Home Gravidanza Salute e benessere

Falso ciclo in gravidanza, cos’è e come riconoscerlo

di Simona Bianchi - 21.10.2022 - Scrivici

sintomi-ciclo-in-arrivo
Fonte: Shutterstock
Il falso ciclo in gravidanza si può verificare con sanguinamenti vaginali nelle prime settimene dal concepimento. Da cosa dipende e le caratteristiche

Falso ciclo in gravidanza

Nelle prime due settimane di gravidanza, in particolare circa 10-14 giorni dopo il concepimento, possono verificarsi dei sanguinamenti leggeri, che vengono definiti "falso ciclo". Le perdite ematiche vengono infatti spesso scambiate per mestruazioni, ma in realtà si tratta di perdite da impianto. Quando l'uovo fecondato si attacca al rivestimento interno dell'utero, il movimento può provocare un leggero sanguinamento o spotting, che è del tutto normale e non dovrebbe richiedere alcun tipo di assistenza medica. In genere, circa un terzo delle donne in gravidanza sperimenta un'emorragia da impianto.

In questo articolo

Quali sono le caratteristiche del falso ciclo

Il sanguinamento da impianto è più leggero del sanguinamento mestruale ed è considerato uno dei primi sintomi della gravidanza. Può avvenire insieme a

  • leggeri crampi,
  • sbalzi d'umore,
  • mal di testa,
  • nausea
  • e mal di schiena nella parte bassa.

Il colore delle perdite va dal rosa chiaro al marrone scuro e il sangue non dovrebbe presentare coaguli. L'emorragia da impianto di solito è solo spotting o una piccola scarica rosa o marrone, visibile solo quando una donna si asciuga o in una quantità per cui basta un semplice salvaslip. La sua durata varia da un paio d'ore a tre giorni interi.

Falso ciclo: da cosa dipende

Circa 10-14 giorni dopo il concepimento, quando lo sperma si unisce all'uovo, l'embrione si impianta nella parete dell'utero. Questo movimento può rompere alcuni vasi sanguigni all'interno della parete dell'utero e causare il sanguinamento. L'invasione della cavità endometriale da parte della blastocisti, determina una lesione dei tessuti e dei vasi sanguigni locali, che produce una piccola perdita ematica. Il sangue che non penetra nelle lacune dell'endometrio, si riversa nella cavità uterina, rendendo evidenti le false mestruazioni. Un'altra causa potrebbe dipendere dalla rottura di capillari nel collo dell'utero dopo un rapporto sessuale. Le mestruazioni si verificano circa 11-14 giorni dopo l'ovulazione, questo è un altro motivo per cui i due eventi vengono spesso confusi l'uno con l'altro.

Alcune donne potrebbero semplicemente credere che il loro ciclo sia in anticipo di qualche giorno. Il sanguinamento dell'impianto si verifica in genere entro la settimana prima del periodo previsto. Per esempio, se sei sessualmente attivo e prevedi che il tuo ciclo arrivi il 25 gennaio, in caso di spotting tra il 18 gennaio e il 25 gennaio potrebbe trattarsi di sanguinamento da impianto e non di mestruazioni.

Falso ciclo: quando preoccuparsi

Il sanguinamento da impianto non dovrebbe essere motivo di preoccupazione e non dovrebbe rappresentare un rischio reale per il bambino in via di sviluppo. Se si verificano perdite o spotting per più di pochi giorni, è probabile che non si tratti di sanguinamento da impianto.

Altre cause di sanguinamento potrebbero essere:

  • irritazione della cervice,
  • irritazione o lievi traumi da rapporto sessuale,
  • sollevamento o esercizio/sforzo fisico pesante o eccessivi,
  • infezione vaginale.

Almeno il 50% delle donne che sperimentano spotting/sanguinamento, diverso dal sanguinamento da impianto, durante le primissime settimane, hanno poi una gravidanza normale e sana. Un'emorragia prolungata può essere un segno di qualcosa di più serio man mano che si va avanti con la gestazione. Nel primo trimestre è bene informare il medico di qualsiasi caso di spotting. Nel secondo e terzo trimestre, è necessario chiamare immediatamente lo specialista se si verifica una perdita. Emorragie prolungate potrebbero infatti segnalare gravidanze ectopiche, anomalie placentari, aborti spontanei o gravidanze molari.

Sintomi del concepimento in gravidanza

Se si hanno perdite di sangue, l'unico modo per capire se si tratti di ciclo mestruale o false mestruazioni è fare un test di gravidanza. Attualmente ce ne sono in circolazione anche tipologie che possono rilevare la fecondazione in atto dopo pochi giorni dal concepimento. In ogni caso, ci sono alcuni sintomi comuni e frequenti all'inizio di una gravidanza. Per esempio si può percepire tensione e gonfiore del seno e fastidio ai capezzoli, fastidio ad alcuni tipo di odori, maggiore sensibilità e irritabilità, più fame e stanchezza, gonfiore addominale e nausea.

Si può soffrire anche di capogiri, mal di testa, dolori alla schiena e febbre.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli