Home Gravidanza Salute e benessere

Cos’è l’endometrio trilaminare e cosa comporta

di Simona Bianchi - 25.06.2024 - Scrivici

cos-e-l-endometrio-trilaminare-e-cosa-comporta
Fonte: Shutterstock
L’endometrio trilaminare significa che appare ecograficamente organizzato in tre strisce. Quando diventa trilaminare e come influisce sulla fertilità

In questo articolo

Cos’è l’endometrio trilaminare e cosa significa

L'endometrio trilaminare è quando appare composto da tre strati o lamine. Questa condizione si verifica a uno stado specifico del ciclo mestruale in cui l'endometrio ha raggiunto uno stato di preparazione ottimale per l'eventuale impianto di un embrione. L'endometrio non è quindi sempre trilaminare, ma si mostra così solo intorno al periodo dell'ovulazione. Nel corso della prima metà del ciclo, il livello di estrogeni nel corpo aumenta, determinando un ispessimento dell'endometrio. Questo ispessimento raggiunge il suo apice nel periodo periovulatorio, ovvero intorno al giorno dell'ovulazione, trasformandosi in una struttura trilaminare. Questa fase coincide con il momento di massima fertilità della donna, in cui l'endometrio è più ricettivo all'impianto di un eventuale embrione.

Come l’endometrio trilaminare influisce sulla fertilità

La presenza di un endometrio trilaminare è considerata un buon indicatore di fertilità. Questo perché un endometrio che presenta questa struttura ha raggiunto il massimo livello di sviluppo e di prontezza per accogliere un embrione. In altre parole: è pronto per la gravidanza. Sia per quanto riguarda il concepimento naturale sia nell'ambito delle tecniche di procreazione assistita, la verifica della struttura trilaminare indica la possibilità di una buona ruscita dell'impianto embrionale. Un endometrio trilaminare può essere un segnale positivo per le donne che stanno cercando di concepire o che stanno seguendo un trattamento di fecondazione assistita.

L’endometrio trilaminare e le tecniche di fecondazione assistita

Nei trattamenti di fecondazione assistita è molto importante che l'impianto avvenga nel momento ottimale per fare in modo che la gravidanza abbia inizio. In questo contesto l'endometrio trilaminare svolge un ruolo chiave. I medici lavorano per sincronizzare il ciclo mestruale della donna con il processo di fecondazione in laboratorio in modo da garantire che l'endometrio sia nel suo stato ottimale e quindi trilaminare nel momento in cui viene trasferito l'embrione nell'utero. Avere un endometrio trilaminare al momento del transfer embrionale indica che ha raggiunto il livello di sviluppo più idoneo a favorire l'impianto e aumentare le probabilità di successo del trattamento.

Come deve essere l’endometrio per restare incinta

Lo spessore dell'endometrio è di fondamentale importanza per la gravidanza. Il suo spessore dovrebbe essere dai 7 mm in su. Se è inferiore, le probabilità di restare incinta, quindi di un annidamento sono significativamente ridotte. L'endometrio cresce grazie all'azione degli ormoni, in particolare l'ormone luteinizzante (LH), durante il ciclo mestruale. Quando una donna rimane incinta, lo spessore dell'endometrio rimane stabile mese dopo mese. Nella menopausa, l'endometrio perde ogni funzionalità legata al concepimento e quindi il suo spessore si riduce e rimane stabile, non essendo più sollecitato dagli ormoni: in media in una donna in post menopausa e dell'endometrio è inferiore a 5 mm. Nel periodo fertile lo spessore dell'endometrio cambia in base alla fase del ciclo della donna. Durante la fase mestruale è più sottile e può arrivare a misurare tra i 2 e i 4 millimetri . La prima metà della fase proliferativa va dal 6° al 14°mese del ciclo: corrisponde alla fine del sanguinamento e precede l'ovulazione; l'utero si comincia quindi a preparare in previsione di una gravidanza e l'endometrio inizia a ispessirsi fino ai 5-7 mm. Man mano che il ciclo progredisce e si avvicina all'ovulazione, l'endometrio diventa più spesso, arrivando anche gli 11 mm circa. Nella cosiddetta fase secretiva, a metà del ciclo, ovvero quando avviene il rilascio dell'ovulo innescato dagli ormoni, lo spessore endometriale tocca il suo livello massimo fino anche ai 16 mm. Questo fattore è particolarmente importante in una gravidanza: se si è sviluppato correttamente c'è una maggiore probabilità che l'embrione si impianti e riesca a trarre tutti i nutrienti di cui ha bisogno.

Fonti

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli