Nostrofiglio

Gravidanza

Perdite da impianto o inizio mestruazioni?

cuore-pancia

26 Novembre 2013 | Aggiornato il 17 Ottobre 2017
Se il concepimento c’è stato, al momento dell’impianto in utero dell’embrione può capitare di avere modeste perdite ematiche, che però sono molto più tenui e scarse rispetto alle mestruazioni e per questo difficili da confondere.

Facebook Twitter Google Plus More

A volte, ma è un evento poco frequente, può verificarsi nelle primissime fasi di una gravidanza di avere piccole perdite rosate o marroncine, in concomitanza con l'impianto dell’embrione. Sono le cosiddette perdite da impianto, ma come distinguerle dall'inizio delle mestruazioni?

Perdite da impianto: che cosa sono?

Se c'è stato concepimento l'embrione si sposta dalla tuba, dove è avvenuta la fecondazione, verso l'utero. Qui, a distanza di 5-7 giorni dal concepimento, avviene l'impianto dell'embrione stesso nella parete uterina e proprio in concomitanza di questo evento possono verificarsi piccole perdite rosate o marroncine.

Queste perdite sono difficili da confondere con una mestruazione, perché sono molto più tenui e scarse e durano molto meno: in genere qualche ora, al massimo un giorno. Tanto che a volte la donna neppure se ne accorge. Inoltre, si verificano in genere qualche giorno prima rispetto a quando dovrebbero arrivare le mestruazioni.

Se si desidera molto una gravidanza, però, può capitare di attribuire a perdite di impianto le prime perdite della mestruazione in arrivo. In questi casi, il passare del tempo confermerà che si trattava proprio di mestruazioni.

Perdite da impianto: sono pericolose?

Le perdite da impianto non sono assolutamente pericolose per la gravidanza, ma possono spaventare le donne, perché fanno pensare all'arrivo delle mestruazioni, e quindi a una mancata gravidanza, oppure a una minaccia d’aborto.

Le perdite dovute a minaccia d’aborto, però, avvengono in genere più tardi, sono  più abbondanti e di colore rosso vivo e si accompagnano a dolore pelvico. In ogni caso, se si sa di aver avuto rapporti non protetti nei giorni fertili e compaiono perdite "insolite" più o meno quando dovrebbero arrivare le mestruazioni, conviene fare un test di gravidanza.

Se il risultato è positivo, meglio fissare una visita dal ginecologo dopo circa due settimane per accertarsi che la gravidanza sia incominciata nel migliore dei modi. (LEGGI ANCHE: PRIMA VISITA DAL GINECOLOGO)

Fonti per questo articolo: sito web webmd.com; consulenza di Rossana Sarli, specialista in ginecologia e ostetricia a Genova.

Ti potrebbe interessare: Minaccia d'abortoLa prima visita dal ginecologo