Home Gravidanza Salute e benessere

Micosi vaginali: come curarle durante la gravidanza

di Elena Berti - 16.05.2022 - Scrivici

micosi-vaginale-in-gravidanza
Fonte: Shutterstock
Micosi vaginali in gravidanza: perché si presentano, come evitarle, come curarle, quali medicinali prendere e se ci sono rischi per il feto

Micosi vaginali in gravidanza, rischi per il feto

In gravidanza bisogna stare attente alla propria salute, soprattutto per non far correre rischi al feto: si seguono le restrizioni in fatto di cibo, non si fanno sforzi, si fanno analisi regolarmente. Ma cosa fare se capita di avere delle micosi vaginali in gravidanza? Vediamo insieme.

In questo articolo

Perché capitano le micosi vaginali in gravidanza

La micosi vaginale, chiamata anche mughetto, è già fastidiosa di per sé, ma quando capita in gravidanza lo è ancora di più perché preoccupa la futura mamma. Il motivo per cui si presentano spesso micosi vaginali in gravidanza è dovuto, come spesso accade, ai molti cambiamenti ormonali che sono in atto nel corpo della donna dal momento del concepimento in poi. Queste alterazioni creano uno squilibrio della flora vaginale, che quindi è più predisposta a infezioni e altri problemi.

Che cosa sono le micosi vaginali e cosa le causa

Le micosi vaginali sono infezioni a livello della vagina provocate da un fungo, un micro batterio chiamato candida albicans. Si chiama candida perché la sua manifestazione avviene tramite la produzione di secrezioni vaginali di colore bianco, ma non è l'unico fastidio che provoca: prurito, dolore, bruciore, gonfiore… Sono molti i sintomi che possono far sospettare la presenza di un'infezione. Quali sono le cause? Più comunemente sono da ricercare in: 

  • scarsa igiene intima oppure lavaggi troppo aggressivi
  • indumenti troppo stretti o in materiali sintetici e/o colorati
  • uso di antibiotici
  • squilibri ormonali e cambiamenti in generale
  • contraccezioni ormonali
  • rapporti sessuali
  • alcune malattie che indeboliscono il sistema immunitario

Per queste ragioni la gravidanza è un momento particolare in cui le micosi vaginali possono presentarsi più facilmente. 

Come curare il mughetto vaginale in gravidanza

Le micosi sono pericolose per il feto? No, soprattutto se trattate immediatamente. Ma come si curano? La miglior cosa, se avete sintomi come perdite bianche (tipo ricotta), prurito, bruciore, è di rivolgersi al vostro ginecologo, che potrà consigliarvi la cura più adatta. Esistono ovuli, creme oppure rimedi per via orale per fermare l'infezione e avere subito sollievo, ma è meglio non fare di testa propria, in particolare quando si è incinta. In particolare è importante avere un parere medico per avere una diagnosi certa, perché molti dei sintomi del mughetto vaginale sono simili a quelli della vaginosi batterica o di malattie sessualmente trasmissibili, molto più pericolose per il feto.

Attenzione: se siete prossime al parto è molto importante intervenire per tempo e curare la micosi vaginale per evitare che il bambino, passando dal canale vaginale, la contragga a sua volta (in particolare alla bocca).

Altre micosi in gravidanza

Le infezioni dovute a funghi non attaccano solo la flora vaginale ma possono presentarsi anche in altre aree, come per esempio la pelle. Le micosi cutanee sono infezioni superficiali della pelle, e anche in questo caso può trattarsi di candida oppure di dermatofitosi (tinea). Più solitamente appaiono tra le dita dei piedi, sulle unghie e sul cuoio capelluto. Inizialmente sono macchie rossastre, poi diventano biancastre e a volte dolorose. Anche in questo caso, però, non c'è da preoccuparsi: le micosi cutanee in gravidanza non sono rischiose per la salute del feto, ma essendo spesso fastidiose e soprattutto contagiose (o di facile propagazione) è meglio occuparsene in fretta consultando un dermatologo. Purtroppo molti trattamenti anti-micosi della pelle non sono consigliati alle donne incinte, per questo sarebbe meglio fare molta attenzione alla prevenzione utilizzando saponi dal pH neutro, asciugandosi bene soprattutto tra le dita dei piedi, indossando calzini che lascino respirare la pelle e usando del bicarbonato tra le dita. 

Le micosi vaginali in gravidanza non sono pericolose per il feto, ma è sempre bene - come nel caso delle micosi cutanee - rivolgersi al medico per avere una diagnosi certa e un trattamento efficace.

Aggiornato il 09.05.2022

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli