Home Gravidanza Salute e benessere

Touched out, cos'è la sindrome da esaurimento materno

di Francesca Demirgian - 31.05.2023 - Scrivici

touched-out
Fonte: Shutterstock
C'è una sensazione che molte mamme sperimentano quando i bambini sono piccoli e le giornate pesantissime. E' il touched out: ecco di cosa si tratta

In questo articolo

Touched out materno, che cos'è?

Quella sensazione che accomuna molte mamme, di non arrivare alla fine della giornata, quel sentirsi sopraffatte, stanche e stressate ha un nome: touched out o sindrome da esaurimento materno.

Soprattutto dopo il parto, quando i figli sono molto piccoli e totalmente dipendenti dalla mamma, questo senso di sopraffazione psichica e fisica può interessare numerose donne. Si tratta di un vero e proprio esaurimento emotivo, psichico e fisico provocato dalle continue richieste del bambino e dall'impossibilità di dire no.

Questo disturbo si manifesta in ogni cultura, quando la donna non ha l'aiuto e il sostegno di cui necessiterebbe dopo l'arrivo di un bebè. Conosciamo meglio cos'è il touched out, come affrontarlo e risolverlo.

Quando si presenta il touched out materno

La sindrome da esaurimento materno si manifesta quando la donna si trova a vivere situazioni troppo pesanti da sopportare, giornate troppo stancanti che le provocano tantissimo stress. La donna finisce in una sorta di bornout - come viene definito in ambito lavorativo - che in questo caso, però, viene indicato dal termine touched out.

Sembra che questa condizione riguardi soprattutto quelle mamme che si prendono cura dei figli 24 ore su 24, senza mai un ricambio, un momento per sé, una pausa. Se manca un supporto familiare, se non ci sono abbastanza sostegni (anche economici) alla genitorialità, il rischio di cadere in touched out è molto alto.

Le circostanze più comuni che possono provocare touched out materno sono:

  • bambino che piange continuamente e vuole solo stare in braccio
  • impossibilità di fare altre faccende che non riguardino il bambino
  • allattamento con poppate lunghe e ripetute e che si protrae ben oltre i 12 mesi
  • nottate insonni
  • assenza del partner o di altre figure di sostegno
  • problemi economici

Le cause del touched out

Dall'inglese "to touch" (toccare), il termine touched out indica proprio la difficoltà che la mamma vive nel non voler abbracciare, baciare, avere contatti con il bambino e spesso anche con il partner.

La mamma affetta dalla sindrome da esaurimento materno soffre il contatto fisico dopo un'intera giornata passata con i propri figli in braccio. 

La dottoressa Mary Kay Fleming, Ph.D., ex professoressa specializzata in sviluppo umano, prima infanzia e genitorialità presso la Mount St. Joseph University in Ohio - in un articolo pubblicato su parents.com - ha sottolineato che se molti anni fa, le donne si dedicavano esclusivamente alla maternità, oggi sono genitori a tempo pieno e professioniste a tempo pieno, fanno tutto e questo ha inevitabilmente delle conseguenze.

L'esperta ha anche sottolineato come i progressi tecnologici ci abbiano reso reperibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e parte della pressione avvertita dai genitori dipende anche da questo.

Conseguenze del touched out materno

Il touched out materno non va confuso con la depressione post-parto, si tratta di due cose diverse, non necessariamente legate. Ci sono mamme che trascorrono il post-parto in serenità, per le quali tutto fila liscio fino al rientro al lavoro. Talvolta i troppi impegni, la stanchezza eccessiva, la gestione della famiglia e della casa possono provocare la sindrome da esaurimento materno.

Uno studio pubblicato da Frontiers in Behavioral Neuroscience nel 2019 ha mostrato come il cervello delle mamme stressate manifesti delle differenze strutturali. Dallo studio è emerso che il cervello di queste donne aveva minore densità di materia grigia in quelle zone del cervello che regolano le emozioni. Inoltre le donne particolarmente stressate possono incorrere in ipercortisolemia, ossia in un aumento eccessivo di cortisolo che, appunto, è l'ormone dello stress. 

In questo caso è bene consultare il proprio medico per capire se sia necessario qualche integratore, qualche farmaco o l'inizio di un percorso psicologico. 

Cosa fare in caso di touched out materno

Se ci si rende conto di essere al limite, se lo stress è troppo e la mamma non ce la fa più ad andare avanti con questo peso insormontabile, è bene che chieda aiuto per tempo, prima di crollare in un forte esaurimento.

Il touched out, infatti, si può curare e superare.

Vediamo cosa si può fare per affrontare il touched out materno:

  • chiedere aiuto ad un esperto, al proprio medico ad esempio o ad uno psicologo
  • delegare: non si può fare tutto da sole e non bisogna vergognarsi di chiedere aiuto
  • ritagliarsi dei momenti per sè: che sia una passeggiata, fare attività fisica, leggere un libro, tutto questo aiuterà la relazione con il bambino e con il partner
  • parlarne: confrontarsi anche con altre mamme può essere d'aiuto
  • non raggiungere il limite: se qualche campanello di allarme avverte che le cose non vanno, che lo stress è troppo, meglio prendere di petto la situazione prima che peggiori.

Fonti: https://www.parents.com/; https://www.mother.ly/

Crea la tua lista nascita

lasciandoti ispirare dalle nostre proposte o compila la tua lista fai da te

crea adesso
TAG:

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli