Gambe

Vene varicose in gravidanza, le cure possibili

vene_varicose
14 Maggio 2013
Prevenire è meglio che curare. Ma le cure possibili esistono, basta rivolgersi a un medico specializzato, un chirurgo o un dermatologo con specializzazione in flobologia (appunto specialista delle vene).
Facebook Twitter Google Plus More

Prevenire è sempre meglio che curare

  • Praticare sport aerobici leggeri: passeggiate o bicicletta.

  • Nuotare: la pressione dell’acqua agisce come una calza di compressione; inoltre l’acqua fresca stringe i vasi.

  • Evitare il sole, le saune, il solarium o bagni bollenti.

  • Massaggiare le gambe con movimenti in direzione del cuore. Non è necessario usare creme specifiche per le vene: ogni crema per la pelle, meglio se fredda, ha lo stesso effetto benefico.

  • Evitare jeans stretti, che tagliano l’inguine quando si sta seduti.

  • Da sedute fare di tanto in tanto ginnastica per i piedi.

  • Quanto più spesso possibile, sollevare le gambe in alto. Sistemare il lato piedi del letto cinque centimetri più in alto.

  • Ultimo consiglio: meglio stare distese o camminare piuttosto che stare sedute o ferme in piedi.

Le cure possibili

A chi rivolgersi. Un medico specializzato, un chirurgo o un dermatologo con specializzazione in flobologia (appunto specialista delle vene).

Come si svolge l’operazione. Il procedimento classico: il medico fa un taglio sopra a livello di inguine e sotto nella gamba, separa la vena dal sistema, ricuce le parti terminali rimaste nel corpo, e rimuove (l'azione si chiama “stripping”) la vena staccata. Con il cosiddetto crio-stripping è necessario solo il taglio superiore; viene quindi introdotto un catetere fino alla parte terminale inferiore della vena, che viene congelata a meno 85° C, e una volta gelata è staccata e rimossa dall’alto. C’è inoltre un’ulteriore variante a questa operazione: la flebectomia secondo Muller. Per questo intervento vengono fatti diversi tagli di 1-2 mm lungo la vena malata, quindi vengono estratti da questi tagli per mezzo di un uncinetto pezzetti della vena stessa.

La sclerotizzazione è ancora attuale? Sì, perché questo metodo ha dato buoni risultati, ed è stato migliorato. Con la sclerotizzazione un composto alcolico viene iniettato nella vena, si crea un'infiammazione e successivamente una sorta di crosticina, e la vena si chiude da dentro. Una nuova variante è la scleroterapia con schiuma: in questo caso l'agente sclerotizzante viene reso schiumoso prima dell’iniezione, in modo che sia più stabile. Nelle vene grandi l'agente liquido può infatti essere portato via dal sangue, in questo modo la vena non si chiude dappertutto e quindi la varice si può riformare. La schiuma, al contrario, si appiccica in modo migliore alle pareti della vena rispetto all'agente liquido. Il dermatologo Stücker dice: “Finora abbiamo avuto buoni risultati con la scleroterapia con schiuma. Tuttavia non siamo ancora in possesso di risultati sul lungo termine.”

Come funziona la terapia a onde radio? Segue in qualche modo il principio della sclerotizzazione: Una sonda viene spinta dalla vena di origine nell'area del ginocchio nella vena malata fino all'inguine. Una volta giunta in alto, la punta viene riscaldata fino a 85° C e quindi fatta scendere nuovamente verso il basso lentamente millimetro dopo millimetro. La vena si cuoce e si chiude.

Esiste un trattamento laser contro le vene varicose? Certo che esiste. Alcuni medici lo propongono; altri invece se ne tengono ben alla larga. La Schwahn-Schreiber dice: “L’energia laser capace di chiudere con sicurezza le vene non è ancora stata scoperta. Il laser può essere regolato troppo caldo, producendo così scottature. Oppure troppo freddo, e in questo modo la vena non si chiude.”

Cos'è la tecnica CHIVA? Con questo metodo la vena malata viene lasciata nel corpo. Il medico cerca quale valvola non si chiude più, quindi lega la vena in quel punto con dei piccoli fili.

Consulenza di Christine Schwahn-Schreiber, chirurgo vascolare tedesco e specialista delle vene.

Leggi anche: Via le vene varicose

Vuoi saperne di più? Vai al forum dedicato alla salute in gravidanza

TI POTREBBE INTERESSARE
  1. Via le vene varicose