Home Gravidanza Salute e benessere

Listeriosi e gravidanza

di Sara Sirtori - 24.05.2020 - Scrivici

listeria-e-gravidanza
Fonte: shutterstock
La listeriosi è una pericolosa infezione provocata dall'ingestione di alimenti contaminati da un batterio, Listeria monocytogenes . Le donne in gravidanza sono ad alto rischio di contrarre questa malattia. Vediamo i sintomi, gli alimenti a rischio e cosa fare per prevenirla.

Listeriosi e gravidanza

L'infezione da listeria, anche chiamata listeriosi, è una grave infezione alimentare che prende il nome dal batterio che ne è la ragione, il Listeria monocytogenes. Questo batterio si trova tipicamente nella terra e nell'acqua e può quindi facilmente contaminare ortaggi e verdure. Anche molti animali possono venire infettati dal batterio senza avere sintomi evidenti.


La listeriosi è di solito una malattia lieve per le donne in gravidanza, ma provoca gravi patologie nel feto o nel neonato. Alcune persone con infezioni da Listeria, in genere adulti di età pari o superiore a 65 anni e persone con sistema immunitario indebolito, sviluppano gravi infezioni del flusso sanguigno (che causano sepsi) o del cervello (che causano meningite o encefalite). Le infezioni da listeria a volte possono interessare altre parti del corpo, tra cui ossa, articolazioni, torace e addome.

Ecco i sintomi, le cure, e la prevenzione della listeriosi in gravidanza.

In questo articolo

1. Cos'è la listeria?

La listeria è un tipo di batterio che si trova nel suolo, nell'acqua e in alcuni animali, inclusi bovini e pollame.
La listeria si può trovare anche in un'ampia varietà di alimenti crudi, come carni non ben cotte e verdure crude, prodotti lattiero-caseari fatti con latte non pastorizzato. Come la gran parte dei batteri, viene annullata dai processi di pastorizzazione e cottura. La listeriosi è uno dei tipi più gravi di intossicazione alimentare.

2. Quali sono i sintomi della listeriosi?

La listeriosi può causare sintomi lievi, simil-influenzali come

  • febbre,
  • brividi,
  • dolori muscolari,
  • diarrea
  • o mal di stomaco.

Potresti anche avere

  • torcicollo,
  • mal di testa,
  • confusione
  • o perdita di equilibrio.

I sintomi possono apparire fino a 2 mesi dopo aver mangiato qualcosa contenente listeria. Molte donne in gravidanza non hanno alcun sintomo, ma possono comunque trasmettere l'infezione al feto.

3. Cosa succede se la listeriosi colpisce una donna in gravidanza?

Le donne in gravidanza hanno una probabilità 10 volte superiore di contrarre la listeriosi rispetto alla popolazione generale. Vomito e diarrea possono far perdere troppa acqua al corpo e causare disidratazione. La listeria può anche causare aborto spontaneo o parto pretermine.

4. Cosa succede se la listeriosi colpisce il feto o il neonato?

I bambini nati con listeriosi possono avere gravi infezioni del sangue o del cervello. La listeriosi può causare problemi di salute per tutta la vita al tuo bambino, tra cui

  • disabilità intellettiva,
  • paralisi,
  • convulsioni,
  • cecità
  • o problemi al cervello, ai reni o al cuore.

La listeriosi può anche causare la morte nei neonati.

5. Cosa devo fare se penso di avere la listeriosi?

Se pensi di aver mangiato cibo contaminato con listeria o se hai uno dei sintomi sopra citati, contatta subito il tuo ginecologo o medico di base. Ricorda che possono essere necessari 2 mesi prima che compaiano i sintomi.

6. Come si cura la listeriosi?

Il tuo ginecologo può sottoporti a un esame del sangue per verificare se hai la listeriosi. Potrebbe essere necessario assumere antibiotici per trattare l'infezione e prevenire l'infezione del feto.

7. Come posso fare per prevenire la listeriosi?

Per aiutare a prevenire la listeriosi, evitare di mangiare i seguenti alimenti durante la gravidanza:

  • Latte non pastorizzato e alimenti a base di latte non pastorizzato, compresi i formaggi a pasta molle
  • Paté e tartare di carne
  • Frutti di mare 
  • Prodotti crudi non lavati come frutta e verdura
  • Evita uova, carne, pesce e pollami crudi e/o poco cotti durante la gravidanza. 

8. Quali altre linee guida sulla sicurezza alimentare dovrei seguire?

Segui questi passaggi per la sicurezza alimentare:

Pulizia e igiene

  • Lavarsi le mani per almeno 20 secondi prima e dopo aver toccato cibi crudi e dopo aver usato il bagno, aver cambiato i pannolini o aver toccato un animale.
  • Sciacquare accuratamente tutti i prodotti sotto l'acqua corrente prima di mangiarli o cucinarli.
  • Non sciacquare carne cruda o pollame prima della cottura. Ciò può diffondere batteri su altre superfici della cucina.
  • Mantieni pulita la cucina: lavare gli utensili e i taglieri con sapone e acqua calda dopo averli utilizzati.

Separa gli alimenti

  • Tenere carne cruda, pollame, uova, frutti di mare e i loro succhi di frutta lontano dagli altri alimenti.
  • Usa un tagliere separato per carne cruda, pollame e frutti di mare.
  • Non mettere cibi cotti su un piatto che contenesse anche cibi crudi, a meno che il piatto non sia stato lavato.
  • Non mettere i cibi cotti nella stessa salsa utilizzata per marinare i cibi crudi, a meno che la salsa non sia prima bollita.

Quando si cucina...

  • Utilizzare un termometro per alimenti per verificare che carne, pollame, frutti di mare e uova siano a una temperatura adeguata.
  • Posizionare il termometro per alimenti nella parte più spessa del cibo, lontano da ossa o grasso.
  • Coprire, mescolare e far ruotare gli alimenti nel microonde per cuocerli uniformemente. Attendere il tempo necessario prima di utilizzare il termometro per alimenti.

Frigorifero e congelatore

  • Tieni il frigorifero a 4°C e il congelatore a -17°C 
  • Scongelare gli alimenti in frigorifero, microonde o acqua fredda. Cuocere gli alimenti immediatamente dopo lo scongelamento in un forno a microonde o in acqua fredda.
  • Carne e pollame scongelati in frigorifero possono essere congelati prima o dopo la cottura. Se scongelato in un forno a microonde o acqua fredda, cuocere prima di ricongelare.
  • Non lasciare alimenti deperibili a temperatura ambiente per più di 2 ore.
  • Acquista solo uova fresche. Conservare le uova nel frigorifero nella confezione originale e utilizzarle entro 3-5 settimane.
  • Acquista solo prodotti pretagliati freschi o mantenuti nel ghiaccio. 

Fonti per questo articolo:

ACOG The American College of Obstetricians and Gynecologists

CDC Centers for Disease Control and Prevention (CDC)CDC 

Listeriosi in Italia e in Europa

Focolaio di listeriosi nelle Marche

 

Tra maggio 2015 e gennaio 2016, è stato evidenziato, attraverso il sistema di sorveglianza delle malattie infettive, un aumento dei casi di listeriosi umana nelle province di Pesaro e Urbino, Ancona e Macerata. In particolare sono stati riportai 13 casi (età media 72 anni), di Listeria monocytogenes. Dei 13 casi 7 erano maschi, e 12 al momento dell'infezione erano affetti da patologie debilitanti o condizioni di rischio (come immunosoppressione farmacologica, stato di gravidanza) e due pazienti sono deceduti.

 

Listeriosi in Europa: focolaio da alimenti vegetali surgelati

 

Dal 2015 al 15 giugno 2018 in 5 Stati membri dell'Ue sono stati segnalati 47 casi di listeriosi, di cui 9 ad esito fatale, causati da un nuovo ceppo di Listeria monocytogenes, particolarmente invasivo.

Domande e risposte

Quali sono i sintomi della listeriosi?

Nella maggior parte dei casi, la listeriosi provoca sintomi quali: febbre, diarrea, dolori articolari, brividi, mal di schiena nella zona lombare, che insorgono nel giro di qualche giorno dall'ingestione dei cibi contaminati.

Quali cibi possono contenere il batterio listeria?  

In generale, ecco i cibi a cui prestare attenzione: latte crudo e formaggi molli fatti con latte crudo; carni crude o poco cotte e prodotti preparati con carni crude tra cui paté e tartare; insaccati e salumi; ortaggi e frutta cruda non lavata; pesci e carni affumicate.

TI POTREBBE INTERESSARE

Leggi articoli su

articoli correlati

ultimi articoli