Fumo in gravidanza

Il fumo in gravidanza fa aumentare nelle figlie il rischio di tumore a seno e ovaio

Di Nostrofiglio Redazione
a49bjf.600
19 agosto 2015
Fumare in gravidanza fa male alle figlie femmine. Infatti una ricerca australiana ha scoperto che le bambine nate da mamme che fumavano in gravidanza anticipano il ciclo mestruale: e questo è un fattore di rischio per sviluppare il tumore al seno e all'ovaio.

Fumare in gravidanza fa male per tanti motivi, ora ce n'è uno in più: può far aumentare il rischio di tumore al seno e ovaio nelle figlie. A dimostrarlo uno studio dell’ Australian National University che ha analizzato i dati di circa 1500 bambine dalla nascita ai 13 anni e ha concluso che le figlie di madri tabagiste avevano avuto il menarca, ovvero la prima mestruazione, in età più precoce rispetto alle altre.

 

Leggi anche: Stop al fumo in gravidanza

 

La data del primo ciclo era tanto più anticipata nelle bimbe la cui madre aveva fumato per un periodo più lungo mentre era incinta.

 

«Avere le prima mestruazioni in un’età precoce fa salire il numero di cicli ovulatori che una donna avrà nella sua vita e fa così lievitare le probabilità di sviluppare quei tumori che sono più legati al ciclo ormonale e agli estrogeni, come appunto le neoplasie di seno e ovaio. Comprendere i fattori che portano ad anticipare il menarca, soprattutto quelli che si potrebbero evitare, è fondamentale per la salute delle future donne e ci dà uno strumento in più, in questo caso, per convincere le gestanti a smettere di fumare» dice Alison Behie, autrice dello studio.

 

Leggi anche: Fumo in gravidanza, i rischi per il bambino