Home Gravidanza Salute e benessere

Come gestire la pressione bassa in estate quando si è incinta

di Elena Berti - 01.07.2022 - Scrivici

pressione-bassa-estate-gravidanza
Fonte: Shutterstock
Gravidanza estate e pressione bassa: cosa fare se si soffre di ipotensione, si aspetta un bambino e fa molto caldo e come evitare malesseri

Gravidanza estate e pressione bassa

La pressione bassa può essere una condizione non semplice, soprattutto se si verifica in estate, quando il caldo tende ad aumentare il problema. Le donne incinte, poi, hanno spesso valori bassi, e le temperature alte possono creare non pochi disturbi. Vediamo quindi come affrontare gravidanza, estate e pressione bassa.

In questo articolo

Quando si soffre di pressione bassa?

Gravidanza, estate e pressione bassa sono tre condizioni che insieme non vanno molto d'accordo: già di per sé aspettare un bambino può mettere a dura prova, se in più si ha la pressione bassa e si è in estate la situazione si complica e si potrebbe stare davvero male.  

La pressione bassa è una condizione che riguarda molte persone, ma in particolare le giovani donne. Va da sé che è molto probabile che, tra le donne incinte, molte ne soffrano già in partenza. L'aumento di progesterone, poi, fa scendere ulteriormente la pressione, e lo stesso fa il caldo.

Perché in estate si abbassa la pressione

L'estate, con le temperature bollenti e l'afa, è il periodo peggiore per chi soffre di pressione bassa. Questo perché il corpo mette in funzione un sistema protettivo per dilatare i vasi ed eliminare il calore; succede così che il sangue scorre più lentamente, provocando debolezza, vertigini, offuscamento della vista e confusione mentale.  

Già la gravidanza porta con sé disturbi come stanchezza, giramenti di testa, gonfiori, se si soffre di pressione bassa e in più fa caldo la situazione può peggiore notevolmente fino a diventare preoccupante.  

Rischi della pressione basta in gravidanza in estate

Non bisogna però preoccuparsi della salute del bambino che si porta in grembo: soffrire di ipotensione in gravidanza non ha conseguenze specifiche sul feto, anzi, meglio che sia bassa perché il problema è piuttosto l'opposto (la famosa gestosi, cioè la fase più pericolosa dell'ipertensione gravidica).

Detto questo, la pressione bassa durante la gestazione può comunque avere dei rischi, per esempio: 

  • se la mamma a causa del malessere non riesce a mangiare bene
  • se capogiri e vertigini, o addirittura svenimenti, la fanno cadere

Per questo è meglio, se si soffre di passione bassa e fa molto caldo, evitare di sottoporsi a stress come camminate sotto il sole, giornate in spiaggia, guida di auto surriscaldate.  

Rimedi per la pressione bassa in gravidanza in estate

Generalmente la pressione bassa, anche in gravidanza e in estate, non si cura. Si possono sicuramente prendere degli integratori (spesso sali minerali), ma è meglio parlarne col proprio ginecologo. Si possono anche mettere in pratica diversi accorgimenti per evitare di peggiorare la situazione.  

Innanzitutto è fondamentale controllare regolarmente la pressione, in farmacia o in casa, e avvisare il proprio medico qualora fosse troppo bassa (soprattutto con la minima al di sotto di 50).  

Bisogna anche evitare di esporsi al caldo: no a uscite in orari di punta, niente spiaggia o piscina nelle ore più calde (11-16), evitare di salire in auto che sono rimaste a lungo sotto il sole o in mezzi di trasporto affollati. Sì all'aria condizionata (o deumidificatore), senza esagerare con la temperatura bassa. Anche il ventilatore può essere usato per rendere l'aria più sopportabile.

Una dieta contro il caldo in gravidanza è fondamentale per mantenere la temperatura corporea bassa, così come bere molto e indossare abiti ampi e traspiranti: in questo modo il corpo libera calore e il sangue scorre più velocemente. Infine, meglio evitare di alzarsi in fretta!

La pressione bassa è una vera noia per le donne incinte, soprattutto in estate, perché peggiora, ma non ha conseguenze sulla gravidanza e non deve preoccupare. Bisogna solo stare attente a non avere malesseri, ma per questo basta mettere in pratica qualche piccolo accorgimento.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli