Studio

Gli squilli del cellulare potrebbero disturbare il feto

cellulareincinta
21 Maggio 2015
​Lo squillo del cellulare o del cercapersone potrebbero disturbare il feto, spaventandolo e alterandone il ritmo sonno/veglia. È il risultato di uno studio, ancora in fase preliminare e fatto solo su un piccolo campione di donne medico incinte
Facebook Twitter Google Plus More

Tenere il cellulare o il cerca persone troppo vicini al pancione potrebbe spaventare il feto e alterare il suo ritmo sonno veglia con possibili conseguenze per il suo sviluppo. 

 

A suggerirlo è un piccolo studio, ancora in fase sperimentale, fatto dai ricercatori  del Wyckoff Heights Medical Center di New York City su un campione di 28 dottoresse incinta.

 

"Volevamo vedere se l'uso di questi dispositivi hanno conseguenze sul feto. E in realtà quello che abbiamo capito è che il suono, e forse anche le vibrazioni, possono far trasalire il piccolo e svegliarlo se sta dormendo" ha detto il co-autore Dr Boris Petrikovsky, professore di ostetricia e ginecologia e direttore di medicina materno-fetale.

 

Ciò che ancora non è dimostrato da questo studio è se gli squilli del telefono possono avere effetti sulla gravidanza e sulla salute  del feto.

 

Precedenti ricerche hanno evidenziato che le donne medico hanno gravidanze con un tasso di complicazioni più alto della media, come: nascita prematura, pressione alta, e basso peso alla nascita...
Una delle cause potrebbe essere che i medici tengono spesso telefoni e cerca persone nel camice, proprio vicino al corpo e per lunghi periodi di tempo.

 

"Non possiamo dire che il rumore del cellulare provochi dei problemi in gravidanza. Ma possiamo dire con certezza che i cicli naturali di sonno/veglia del feto sono decisamente disturbati o interrotti dal frequente uso di cellulari e cerca persone" ha detto Petrikovsky.

 

L'esperimento

Nell'esperimento tutti i feti, tra le 27 e le 41 settimane di gestazione, si sono allarmati quando sono stati sottoposto a un primo squillo. Hanno mosso la testa, spalancato la bocca, sbattuto gli occhi.

 

Quando gli squilli sono avvenuti ogni 10 minuti, i piccoli che hanno reagito sono stati il 90%; quando i telefoni sono stati fatti suonare ogni cinque minuti, le reazioni sono scese al 60%. 

Questo significa che i feti dopo un po' si abituano a questo genere di suono. 

Tuttavia, i ricercatori hanno concluso che l'esposizione ripetuta ai suoni di tali dispositivi, soprattutto quando sono in prossimità della testa del feto, alterano il comportamento normale del piccolo.

Leggi anche: Gravidanza: rumori, concerti, fuochi d’artificio. Come comportarsi

 

Il consiglio dei ricercatori: meglio tenere il cellulare lontano dal feto

"Sappiamo che il rumore, soprattutto quando ripetuto, può influenzare lo sviluppo del feto. 

Quindi il consiglio è di non tenere il cellulare o il cerca persone vicino alla testa del feto. Più è lontano dal bambino e meno può dargli fastidio" ha detto Petrikovsky.

 

"Lo studio è molto piccolo e non ha alcun gruppo di controllo. Pertanto, la conclusione degli autori deve essere preso con prudenza. Sicuramente è un tema che va approfondito attraverso un'indagine più ampia" ha concluso Tomer Singer, ostetrico e ginecologo a North Shore-LIJ Center for Human Reproduction di New York.