Home Gravidanza Salute e benessere

Prurito intimo in gravidanza: perché ne soffro?

di Ines Delio - 14.06.2024 - Scrivici

prurito-intimo-in-gravidanza
Fonte: Shutterstock
Il prurito intimo in gravidanza è piuttosto frequente tra le donne incinte: ma quali sono le cause e i sintomi di questo fastidio?

In questo articolo

E'normale il prurito intimo in gravidanza?

Il prurito intimo in gravidanza è un fastidio piuttosto comune tra le donne incinte. Tuttavia, spesso potrebbe accompagnarsi ad altri sintomi: in quel caso è essenziale rivolgersi a un medico. Ma cos'è che lo provoca, come si manifesta esattamente e come si cura? Proviamo a rispondere alle domande più frequenti.

Quali sono le cause del prurito intimo in gravidanza?

Studi scientifici hanno esaminato la prevalenza delle condizioni che possono causare prurito intimo in gravidanza. In particolare, uno studio del 2015 ha rivelato che le donne hanno maggiori probabilità di avere la candida durante la gestazione. Scopriamo quali sono alcune delle cause più comuni del prurito vaginale in gravidanza.

Vaginosi batterica

La vaginosi batterica è un'alterazione del pH vaginale causata da batteri come la Gardnerella, che diminuisce la presenza dei Lactobacilli, responsabili del mantenimento della leggera acidità dell'ambiente genitale femminile. Può causare dolore e prurito. È caratterizzata da perdite vaginali di colore giallo-verde o grigio, di solito con un odore di pesce che spesso diventa più forte quando la secrezione è più alcalina, ad esempio dopo un rapporto sessuale. In assenza di trattamento nelle donne in gravidanza, l'infezione può causare complicanze come aumento del rischio di aborto tardivo, parto pretermine, basso peso alla nascita.

Infezione vaginale da lievito (candidosi)

Un'infezione vaginale da lievito, nota anche come candidosi vulvovaginale o mughetto vaginale, è causata da una crescita eccessiva di lievito nella vagina che provoca irritazione. Può causare un intenso prurito della vagina e della vulva e le donne spesso presentano una secrezione densa e biancastra, simile a ricotta. La gravidanza è un fattore che predisponde allo sviluppo della Candida.

Tricomoniasi

La tricomoniasi è una comune infezione a trasmissione sessuale, causata da un protozoo, il trichomonas vaginalis. Solo il 30% circa delle persone affette dall'infezione presenta sintomi.

Quando i sintomi sono evidenti, comprendono prurito vaginale e dolore alla minzione. L'infezione non trattata in gravidanza è collegata a esiti avversi alla nascita, tra cui basso peso alla nascita, parto pretermine e rottura prematura delle membrane.

Secchezza vaginale

Un'altra delle possibili cause del prurito intimo in gravidanza potrebbe essere la secchezza vaginale, tra i disturbi più frequenti durante la gravidanza o nel periodo successivo al parto. Il prurito può peggiorare se si utilizzano detergenti troppo aggressivi. 

Infezione delle vie urinarie (UTI)

L'utero si trova sopra la vescica, per cui quando si espande durante la gravidanza la vescica subisce una pressione maggiore e questo può bloccare l'espulsione dell'urina, causando un'infezione. Anche i batteri possono causare le infezioni delle vie urinarie (IVU), come lo Streptococco di Gruppo B (GBS). Circa 1 donna incinta su 4 risulta positiva al test GBS, che può essere dannoso per il neonato.

Quali sono i sintomi del prurito intimo in gravidanza?

Il prurito intimo in gravidanza può presentare una serie di sintomi, tra cui:

  • dolore all'ingresso della vagina
  • prurito e dolore all'interno e intorno alla vulva
  • prurito e dolore all'interno della vagina
  • dolore o prurito che peggiora dopo i rapporti sessuali
  • bruciore all'interno o intorno alla vagina
  • dolore durante la minzione

Alcune persone notano anche un aumento o un cambiamento delle perdite vaginali. Allo stesso modo, alcune infezioni possono causare un cambiamento nell'odore delle perdite.

Qual è il trattamento per il prurito intimo in gravidanza?

Dato che le cause alla base del prurito intimo possono essere diverse, il trattamento dipenderà dal fattore che ha scatenato il fastidio. È bene sapere che un trattamento sbagliato non aiuta e può addirittura peggiorare l'infezione. A seconda dei casi, il medico potrebbe prescrivere un farmaco antimicotico, un antibiotico o corticosteroidi. È, tuttavia, importante ricordare che alcuni farmaci per la cura delle infezioni vaginali non sono sicuri per le donne incinte. Per questo motivo, è importante rivolgersi al proprio medico per diagnosticare e trattare il dolore o il prurito intimo durante la gestazione, evitando autodiagnosi e rimedi casalinghi.

Come prevenire il prurito intimo vaginale?

È un falso mito che sia una cattiva igiene intima a provocare infezioni vaginali o prurito intimo in gravidanza. Lavaggi o lavande vaginali frequenti NON prevengono le infezioni e l'uso di saponi profumati può addirittura aumentare il rischio.

Ci sono però alcuni accorgimenti che possono aiutare a prevenire il prurito intimo in gravidanza, come:

  • indossare biancheria intima di cotone traspirante
  • mantenere l'area vaginale asciutta, evitando di indossare costumi da bagno bagnati o biancheria intima sudata
  • assumere antibiotici solo se necessario
  • usare il preservativo durante i rapporti sessuali

Fonti

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli