Home Gravidanza Salute e benessere

Sonno dopo il parto: come recuperare la stanchezza nei primi giorni

di Elena Berti - 04.04.2022 - Scrivici

sonno-dopo-il-parto
Fonte: Shutterstock
Chi più delle neomamme sa cosa voglia dire dormire poco? Ecco qualche consiglio utile per recuperare il sonno dopo il parto

La gravidanza per alcune è un periodo bellissime, per altre un inferno, per alltre ancora un insieme di alti e bassi, con diversi acciacchi ma anche momenti belli. Tra i disturbi che colpiscono molte future mamme c'è sicuramente l'insonnia, che comprende diversi disturbi del sonno che possono compromettere la quotidianità e creare altri problemi. Purtroppo, la mancanza di sonno può ripercuotersi anche sul post parto, aggiungendosi all'impossibilità di dormire a causa del neonato. 

In questo articolo

Sonno dopo il parto: insonnia e depressione

Nonostante non ci sia più la pancia a dare fastidio, magari il reflusso o ancora la sciatica, i problemi di sonno nel post parto possono continuare anche se ci si sente molto stanche. Le cause sono diverse: nei primi giorni potrebbe essere a causa dei punti, dei dolori, o ancora dei nuovi ritmi, della paura di non sentire il bambino se si sveglia. Ma quando l'insonnia post parto prosegue, i motivi potrebbero essere altri, e magari avere a che fare con la depressione.

Che cosa causa l'insonnia postpartum?

Per insonnia si intende un disturbo del sonno piuttosto diffuso che può manifestarsi in diversi modo: fatica ad addormentarsi anche quando si ha bisogno di dormire, risvegli frequenti, incubi, sonno leggero o ancora incapacità di dormire più di qualche ora. Se questi problemi sono più comuni in gravidanza per ragioni ormonali e fisica e in parte psicologiche, ci si aspetta che passino dopo il parto, ma non sempre è così. La stanchezza si fa più intensa, ma i continui risvegli del bambino non aiutano a riposare e entra in gioco un meccanismo di ansia e frustrazione che mal concilia il sonno. 

Ma non ci sono solo i ritmi del neonato a stravolgere il sonno delle neo-mamme: anche i cambiamenti ormonali hanno un'influenza, proprio come durante la gravidanza. Per esempio il progesterone può causare modificazioni dei livelli di melatonina, peggiorando la qualità del sonno. 

Anche la depressione post parto può contribuire in maniera significativa ai disturbi del sonno: l'ansia e il malessere impediscono di addormentarsi serenamente quando se ne ha la possibilità, e risvegliano continuamente, anche se il bambino dorme. Tra i sintomi più comuni della depressione c'è proprio la fatica ad addormentarsi, per questo non bisogna sottovalutare l'insonnia durante il puerperio, soprattutto se non si arriva da una storia di cattivo sonno. 

Consigli per l'insonnia e il miglioramento del sonno postpartum

Se vi rendete conto di soffrire di insonnia dopo aver partorito, il primo consiglio è di parlarne col vostro medico, che potrebbe darvi sicuramente delle indicazioni per migliorare la situazione. Ci sono poi delle pratiche che possono aiutarvi a dormire meglio, la principale è ovviamente farsi aiutare il più possibile. Se vi svegliate continuamente a ogni verso del piccolo, fatelo dormire in un'altra stanza, oppure andate voi a dormire altrove e lasciatelo col papà. Se ha bisogno di qualcosa, state certe che urlerà!

Quando la notte si sveglia, non accollatevi tutto: il bebè ha anche un padre! Potete per esempio alzarvi per allattare e poi tornare a letto, lasciando al padre l'incombenza di riaddormentarlo. Se vi fa stare più tranquille, usate una culla vicino al letto, per avere sempre il piccolo a disposizione. 

Se la sera sentite arrivare l'angoscia, provate a instaurare una routine che vi faccia sentire meglio, non dimenticando di includere un momento per voi: una doccia calda, un dolcetto, la puntata di una serie tv, una telefonata all'amica. E in tutto questo tempo il bambino che fa? Sta col padre, ovviamente. 

Di giorno camminate più possibile: mettete il piccolo in fascia o nel passeggino e fate lunghe camminate. Non abbiate paura che dorma troppo e poi "non dorma di notte". È esattamente il contrario: più dorme più dormirà perché sarà rilassato. 

Infine, se sentite che l'ansia vi schiaccia e non vedete soluzioni, consultate una psicologa specializzata in post parto. 

L'insonnia nel post parto è molto dura e può compromettere la salute mentale della mamma, a cui è strettamente legata. Non sottovalutate i disturbi del sonno e, se necessario, parlatene con uno specialista. 

Aggiornato il 19.03.2021

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli