Salute nove mesi

Sport in gravidanza, i controlli prima di iniziare e le regole da seguire

dottore_ginecologo
18 Gennaio 2012 | Aggiornato il 01 Settembre 2016
Prima di iniziare a fare attività sportiva, qualunque essa sia, è consigliabile parlarne prima con il ginecologo che ha il quadro completo della salute della gestante e può individuare eventuali controindicazioni. Leggi anche le regole sulla frequenza cardiaca, i campanelli d'allarme e l'igiene
Facebook Twitter Google Plus More

Se fare sport durante i nove mesi è altamente raccomandabile, sono necessarie tuttavia precauzioni in più.

Non scegliere da sola

“Qualsiasi attività si voglia intraprendere, deve essere sempre autorizzata dal ginecologo, perché possono esserci condizioni, di cui non si è a conoscenza, che possono impedire o limitare l’attività fisica - sottolinea la ginecologa Rossana Sarli -. Importante inoltre farsi seguire da un istruttore che, se già sei sportiva, che potrà suggerirti eventuali modifiche al tuo allenamento, se sei neofita, potrà indicarti l’allenamento giusto per te e verificare la corretta esecuzione degli esercizi".

Da subito solo se sei già allenata

Se hai sempre praticato una determinata attività sportiva, puoi proseguirla sin dalle prime settimane, ma a ritmi più soft; se devi cominciare un’attività ex novo, meglio lasciar passare il primo trimestre e cominciare quando ti senti più in forma.

Controlla la frequenza cardiaca

Già per il solo fatto di portare in grembo un bebè, la donna ha un aumento del battito cardiaco, poiché aumenta l’ossigenazione e la quantità di sangue in circolo, visto che l’organismo materno deve provvedere per due. “Un lavoro aerobico di base che può essere paragonato a una passeggiata 24 ore su 24” commenta Sarli.

“Questo significa che le riserve polmonari sono di per sé più ridotte e la quantità di ossigeno da dedicare allo sport è più limitata. Ecco perché lo sforzo deve essere sempre di intensità moderata e la frequenza cardiaca non deve mai oltrepassare certi livelli. I battiti al minuto da non superare dipendono dall’età, dal grado di allenamento e dallo stato di salute generale, pertanto solo il medico potrà indicare il giusto limite, ma in linea di massima è bene non andare oltre i 130-150 battiti per minuto (per monitorarli, puoi tenere con te un cardiofrequenzimetro)”.

Fai attenzione ai campanelli d’allarme

Quando si fa attività non bisogna andare in affanno, quindi se senti il fiatone, rallenta il ritmo o fermati un po’. Occorre invece smettere subito se si avvertono dolori addominali, che potrebbero segnalare un’eccessiva contrattilità uterina ("l'utero è fatto di fibre muscolari e connettivali che, con certi movimenti, come corse o salti - spiega la ginecologa - possono contrarsi e, se la sollecitazione è intensa o prolungata, certe contrazioni potrebbero innescare modificazioni del collo dell'utero e far partire un travaglio prematuro"), specie a fine gravidanza.

Sii costante

Per apprezzare i risultati dell’allenamento, è consigliabile praticare attività circa due-tre volte alla settimana, o anche tutti i giorni, se si tratta di un’attività soft ed abbiamo il tempo per farlo.

Alimentati in modo giusto

Circa un’ora prima di fare sport consuma alimenti di facile digeribilità, poveri di grassi e ricchi di zuccheri di pronto utilizzo, in modo da prevenire cali glicemici senza appesantirti: l’ideale è uno spuntino con qualche fetta biscottata, marmellata e un frutto. Durante l’allenamento invece porta con te una bottiglietta d’acqua, per reintegrare i liquidi eventualmente persi con la sudorazione. Leggi anche la dieta in gravidanza

Fai attenzione all’igiene

Se si frequenta la piscina, dopo l’ attività fisica è consigliabile far la doccia con un sapone antimicotico, con un pH leggermente più alcalino, che crea un ambiente ostile alla proliferazione di funghi come la candida (che vive bene in ambiente acido); è opportuno inoltre non stare sedute col costume bagnato a bordo vasca ed indossare sempre le ciabatte; nessun problema invece in acqua, che è già disinfettata dal cloro.

Leggi tutto lo speciale Sport in gravidanza

Altri dubbi? Chiedi consiglio alle mamme del forum nella sezione Consigli sulla gravidanza