe essere associato ad un aumento del rischio di avere un neonato infetto.

Gravett ha dichiarato che questi risultati hanno influenzato la decisione degli Stati Uniti di aprire l'idoneità al vaccino alle donne in gravidanza, inizialmente considerate una popolazione a basso rischio di forme gravi legate al Covid-19. «Consiglio vivamente che tutte le donne incinte ricevano i vaccini Covid-19», ha affermato il medico.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli