Vizi da abbandonare

Gravidanza, 10 consigli per dire addio alle sigarette

addio_sigarette
14 Maggio 2013
Può essere difficile, se la voglia di sigaretta è tale da farvi girare per la casa come animali in gabbia. Ma fattene una ragione: dopo 10-12 giorni la fase peggiore della crisi di astinenza è stata superata. Ecco le dieci dritte.
Facebook Twitter Google Plus More

Dieci consigli per dire addio alle bionde

 

1. Chiedi aiuto. Chiedi al tuo medico informazioni sui metodi per smettere di fumare.

2. Fissa una data precisa per l’addio al fumo. Prima è, meglio è per il bambino. Tenta, per i primi giorni, di riempire le giornate con tante attività – in questo modo sarà più facile non pensare al fumo. E bandisci dalla casa o dall’ufficio tutti gli oggetti legati al fumo, dai pacchetti di sigarette agli accendini, fino ai posacenere.

3. Affidati alla tua capacità di impara. Fumare è un’abitudine acquisita, che come tale può anche essere disimparata. La maggior parte dei fumatori subisce però almeno una ricaduta. Non scoraggiarti se capita anche a te. Programma subito la data successiva per il nuovo addio al fumo. Ogni sigaretta in meno è una protezione in più per il bambino.

4. Pensa positivo. Può essere difficile, se la voglia di sigaretta è tale da farvi girare per la casa come animali in gabbia. Ma fattene una ragione: dopo 10-12 giorni la fase peggiore della crisi di astinenza è stata superata. E i sintomi di astinenza sono anche un segnale del fatto che il corpo sta già riprendendosi dagli effetti del consumo di tabacco. È normale se all’inizio ti senti particolarmente sensibile, avverti un aumentato desiderio di fumare e non riesci a concentrarti. Questi sintomi tipici sono destinati a scomparire.

5. Cambia la routine. Evitate ad esempio il tuo tabaccaio preferito, dal quale hai sempre comprato le sigarette. Chiedi ad amici e conoscenti di non fumare in tua presenza. Rifletti su quando e perché ti accendi una sigaretta. Se riesci a evitare queste situazioni, smettere di fumare sarà più facile. La sigaretta dopo il caffè del mattino si può sostituire con un nuovo rituale, ad esempio uno snack leggero.

6. Ricompensati per ogni giorno senza fumo. Risparmiando sui soldi per le sigarette potrai fare qualche acquisto in più per te e il bambino.

7. Bevi molto e in modo regolare. Bevande ideali sono tè, acqua minerale e succhi. In questo modo gli attacchi di fame sono meno frequenti – perché sono questi che spingono il fumatore ad accendersi una sigaretta.

8. Fai più movimento. Aria fresca e attività fisica hanno un effetto rilassante e sollevano il morale.

9. Aiutati con l'agopuntura. Questo tradizionale metodo di cura può mitigare il desiderio di una sigaretta o persino scatenare un vero e proprio rifiuto del fumo. L’agopuntura può tuttavia aiutare ad uscire dalla dipendenza solo se abbinata a una volontà ferrea.

10. Bevi una tisana. Ci sono tisane che aiutano il corpo ad abbandonare il fumo. La miscela si può acquistare in farmacia.

 

 

Leggi: Stop al fumo in gravidanza e Fumo in gravidanza, i rischi per il bambino

Potrebbe interessarti anche: