Inquinamento e salute

Polveri sottili e rischio ipertensione in gravidanza

Di Irma Levanti
inquinamento-atmosferico-e-gravidanza
2 gennaio 2020 | Aggiornato il 4 gennaio 2020

Secondo un rapporto del National Toxicology Program americano l'esposizione al traffico cittadino aumenta il rischio di disturbi ipertensivi in gravidanza, come la preeclampsia

L'esposizione a inquinamento atmosferico causato dal traffico, in particolare sotto forma di polveri sottili, si associa a un aumento del rischio di disturbi ipertensivi in gravidanza, come pressione alta e preeclampsia. A dirlo sono i risultati di una revisione complessiva degli studi pubblicati sull'argomento contenuti in un rapporto appena reso noto dal National Toxicology Program (NTP) americano, uno dei rami dei National Institutes oh Health.

 

La pressione materna è un fattore critico per l'andamento della gravidanza e la salute del feto e della mamma stessa: disturbi ipertensivi in gravidanza, come aumento della pressione o sviluppo di preeclampsia, sono infatti associati a eventi ostetrici avversi come parto prematuro o restrizione della crescita del bambino, e in alcuni casi possono arrivare a mettere in pericolo la vita del bambino e della donna.

Su segnalazione di alcuni pediatri, interessati ad approfondire le relazioni tra inquinamento atmosferico e salute infantile, i ricercatori dell'NTP hanno deciso di analizzare, tirando le somme, la letteratura scientifica giù pubblicato sui fattori di rischio ambientali per i disturbi ipertensivi in gravidanza, in particolare rispetto all'esposizione a polveri sottili o fini (il particolato PM2,5).

 

È emerso che l'esposizione a questo particolato derivante da traffico automobilistico – per esempio nei casi in cui le donne vivano nei pressi di una strada ad alto scorrimento – si associa a un significativo aumento del rischio di disturbi ipertensivi durante la gravidanza. Del resto, è già ben noto che l'esposizione a PM 2,5 si associa per tutti, non solo per le donne incinte, a un aumento del rischio cardiovascolare e di ipertensione.