Home Gravidanza

Come individuare i segnali di una gravidanza gemellare

di Penelope Greco - 09.02.2021 - Scrivici

gravidanza-gemellare
Fonte: Shutterstock
Come capire se si aspettano dei gemelli e quali sono i sintomi? Ecco tante informazioni utili per riconoscere i segnali della gravidanza gemellare.

Tutto sui segnali della gravidanza gemellare

Secondo il Registro nazionale gemelli dell'Istituto superiore di Sanità, negli ultimi vent'anni in Italia la gravidanza gemellare è cresciuta di circa il 25%. I due fattori principali che hanno portato  all'aumento di questo tasso sono l'aumento dell'età delle neomamme e delle gravidanze da procreazione medicalmente assistita. La frequenza dei parti di gemelli risulta più elevata infatti fra le madri con più di 40 anni (2,4%), e sale al 19,8% nelle gravidanze da procreazione medicalmente assistita. Ma quali sono i segnali più comuni e come riconoscere una gravidanza di gemelli omozigoti o eterozigoti?

Andiamo a scoprire insieme tutte le informazioni utili per arrivare serene alla prima ecografia e scoprire i segnali della gravidanza gemellare.

In questo articolo

Quali sono i valori della beta Hcg in una gravidanza gemellare?

Uno dei primi segnali di una gravidanza gemellare sono i valori della beta hcg. La gonadotropina corionica umana (hCG) è un ormone prodotto dalla placenta nelle donne in gravidanza.
Se il valore delle beta hCG è superiore a 5 mlU/ml di sangue è probabile sia iniziata una gravidanza. In caso di gravidanza gemellare l'aumento può essere ancora più alto e può arrivare a quasi il doppio rispetto alla norma. « I valori delle beta sono più elevati rispetto ad una gravidanza singola tuttavia la diagnosi e' ecografia e non sui valori delle beta » spiega  il Dott. Umbero Gattei, dell'Ospedale Maggiore Policlinico Mangiagalli

Quando si vede una gravidanza gemellare

Una donna può scoprire di avere una gravidanza gemellare verso la 5ª settimana grazie ad una ecografia vaginale o alla 6ª settimana grazie ad una ecografia addominale. Si inizia a conteggiare la gravidanza dal primo giorno dell'ultimo ciclo mestruale

Un'ulteriore ecografia ostetrica, effettuata dopo la 7° settimana, sarà invece necessaria per capire se i due feti si trovano nella stessa sacca amniotica e nella stessa placenta. In questo caso verranno richieste ecografie in modo più frequente. Questo perché bisognerà monitorare con più attenzione che i gemelli si stiano sviluppando entrambi normalmente.

Se in gravidanza normale vengono effettuate circa 3 ecografie, quindi una ogni trimestre, in gravidanza gemellare potrebbero essere più numerose proprio per garantire un maggior controllo dei feti.

Il doppio battito cardiaco dei gemelli

L'ecografia, assolutamente indolore, viene effettuato più volte durante la gravidanza, per seguire la crescita del feto all'interno dell'utero. La prima ecografia deve essere effettuata fra le 6 e le 14 settimane in modo da stabilire di quanti mesi è il feto e di calcolare di conseguenza la data del parto. Durante la prima ecografia il ginecologo valuta anche lo stato di salute degli organi della mamma e della placenta. La prima ecografia, normalmente permette di sentire anche il battito cardiaco del feto. Un bravo esperto, durante l'ecografia, saprà riconoscere il doppio battito cardiaco. Quando la mamma aspetta due bambini si programmano visite e controlli ecografici più assidui, che consentono di monitorare sia il benessere fetale sia lo stato di salute della donna. Anche gli esami del sangue e delle urine vengono eseguiti in tempi più ravvicinati, per eventuali carenze o patologie.

Gravidanza gemellare e movimento fetale precoce

Sembra che le donne con gravidanza gemellare, a differenza delle donne primipare che sentono i movimenti verso la 20esima settimana, riescano a sentire prima i movimenti del feto, anche in differenti parti dello stomaco. «Riguardo i movimenti fetali in verità - ci racconta il Dott. Gattei -  il fattore più importante che porta a sentirli precocemente è il fatto di avere già avuto una precedente gravidanza.»

Come cresce la pancia in una gravidanza gemellare

Secondo l'ospedale Humanitas Pio X, non esiste una regola valida per quanto riguarda l'aumento di peso. Il numero di chili "in più" dipende da molti fattori: il peso prima di rimanere incinta, l'indice di massa corporea, lo stato di salute della mamma e la conformazione del bambino. In generale, l'aumento di peso consigliato è tra gli 8 e i 12 kg. Una gravidanza gemellare naturalmente, porterà un aumento di peso ulteriore. Sicuramente si noterà prima la crescita della pancia per quanto riguarda una gravidanza gemellare. La donna che aspetta un solo figlio infatti, in genere inizia a "mostrare" la pancia a circa 18-20 settimane di gravidanza, mentre quelle con due gemelli intorno alle 14-15 settimane.

Gravidanza gemellare: tutto sul parto

Secondo la Clinica Mangiagalli di Milano, la gravidanza gemellare ha una maggiore probabilità di concludersi pretermine. Il parto potrà essere naturale solo se il primo dei gemelli si trova in posizione cefalica. In caso contrario, e in caso di complicanze sopraggiunte durante il parto, si renderà necessario eseguire un cesareo. Secondo quanto riportato dal Dipartimento di Scienze Ostetrico-Ginecologiche, Urologiche e Fisiopatologia della Riproduzione Umana, Università di Napoli "Federico II", il rischio di parto pretermine è nettamente più elevato nelle gravidanze plurime rispetto alle singole. Nascono prima della 37a settimana il 50% dei feti bigemini, il 90% dei feti trigemini e solo il 9% dei feti singoli e prima della 32a settimana rispettivamente il 10,6 %, il 30,9% e l'1,2% .

Fonti articolo: Azienda Sanitaria di Firenze, Policlinico Milano, Humanitas San PioX e Stanford Childrens

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli