Home Gravidanza Salute e benessere

Gravidanza e guida, tutto quello che c’è da sapere

di Elena Berti - 17.12.2021 - Scrivici

guidare-in-gravidanza
Fonte: Shutterstock
Guidare in gravidanza è concesso? Fino a che mese e con quali limitazioni? Ecco un decalogo per mettersi alla guida in sicurezza durante i 9 mesi.

Si può guidare in gravidanza?

Una donna incinta si pone tantissime domande, perché è consapevole che le sue scelte, già prima dei nove mesi ma ancora di più durante la gestazione, potranno influenzare la salute del bambino che porta in grembo. Che cosa mangiare, quanto movimento fare, quanto dormire, se bere alcolici o meno, quali sono le conseguenze di eventuali malattie… Tra queste domande c'è anche: si può guidare in gravidanza?

In questo articolo

La guida in gravidanza

La prima questione da chiarire è: si può guidare in gravidanza? La risposta è facile, assolutamente sì! Non esiste una legge che vieta alle donne incinte di guidare, e in linea di massima non c'è motivo per non farlo. C'è un però: in alcuni casi, il medico potrebbe sconsigliare, o addirittura vietare, di farlo. 

Se il medico vieta di guidare

Se il medico vi ha vietato di guidare, ma vi mettete lo stesso alla guida, a parte i rischi per la vostra salute (poniamo che vi abbiamo proibito l'auto perché siete a rischio, o magari soffrite di pressione molto bassa e svenite) potreste avere dei problemi in caso di incidente, perché l'assicurazione, dopo un'indagine, potrebbe non risarcirvi. Seguite quindi il consiglio del vostro medico, le cui indicazioni sono volte a preservare il vostro stato di salute e quello del feto. 

Gravidanza e cintura di sicurezza

Posto che, in assenza di indicazioni diverse del medico, tutte le donne incinte possono guidare, bisogna ricordare che le regole da rispettare sono le stesse per tutti coloro che utilizzano l'auto, gestanti comprese. 

Non esiste infatti nessuna legge che preveda l'esenzione dall'uso della cintura di sicurezza per le donne in gravidanza, nemmeno nell'ultimo trimestre: questa è possibile solo in presenza di un certificato medico in cui si dichiara che la donna può non portare la cintura perché arrecherebbe pregiudizio al nascituro o più in generale alla gestazione stessa.

Airbag e gravidanza

Cosa fare invece con l'airbag? Gli esperti consigliano di non disattivarlo mai, nemmeno in gravidanza, nemmeno nell'ultimo trimestre, perché rappresenta comunque una protezione per mamme e bambino. L'impatto forte, quello per cui scattano gli airbag, sarebbe molto più pericoloso dello strumento stesso, che anzi attutisce. 

Consigli per guidare in gravidanza

In definitiva, guidare in gravidanza è assolutamente permesso, salvo quando il medico mette a riposo o proibisce di farlo perché potrebbe rappresentare un pericolo per sé e per gli altri. 

Detto questo, ci sono alcuni consigli che potete mettere in pratica per rendere la guida più confortevole, in particolare nel terzo trimestre e se dovete guidare a lungo: 

  • tenete il volante a 25cm di distanza dal sedile, in questo modo ridurrete il rischio di impatto in caso di incidente
  • tenete lo schienale ben diritto, per sorreggere la schiena e, di conseguenza, il pancione
  • usate una fascia pelvica per aumentare il comfort alla guida
  • indossate abiti e scarpe in cui vi sentite comode
  • fate soste frequenti in caso di viaggi lunghi, in modo da poter riattivare la circolazione, in particolare delle gambe.

Guidare in gravidanza è assolutamente possibile, ma dipende da come vi sentite e da quello che dice il medico. Verificate, prima di mettervi al volante, che la vostra assicurazione non preveda limitazioni nel caso di incidenti causati da una donna incinta, perché anche se la legge non pone nessun divieto le assicurazioni potrebbero comunque avere delle clausole al riguardo. 

TAG:

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli