Home Gravidanza Salute e benessere

Perineo: che cos'è e a cosa serve

di Penelope Greco - 23.06.2021 - Scrivici

pavimento-pelvico
Fonte: Shutterstock
Il perineo, o pavimento pelvico, è quell'insieme di legamenti e  situati tra sacro-coccige-ischi-pube. Ma a cosa serve?

Il perineo è l'area che si trova tra l'apertura vaginale e il retto. Il perineo è la parte più esterna del pavimento pelvico: l'insieme di muscoli, fasce e legamenti che delimitano e chiudono verso il basso le viscere, l'apparato urinario e riproduttivo. Questa zona si estende durante il parto e talvolta il perineo si lacera durante la nascita del bambino oppure può essere praticata un'episiotomia durante il parto, cioè un taglio di questa zona per favorire l'uscita del bambino. 

In questo articolo

Perineo: che cos'è

Il perineo si individua in due triangoli, quello superiore che circonda vagina e uretra e quello inferiore che circonda l'ano (regione anale). Tra la regione urogenitale e quella anale c'è il centro tendineo del perineo. Quando il perineo non esercita al meglio le sue funzioni si può andare incontro ad alterazioni e disturbi, anche importanti, tra cui l'incontinenza urinaria. Questo disturbo interessa sia uomini che donne, ma queste ultime sono più colpite soprattutto nel periodo della menopausa.

Altre disfunzioni causate da alterazioni del perineo possono essere:

  • Dolore pelvico superiore a sei mesi
  • Ritenzione urinaria
  • Urgenza urinaria
  • Minzione lenta e dolorosa
  • Stipsi
  • Emorroidi
  • Dolore anale
  • Problemi sessuali
  • Dolore vulvare
  • Vaginismo
  • Dolore durante i rapporti sessuali
  • Prolasso, ovvero fuoriuscita degli organi.

Perineo: com'è fatto

Il perineo femminile è una struttura a forma di diamante inferiore al diaframma pelvico, tra la sinfisi pubica e il coccige e tra le facce interne delle cosce. Il perineo ha un tetto formato dal diaframma pelvico e un pavimento di fascia e pelle. Contiene anche i muscoli e il sistema neurovascolare associati alle strutture urogenitali e all'ano.

Triangolo urogenitale

Il triangolo urogenitale costituisce la porzione anteriore del perineo. Il triangolo urogenitale femminile ospita l'apertura della vagina, dell'uretra e del clitoride.

La fascia perineale del triangolo urogenitale comprende strati superficiali e profondi. La fascia perineale superficiale ha uno strato grasso e uno strato membranoso più profondo (fascia di Colles). Lo strato grasso costituisce le aree ispessite delle grandi labbra e del mons pubis. Nei maschi, lo strato grasso è molto più sottile ed è assente nel pene e nello scroto.

Triangolo anale

Il triangolo anale contiene l'ano e la fossa ischioanale, che sono due spazi a forma di cuneo tra la pelle attorno al canale anale e il diaframma pelvico. Contengono grasso e tessuto connettivo lasso, che aiuta a sostenere il canale anale ma è abbastanza flessibile da consentire l'espansione durante i movimenti intestinali.

Patologie del perineo

Le patologie da disfunzione del pavimento pelvico sono dovute essenzialmente ad una ipotonia e/o disfunzione delle strutture muscolari involontarie e striate che partecipano alla costituzione del retto, degli sfinteri anali, del muscolo elevatore dell'ano e pubococcigeo. Il pavimento pelvico si trova in equilibrio quando le tre componenti muscolari, legamento e fasciali coesistono in equilibrio. Un buon pavimento pelvico mantiene le strutture endopelviche in sospensione, ovvero mantiene la statica pelvica.

Cause che predispongono il pavimento pelvico a forti sollecitazioni, andando spesso a interferire con il normale equilibrio di questa area:

  • la gravidanza
  • il parto
  • la menopausa
  • il sovrappeso
  • la tosse cronica

La gravidanza

La maggior parte delle donne subisce un trauma al perineo quando dà alla luce il primo figlio. Alcuni sperimenteranno uno strappo più grave che si estende oltre la vagina, in profondità nel muscolo adiacente o nell'ano. Il trauma può rendere difficile camminare, usare il bagno o svolgere altre funzioni quotidiane. Questo dolore può durare per diverse settimane.

Il dolore può colpire i muscoli sotto il perineo. Lacerazioni più gravi possono causare problemi muscolari in corso, che possono essere molto dolorosi e possono influenzare la funzione della vescica urinaria o anche quella dello sfintere anale. Alcune donne provano anche dolore durante il sesso. Impacchi freddi e spray ghiacciati possono aiutare a trattare il dolore.

Esercizi pavimento pelvico

Gli esercizi per il pavimento pelvico rafforzano i muscoli intorno alla vescica, al sedere e alla vagina. Rafforzare i muscoli del pavimento pelvico può aiutare l'incontinenza urinaria, trattare il prolasso degli organi pelvici e migliorare anche il sesso. Tutti possono trarre beneficio dagli esercizi per il pavimento pelvico.

Trova i muscoli del tuo pavimento pelvico. Puoi sentire i muscoli del pavimento pelvico se provi a fermare il flusso di urina quando vai in bagno.

Non è consigliabile interrompere regolarmente il flusso di urina a metà del flusso poiché può essere dannoso per la vescica.

Esercizi per il pavimento pelvico
Per rafforzare i muscoli del pavimento pelvico, siediti comodamente e stringi i muscoli da 10 a 15 volte. Non trattenere il respiro o contrarre contemporaneamente i muscoli dello stomaco, dei glutei o delle cosce. Quando ti abitui a fare esercizi per il pavimento pelvico, puoi provare a tenere ogni contrazione per alcuni secondi. Ogni settimana, puoi aggiungere più compressioni, ma fai attenzione a non esagerare e riposati sempre tra le serie di compressioni. Dopo alcuni mesi, dovresti iniziare a notare i risultati. Dovresti continuare a fare gli esercizi, anche quando noti che stanno iniziando a funzionare.

Gravidanza e esercizi per il pavimento pelvico
Se sei incinta o stai pianificando di rimanere incinta, puoi iniziare a fare immediatamente esercizi per il pavimento pelvico. Gli esercizi ridurranno la possibilità di soffrire di incontinenza dopo aver partorito.

Come gli esercizi per il pavimento pelvico possono aiutare con il sesso
Muscoli del pavimento pelvico forti possono anche significare una maggiore sensibilità durante il sesso e orgasmi più forti.

Prolasso degli organi pelvici

Il prolasso degli organi pelvici si verifica quando uno o più organi del bacino scivolano dalla loro posizione normale e si gonfiano nella vagina. Può essere l'utero, l'intestino, la vescica o la parte superiore della vagina. Un prolasso non è in pericolo di vita, ma può causare dolore e disagio. I sintomi di solito possono essere migliorati con esercizi del pavimento pelvico e cambiamenti nello stile di vita, ma a volte è necessario un trattamento medico.

Sintomi del prolasso degli organi pelvici

  • una sensazione di pesantezza intorno alla parte inferiore della pancia e ai genitali
  • un fastidio trascinante all'interno della tua vagina
  • sensazione che ci sia qualcosa che scende nella tua vagina - potrebbe sembrare di stare seduto su una pallina
  • sentire o vedere un rigonfiamento o un nodulo dentro o fuori dalla tua vagina
  • disagio o intorpidimento durante il sesso
  • problemi a fare pipì – come la sensazione che la vescica non si stia svuotando completamente, la necessità di andare in bagno più spesso o la fuoriuscita di una piccola quantità di pipì quando si tossisce, si starnutisce o si fa esercizio (incontinenza da stress)

A volte il prolasso degli organi pelvici non ha sintomi e viene riscontrato durante un esame interno effettuato per un altro motivo, come lo screening cervicale.

Trattamento per il prolasso degli organi pelvici

Se non hai alcun sintomo, o il prolasso è lieve e non ti dà fastidio, potresti non aver bisogno di cure mediche. Ma apportare alcune modifiche allo stile di vita probabilmente aiuterà ancora.

Questi includono:

  • perdere peso se sei in sovrappeso
  • evitando il sollevamento di carichi pesanti
  • prevenire o curare la stitichezza

Se il prolasso è più grave o i sintomi stanno influenzando la tua vita quotidiana, ci sono diverse ulteriori opzioni di trattamento da considerare.

Questi includono:

  • esercizi per il pavimento pelvico
  • trattamento ormonale
  • ovuli vaginali
  • chirurgia

Il trattamento raccomandato dipenderà dal tipo e dalla gravità del prolasso, dai sintomi e dalla salute generale.

Cause del prolasso degli organi pelvici

Il prolasso degli organi pelvici si verifica quando il gruppo di muscoli e tessuti che normalmente supportano gli organi pelvici, chiamato pavimento pelvico, si indebolisce e non riesce a tenere saldamente gli organi in posizione.

Un certo numero di cose può indebolire il pavimento pelvico e aumentare le possibilità di sviluppare il prolasso degli organi pelvici.

Questi includono:

  • gravidanza e parto – specialmente se hai avuto un parto lungo e difficile o se hai dato alla luce un bambino grande o più bambini
  • invecchiare e andare in menopausa
  • essere sovrappeso
  • avere stitichezza a lungo termine o una condizione di salute a lungo termine che ti fa tossire e affaticarti
  • avere un'isterectomia
  • un lavoro che richiede molto lavoro pesante

Alcune condizioni di salute possono anche rendere più probabile un prolasso, tra cui:

  • sindrome da ipermobilità articolare
  • Sindrome di Marfan
  • Sindromi di Ehlers-Danlos

I 4 principali tipi di prolasso sono:

  • la vescica che sporge nella parete anteriore della vagina (prolasso anteriore)
  • l'utero si gonfia o pende nella vagina (prolasso uterino)
  • la parte superiore della vagina si abbassa - questo accade ad alcune donne dopo aver subito un intervento chirurgico per rimuovere il loro grembo
  • l'intestino che sporge in avanti nella parete posteriore della vagina (prolasso della parete posteriore)

È possibile averne più di 1 contemporaneamente.

Il prolasso degli organi pelvici verrà solitamente classificato su una scala da 1 a 4 per mostrare quanto sia grave, dove 4 è un prolasso grave.

Massaggio perineale

Il massaggio perineale mira ad allungare i tessuti perineali in vista del parto. La ricerca mostra che il massaggio perineale nel terzo trimestre potrebbe ridurre le possibilità di trauma perineale nel caso di primo parto. Secondo gli esperti l'ideale sarebbe iniziare circa sei settimane prima della data prevista del parto, e comunque a partire dalla 34esima settimana di gravidanza.

Fonti articolo: NHS, nct.org.uk, dummies, Perineal Massage During Pregnancy

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli