Nostrofiglio

Guida gravidanza

25 Venticinquesima settimana di gravidanza

feto25settimane

04 Agosto 2015
Ecco che cosa succede al tuo corpo e al tuo bambino durante la venticinquesima settimana di gravidanza. Con la consulenza scientifica della ginecologa Elisabetta Canitano, presidente dell'associazione onlus Vita di donna.

Facebook Twitter Google Plus More

Ecco che cosa succede al tuo corpo e al tuo bambino durante la venticinquesima settimana di gravidanza. Con la  consulenza scientifica della ginecologa Elisabetta Canitano, presidente dell'associazione onlus Vita di donna.

 

In previsione del parto


Il piano del parto Mancano ancora 15 settimane al termine della gravidanza, però può essere già tempo di pensare al Piano del Parto o Birth Plan. Il Piano del parto è già tradizione in alcuni paesi europei (la Spagna, per esempio) ma da noi stenta ad affermarsi.

 

E’ un semplice foglio scritto e firmato dalla futura mamma, da presentare nel momento in cui si entra nel reparto di maternità per partorire, oppure qualche giorno prima. In questo foglio si devono annotare i propri desideri rispetto al parto e alle prime cure da dedicare al bambino subito dopo la sua nascita. Per esempio, si può scrivere che non si vuole l’episiotomia, che si desidera partorire accovacciate e che si vuole attaccare subito il bebè al seno. Autorizzano queste richieste sia le indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità relative ai diritti della partoriente e del neonato, sia la legge italiana del 2006 sulla “tutela dei diritti della partoriente, la promozione del parto fisiologico e la salvaguardia della salute del neonato”.

 

Va detto che alcuni punti nascita ignorano questa opportunità, ma non ci si non deve scoraggiare: presentarsi con le proprie richieste scritte, comunque, può convenire. Il documento deve avere come destinatario il responsabile della struttura e le ostetriche che vi prestano servizio. Nel documento vanno indicate le proprie generalità e le varie richieste, specificando che vengono fatte perché considerate importanti per poter affrontare in modo sereno e consapevole la nascita del proprio bambino. Prima della firma bisogna anche aggiungere che non si esiterà a seguire le indicazioni dei medici o delle ostetriche qualora decidessero di intervenire anche infrangendo una richiesta, considerandolo necessario per la salute della mamma, del bambino o di entrambi.  

 

PARTO CESAREO: ECCO QUANDO
Il parto naturale è quanto di meglio ci si possa augurare, per ragioni molto ovvie, prima tra tutte il fatto che non impone alcuna incisione dell’utero. Può però accadere che non sia un’opzione possibile e che quindi i medici ritengano opportuno ricorrere al cesareo. Dunque è importante sottolineare che, in generale, il cesareo non è un’alternativa al parto naturale, ma una vera e propria ultima spiaggia a cui i medici ricorrono quando davvero non è possibile optare per il parto vaginale perché i rischi sarebbero maggiori dei benefici
Oltre che particolari situazioni d'emergenza, le indicazioni assolute al cesareo sono: bacino della mamma molto stretto in relazione alla circonferenza cranica del bambino; placenta previa (cioè che ostruisce il canale cervicale che è il passaggio obbligato verso l’esterno); posizione podalica del bambino (a testa in su), alcune infezioni materne, alcuni casi di ritardo di crescita fetale.
Il parto gemellare non è un’indicazione assoluta, però in molti punti nascita la tendenza è quella di eseguirlo comunque, perché le complicazioni quando i bambini sono due possono subentrare all’improvviso costringendo a un cesareo d’urgenza, più rischioso di un intervento programmato. Se la posizione dei due piccini è favorevole, in alcuni ospedali si può comunque chiedere (e ottenere) di provare a partorire naturalmente.

 

Il feto nella venticinquesima settimana di gravidanza


Riconosce perfettamente la voce della mamma e il suo suono lo tranquillizza. Sotto la pelle iniziano a formarsi i primissimi depositi adiposi che rendono il suo aspetto via via più simile a quello che avrà alla nascita.

 

Guarda anche il video sulla 25esima settimana di gravidanza