Home Gravidanza Salute e benessere

Olio d’oliva in gravidanza, i benefici per le future mamme e i bambini

di Simona Bianchi - 01.11.2022 - Scrivici

olio-d-oliva-in-gravidanza-cosa-sapere
Fonte: Shutterstock
L'olio d'oliva in gravidanza è un alimento particolarmente indicato per lo sviluppo del feto. Quando assumerlo, le proprietà e a cosa fa bene

Olio d’oliva in gravidanza: cosa sapere

L'olio d'oliva è un alimento che abbonda nelle case italiane e, secondo diversi studi, è particolarmente indicato in gravidanza per il rapporto tra acidi grassi polinsaturi e saturi – monoinsaturi (acido linoleico, linolenico e oleico) che aiuterebbero  lo sviluppo del sistema nervoso del bambino. Inoltre, se lo si assume regolarmente durante la gestazione, si assicurano al futuro nascituro ossa più robuste grazie all'apporto di vitamine liposolubili (A, D, E, K) che stimolano la mineralizzazione del tessuto osseo. I benefici dell'olio d'oliva sono anche per le neo-mamme che, con questo condimento possono evitare problemi allo stomaco e all'intestino, tipici durante i nove mesi d'attesa.

In questo articolo

Olio d’oliva: è sicuro in gravidanza?

A chi si chiede se l'olio d'oliva sia sicuro si ricorda che questo prodotto è uno degli oli più sani in commercio. Non solo apporta ottimi nutrienti per lo sviluppo del bambino, ma dona anche numerosi benefici alle future mamme. È utile in cucina per condire i propri piatti e può essere usato anche per la skincare quotidiana e la cura della pelle. Secondo alcuni medici specialisti, le donne incinte dovrebbero arricchire la proprio alimentazione con tre cucchiai al giorno di olio extravergine crudo. Per esempio, si potrebbe sostituire ai classici biscotti e snack per lo spuntino, una più salutare bruschetta con un filo d'olio. Questo prodotto è inoltre ottimo per prevenire le smagliature perché grazie all'alto contenuto di vitamine A ed E, contribuisce a mantenere l'elasticità della cute.

Olio d’oliva: i benefici per mamme e bambini

Come già detto, l'olio d'oliva è ricco di acidi grassi mono e polinsaturi (MUFA e PUFA), vitamina E e vitamina K. Contiene anche composti bioattivi utili per la salute, fibre alimentari e ferro.

Ecco 5 benefici per mamme e neonati:

  • Aiuta lo sviluppo del bambino, perché ricco di omega-3 che sono essenziali per apportare benefici al cuore del piccolo. L'olio d'oliva migliora anche la funzione e lo sviluppo del cervello
  • Riduce le smagliature che possono sorgere mentre la pancia cresce e la pelle del corpo di allunga. Il metodo migliore per contrastare la comparsa degli odiati segni sull'epidermide è applicare l'olio d'oliva sull'addome e sui fianchi fin dall'inizio della gravidanza
  • Rafforza il sistema immunitario, per esempio la vitamina A svolge un ruolo cruciale nel rafforzare le difese e nel promuovere una buona salute degli occhi. L'olio d'oliva è anche efficace contro la stanchezza di cui si può soffrire in gravidanza
  • Aiuta la pelle a guarire dopo un intervento chirurgico, ricco di vitamine K ed E può aiutare a ridurre le cicatrici post-operatorie per esempio del taglio cesareo. La vitamina K è essenziale per aiutare il processo di coagulazione del sangue, la vitamina E è un potente antiossidante che nutre e protegge la pelle
  • Lenisce le irritazioni da pannolino e mantiene morbida la pelle del bambino, basta unire un cucchiaio d'acqua a due cucchiai di olio e passarlo sulla parte irritata per far tornare liscia e senza rossori la pelle del piccolo

Olio d’oliva: l’origine e le proprietà

L'albero di olivo è originario della regione mediterranea.

L'olio si ottiene dalla frantumazione delle olive con un processo noto come macerazione. Conosciuto con il nome botanico di Olea Europaea, l'olio d'oliva è un ingrediente comune utilizzato nella cucina non solo italiana, ma anche di Paesi come Spagna, Grecia e Portogallo. È poi ampiamente utilizzato nell'industria dei cosmetici e della medicina. L'olio ha dimostrato di avere benefici per la salute: contribuisce all'accrescimento corporeo, al processo di mielinizzazione del cervello e alla formazione delle ossa. È indicato nella dieta delle future mamme e anche durante l'infanzia del bambino. Oltre alle proprietà già citate, è anche un coadiuvante nella resistenza alle infezioni. Riduce il rischio di malattie cardiache, ha una funzione antinvecchiamento per la pelle e per le ossa e protegge da decalcificazione, osteoporosi e fratture. L'olio di oliva è uno degli alimenti più digeribili, favorendo una buona digestione, ed è ricco di acido linoleico, una sostanza che stimola la funzionalità della cistifellea.

Olio d’oliva: consigli in gravidanza

Durante i 9 mesi d'attesa, il corpo di una donna subisce notevoli cambiamenti che possono portare alcuni fastidi. Per vivere al meglio la gravidanza è importante seguire una sana alimentazione. Il consiglio è quello di consumare olio extravergine d'oliva che svolge importanti azioni sull'apparto digerente, è protettivo per la mucosa gastrica prevenendo i reflussi (comuni soprattutto nel terzo mese di gravidanza), aiuta la stipsi e previene anche l'insorgenza del diabete gestazionale. La quantità ottimale per una donna in gravidanza è 2 o 3 cucchiaini al giorno preferibilmente a crudo, per preservarne le componenti nutrizionali

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli