Home Gravidanza Salute e benessere

Fibrinogeno basso in gravidanza, c’è da preoccuparsi?

di Simona Bianchi - 09.08.2023 - Scrivici

fibrinogeno-basso-in-gravidanza-c-e-da-preoccuparsi-
Fonte: Shutterstock
Si hanno valori di fibrinogeno basso in gravidanza quando scende sotto 250-300 mg/dl. Quali sono le cause e i rischi di questa condizione

In questo articolo

Fibrinogeno basso in gravidanza

Il fibrinogeno basso in gravidanza si ha quando i valori scendono sotto la soglia dei 250–300 mg/dl durante la gestazione. In questa situazione è necessario rivolgersi al ginecologo o al medico curante. Si possono avere valori bassi di fibrinogeno, quando si è in attesa di un figlio, per numerose e diverse cause. Se non si interviene, si può andare incontro ad alcuni rischi. Conoscere il livello di fibrinogeno è utile al medico per analizzare la capacità di coagulo del sangue della paziente. In gravidanza, il fibrinogeno tende a essere alto. Questa condizione è considerata normale e necessaria per ridurre le emorragie prima, durante e dopo il parto.

Cos’è il fibrinogeno

Il fibrinogeno, o fattore I della coagulazione, è una proteina del sangue contenuta nel plasma, che viene prodotta dal fegato. Ha un ruolo fondamentale all'interno dell'organismo poiché è responsabile del processo di coagulazione del sangue (emostasi) ed è uno dei 13 fattori della coagulazione responsabili della cascata coagulativa, ovvero il processo in cui la trombina trasforma il fibrinogeno in fibrina e questa, legandosi e intrecciandosi a sua volta al fattore XIII, forma una sorta di rete, un coagulo che aderisce al punto danneggiato fermando la fuoriuscita di sangue. In pratica è la reazione che il corpo mette in atto, per esempio, quando ci si procura una ferita sanguinante per fermare l'emorragia. Il valore di fibrinogeno che viene considerato normale, in linea generale per persone non in stato di gravidanza, deve essere compreso tra 150 e 400 milligrammi per decilitro di sangue. Come detto, durante la gestazione il fibrinogeno tende a essere più alto e dovrebbe essere segnalato al proprio medico o ginecologo se scende sotto i 250-300 mg/dl. In gravidanza bisogna prestare attenzione anche quando il valore di riferimento è troppo elevato e supera i 700 mg/dl di sangue perché potrebbe aumentare il rischio di un distacco della placenta e di un aborto.

Monitorare il fibrinogeno durante la gestazione è quindi importante per tenere sotto controllo lo stato di salute della gravidanza.

Quali sono le cause del fibrinogeno basso in gravidanza

Le cause che portano ad avere bassi livelli di fibrinogeno sono diversi, tra i più comuni rientrano i problemi a livello epatico: le patologie che interessano il fegato tendono infatti a ridurre la sintesi di fibrinogeno, dunque la sua presenza nel sangue. Un altro fattore che può determinare tale condizione potrebbe dipendere dalla coagulazione intravascolare disseminata (questa situazione può far pensare all'eccessivo consumo della glicoproteina per la presenza di numerosi trombi nel sistema cardiovascolare). Ci sono poi deficit ereditari che provocano una diminuita produzione di fibrinogeno e predispongono, al contempo, alla possibilità di emorragie anche gravi. Queste condizioni comprendono afibrinogemia, disfibrinogemia o ipofibrinogemia. Altre condizioni che possono predisporre al fibrinogeno basso in gravidanza comprendono:

  • Malnutrizione grave
  • Eclampsia
  • Anemia
  • Embolia
  • Fibrinolisi
  • Infezioni molto gravi
  • Alcuni tumori
  • Trasfusioni rapide di grandi quantità di sangue.

Quali rischi comporta il fibrinogeno basso

I valori troppo bassi di fibrinogeno in gravidanza non sono comuni e comportano l'aumento di alcuni rischi, come:

Per effettuare il controllo del fibrinogeno basta un esame del sangue. Bassi livelli di fibrinogeno in gravidanza, soprattutto se accompagnati ad altri problemi di coagulazione, sono un fattore di rischio per il distacco della placenta. Durante la gravidanza, è possibile adottare dei piccoli accorgimenti e delle correzioni allo stile di vita che possono mantenere più facilmente i livelli di fibrinogeno nella normalità. Per esempio, può essere utile:

  • Evitare di prendere troppo peso durante la gravidanza
  • Praticare un'attività aerobica leggera e costante
  • Correggere l'alimentazione, aggiungendo cibi ricchi di acidi grassi Omega-3 e omega-6

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli